La situazione in Terra Santa attraverso il racconto di Nadine Bahbah

Condividi su...

“Si avvicini in Israele e Palestina, dove la guerra scuote la vita di quelle popolazioni. Le abbraccio tutte, in particolare le comunità cristiane di Gaza, la parrocchia di Gaza, e dell’intera Terra Santa. Porto nel cuore il dolore per le vittime dell’esecrabile attacco del 7 ottobre scorso e rinnovo un pressante appello per la liberazione di quanti sono ancora tenuti in ostaggio.

Supplico che cessino le operazioni militari, con il loro spaventoso seguito di vittime civili innocenti, e che si ponga rimedio alla disperata situazione umanitaria aprendo all’arrivo degli aiuti. Non si continui ad alimentare violenza e odio, ma si avvii a soluzione la questione palestinese, attraverso un dialogo sincero e perseverante tra le Parti, sostenuto da una forte volontà politica e dall’appoggio della comunità internazionale”.

Da queste parole dette da papa Francesco nel messaggio ‘Urbi et Orbi’ natalizio iniziamo un colloquio con Nadine Bahbah, responsabile della comunicazione della Caritas di Gerusalemme, chiedendole di raccontarci la situazione in Terra Santa:

“La situazione attuale è caratterizzata da paura, ansia, stress e intolleranza. L’animosità è in aumento e la convivenza non è più la norma. Bisogna essere attenti e prudenti, perché un passo falso o una parola mal scelta potrebbero causare problemi. Tutti sono in massima allerta, pronti a cercare rifugio al suono delle sirene di emergenza.

Ci sono più di 2.100.000 persone a Gaza; solo circa 1.000 di loro sono cristiani. La maggior parte dei cristiani ha cercato rifugio attorno ai complessi della Chiesa, sperando che i razzi incessanti non li colpissero. Tuttavia, il 19 ottobre, quando è stata colpita la sala adiacente a San Porfirio, si sono resi conto che nessun posto è sicuro e che non c’era nessun posto dove scappare. Qualunque destino sia previsto per i musulmani, lo è anche per i cristiani. I razzi non hanno religione, né distinguono tra civili e soldati.

Il 16 dicembre 2023, un cecchino delle IOF ha ucciso due donne cristiane all’interno della parrocchia della Sacra Famiglia a Gaza, dove la maggior parte delle famiglie cristiane si sono rifugiate dall’inizio della guerra. La stessa mattina un razzo lanciato da un carro armato IOF ha colpito il convento delle suore di Madre Teresa che ospita oltre 54 persone disabili sfollate e senza accesso ai respiratori di cui alcuni di loro hanno bisogno per sopravvivere.

I cristiani di Gaza sono riuniti nei due complessi, per ora hanno il loro cibo di base (in scarsità), ma stiamo facendo del nostro meglio con la nostra rete per rifornire le scorte; vivono nella paura e nei continui bombardamenti e pregano di non essere colpiti nuovamente”.

Fino a quale punto sono ascoltati gli appelli di papa Francesco?

“Ad essere sincera, gli appelli di nessuno vengono ascoltati. Tutti i leader che chiedono un cessate il fuoco non vengono ascoltati”.

Come sono presenti i cristiani in Terra Santa?

“Come il resto dei palestinesi non cristiani. La guerra sta avendo un grande impatto su tutti i palestinesi, molti dei quali stanno contemplando l’immigrazione a causa dell’instabilità e del futuro imprevedibile”.

Quale tipo di rete siete in grado di offrire a chi presta aiuto a Gaza?

“Per supportare i nostri colleghi a Gaza abbiamo implementato un sistema di supporto allo staff semplice ma altamente efficace. Abbiamo raccolto tutte le informazioni di contatto dei nostri dipendenti a Gaza, così come di chi lavora a stretto contatto. Dalla sede, manteniamo una comunicazione regolare con loro (quando c’è elettricità o copertura), offrendo ascolto, sostegno emotivo e qualsiasi altro aiuto di cui possano aver bisogno.

Durante queste conversazioni, condividono con noi i loro sentimenti, ci aggiornano sulle condizioni delle loro famiglie, di amici e vicini, e discutono di come stanno gestendo le loro situazioni quotidiane stressanti. Inoltre, siamo attivamente impegnati in discussioni interne ed esterne per fornire ulteriore assistenza una volta che sarà sicuro mobilitarsi”.

Qual è l’impegno della Caritas?

“Stiamo facendo del nostro meglio per fornire alle persone fondi per le loro necessità quotidiane di base, come cibo e medicine. Al momento non ci è consentito introdurre alcuna assistenza tangibile oltre confine. Tuttavia, l’acquisto di prodotti alimentari da Gaza sta diventando molto impegnativo, quindi stiamo discutendo altre opzioni o scenari per superare questa sfida. Per la distribuzione multiuso del contante: stiamo raccogliendo i nominativi e le informazioni/documentazioni necessarie dei beneficiari.

Abbiamo completato le attività relative al Rapid Response (RR) finanziato dai nostri partner e coordinato da Caritas Internationalis. Siamo riusciti ad assumere un consulente psicosociale e a completare tre sessioni per il personale di Gerusalemme e Betlemme, e stiamo pianificando di fare lo stesso a Gaza. Siamo intervenuti anche per altri bisogni primari attraverso le nostre reti per Gaza. Per supportare i colleghi di Gaza abbiamo implementato un sistema di supporto al personale di Gaza semplice ma altamente efficace.

Abbiamo raccolto tutte le informazioni di contatto dei nostri dipendenti a Gaza, nonché di coloro che lavorano a stretto contatto con loro. Dalla sede manteniamo una comunicazione regolare con loro (quando c’è elettricità/o copertura), offrendo loro ascolto, supporto emotivo e qualsiasi altra assistenza di cui possano aver bisogno.

Durante queste conversazioni, condividono i loro sentimenti, ci aggiornano sulla condizione delle loro famiglie, dei loro amici e dei vicini e discutono di come gestiscono le situazioni stressanti quotidiane. Inoltre, siamo attivamente impegnati in discussioni interne ed esterne per fornire ulteriore assistenza una volta che la mobilitazione sarà sicura”.

Cosa possono fare gli europei per sostenere i civili indifesi?

“Nell’attuale situazione, ci sono due modi in cui è possibile sostenere in modo significativo i cittadini indifesi di Gaza che sono coinvolti in aree di conflitto. Il primo modo è fornendo aiuti umanitari. Gli europei possono partecipare attivamente donando o lavorando con organizzazioni e iniziative che forniscono beni essenziali come cibo, medicine e riparo a coloro che sono stati colpiti. Il secondo modo è sensibilizzare sulla situazione. Diffondere la consapevolezza della crisi in corso è cruciale. Gli europei possono contribuire a promuovere una risposta collettiva condividendo informazioni e sostenendo un immediato cessate il fuoco e l’apertura dei valichi di frontiera umanitari”.

Per sostenere le popolazioni in Terra Santa si può effettuare un bonifico bancario intestato a: FOCSIV Campagna Focsiv-Caritas – IBAN IT87T0501803200000016949398; oppure con Conto Corrente postale n° 47405006 intestato a: FOCSIV – Causale: FOCSIV-CARITAS ITALIANA – ‘Insieme per gli ultimi’; oppure online dal sito della Caritas italiana con Carta di credito.

(Tratto da Aci Stampa)