Blog dell’Editore

2014-2024. Cosa è cambiato nella Chiesa rispetto alle persone e famiglie mafiose?

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 29.02.2023 – Ivo Pincara] – Nonostante l’esplicito divieto di riti funebri pubblici per Gaetano Riina, fratello del “boss dei boss” corleonese, morto a 90 anni, mentre stava scontando ancora una condanna per associazione mafiosa, Don Nicola Misuraca, Rettore della chiesa del cimitero di Mazara del Vallo dove è sepolto, ha celebrato domenica scorsa una Santa Messa pubblico in suffragio, come hanno riportano Fanpage (con le foto) [QUI] e i media locali. Mons. Angelo Giurdanella, dal 29 luglio 2022 Vescovo di Mazara del Vallo, ha criticato duramente la decisione del cappellano, nominato da lui alcuni mesi fa, perché «ha disubbidito alle norme della Chiesa da tutti conosciute e, quindi, saranno presi i dovuti provvedimenti disciplinari».

Il vandalismo azero non impedirà che la Croce di Cristo risplenderà sull’Artsakh per sempre

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 29.02.2023 – Vik van Brantegem] – A Stepanakert è stato abbattuto il busto in memoria di Charles Aznavour, uno dei massimi interpreti della musica mondiale. Il Consiglio di Stato per la Protezione del Patrimonio Culturale dell’Artsakh ha dato notizia attraverso la propria pagina Facebook, di questo atto vandalico degli Azeri: «Il regime azerbajgiano ha smantellato il monumento a Charles Aznavour, eretto in occasione del centenario del famoso cantante, situato accanto al Centro della Francofonia Paul Eluard a Stepanakert».

La maggioranza non necessariamente ha ragione

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 28.02.2024 – Aurelio Porfiri] – Ci viene spesso ripetuto che uno dei vantaggi del regime democratico è quello di garantire che la maggioranza stabilisca ciò che è necessario per la nazione. Ora, come l’esperienza ben ci insegna, la maggioranza non è affatto garanzia di scelte ragionate.

Immagini che non lasciano spazio a dubbi

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 28.02.2024 – Antonio Brandi] – Sai qual è il segreto di ogni buon prestigiatore? Ogni volta che si deve far sparire qualcosa, l’ideale è far distrarre il pubblico. È una tecnica che la lobby abortista conosce molto bene. Per distrarre la coscienza delle persone dall’orrore che l’aborto porta con sé (la soppressione di un essere umano innocente), è stata messa in campo la più grande strategia di distrazione di massa mai escogitata, per far sparire il protagonista dell’aborto: il concepito.
Hanno tolto di mezzo la vittima, privandolo della sua umanità: non più un essere umano, ma un “grumo di cellule”, un “parassita”, una cosa scartabile per “diritto”. Si è trattato di un colpo da maestro degli abortisti, un inganno micidiale, a cui hanno creduto milioni di donne, anche quelle stesse che oggi portano sul loro corpo e nella loro anima ferite devastanti.

Colorati il volto di Speranza… N.45 #VoltiDiSperanza e la Quaresima 2024 con l’Associazione Amici di Santina Zucchinelli

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 28.02.2024 – Vik van Brantegem] – Da ieri lunedì 26 febbraio 2024, è disponibile su Amazon [QUI] il 45° libretto della collana #VoltiDiSperanza della Fondazione Santina Onlus dal titolo Amalia, con qualche giorno di ritardo sulla data che avevamo annunciato nella nostra anticipazione dell’11 febbraio scorso [QUI].

Padre Jarek Cielecki prega per la pace tra gli agricoltori polacchi che protestano a Dorohusk sul confine polacco-ucraino

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 27.02.2024 – Vik van Brantegem] – Ieri, lunedì 26 febbraio 2024 Padre Jarosław Cielecki è andato a pregare per la pace con gli agricoltori al confine polacco-ucraino. Ha benedetto la terra dell’Ucraina e della Polonia con le Sacre Reliquie di San Giovanni Paolo II e di San Charbel. Padre Jarek era accompagnato da una rappresentanza della Parrocchia, composta da persone che gestiscono delle aziende agricole.

Candeggina nell’acqua e nel vino della Messa per intimidire il parroco calabrese, che risponde: “La mia vendetta si chiama amore”

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 26.02.2024 – Vik van Brantegem] – I parroci calabresi continuano a ricevere minacce e intimidazioni con inquietanti ed inequivocabili “messaggi”. Poche settimane abbiamo riferito dell’aggressione e dell’auto incendiata a Don Gianni Rigoli, Parroco di Santo Stefano e di San Nicola in Varapodio, piccolo centro tra Taurianova e l’Aspromonte, della città metropolitana di Reggio Calabria, Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi [QUI]) e dell’auto danneggiata, dopo le minacce e lettere intimidatorie, che coinvolgevano anche il Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, Mons. Attilio Nostro, inviate a Don Felice Palamara, OSC, Parroco di San Nicola in Pannaconi, frazione di Cessaniti in provincia di Vibo Valentia, Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea [QUI].

La presentazione a Coreno Ausonio del libro in ricordo di Don Simone Di Vito

Sabato 24 febbraio 2024 alle ore 16.30 a Coreno Ausonio, il piccolo Comune ciociaro dove è nato Don Simone Di Vito – scomparso poco più di un anno fa, il 2 febbraio 2023 – come abbiamo annunciato [QUI], è stato presentato il libro Don Simone Di Vito. Incontri, scatti e ricordi curato da Anna Maria Lepone (Armando Caramanica Editore 2024, 136 pagine, 20 Euro [QUI]), da oggi nelle librerie ed edicole del territorio di Minturno, Formia, Gaeta e Castelforte.

La dicotomia, che rende il Papa sempre più solo

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 26.02.2024 – Andrea Gagliarducci] – Questa settimana, il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, il Cardinale Francis Prevost, O.S.A., Prefetto del Dicastero per i Vescovi, e il Cardinale Víctor Manuel Fernández, Prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede, hanno inviato una lettera al Cammino sinodale tedesco con la richiesta di non votare sull’istituzione di un Consiglio di gestione e decisione [QUI]. Questo Consiglio sarebbe composto da vescovi (circa 27) e laici, che si incontrerebbero per discutere e prendere decisioni sui temi dell’autorità ecclesiastica, del ruolo della donna, della morale sessuale e della vita sacerdotale. La richiesta è stata accolta e il voto è stato cancellato dalla prossima sessione del programma del Cammino sinodale.

Convegno “L’ordinamento del Regno delle due Sicilie tra storia e diritto” presso l’Archivio di Stato di Napoli

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 24.02.2024 – Vik van Brantegem] – Si svolgerà venerdì 1° marzo 2024 alle ore 15.00 presso l’Archivio di Stato di Napoli, in piazzetta Grande Archivio 5, il Convegno Riflessioni critiche su “L’ordinamento del Regno delle due Sicilie tra storia e diritto. La Gran Corte dei conti”, a partire dal libro di Eugenio Francesco Schlitzer. Presiede il Convegno organizzato dall’Associazione Magistrati della Corte dei conti, Franco Gaetano Scoca, Professore emerito dell’Università “La Sapienza” di Roma.

151.11.48.50