Papa Francesco: la Beata Teresa di Gesù ha fondato la congregazione sull’Eucarestia

Condividi su...

Maria Teresa di Gesù, al secolo Karolina Gerhardinger, nacque in un sobborgo di Ratisbona in Baviera, il 20 giugno 1797, frequentò la scuola femminile delle Canonichesse di Notre-Dame e all’età di 12 anni, essa accolse prontamente la chiamata a divenire insegnante; e più tardi fondò la sua congregazione per l’educazione, rispondendo, così, a una grande sfida del suo tempo; sfida che interpretò come una speciale chiamata di Dio nei suoi riguardi.

Con la guida spirituale del vescovo Wittman, ben convinto del fatto che le donne e le madri determinano la vita morale delle città e delle nazioni, Maria Teresa di Gesù si consacrò, insieme alle consorelle, soprattutto all’educazione cristiana della gioventù femminile, per ottenere il risanamento morale delle famiglie e il miglioramento della società mediante la formazione di buone madri e donne di casa. Si spense a Monaco il 9 maggio 1879.

Partendo dalla vita di questa beata papa Francesco ha ricevuto in udienza le partecipanti al 25° Capitolo Generale delle Suore Scolastiche di Nostra Signora, che si conclude venerdì 17 novembre, anniversario della beatificazione, mettendo in risalto alcuni punti essenziali della vita della beata:

“La vita della beata Teresa è stata una testimonianza di fede trasformante, di coraggio nel creare nuove vie e di dedizione all’educazione dei giovani. La sua pedagogia voleva essere integrale: insieme all’istruzione intellettuale comprendeva anche la cura dello spirito e la formazione di persone compassionevoli, responsabili e incentrate in Cristo, cioè la formazione del cuore, per avere compassione. Sulle sue orme, voi avete proseguito lungo queste tre strade dell’educazione, del servizio e della spiritualità”.

Inoltre ha sottolineato che la vita religiosa ha fondamento nella povertà: “Mi piace questo: ancorare nella povertà. Senza la vera povertà, non c’è vita religiosa. La povertà è quella che custodisce la vita consacrata. E non solo è una virtù, no, è la custode.

Non dimenticare questo. Questo saldo fondamento ha permesso alle School Sisters of Notre Dame di andare in tutto il mondo e di testimoniare il Vangelo, rendendo visibile Cristo attraverso la vostra presenza, piena di fede, speranza e carità”.

Ha anche rilevato l’importanza del tema del Capitolo generale: ‘Essere testimoni profetici per una comunione universale’: “Le Scritture ci offrono numerosi riferimenti alla vocazione profetica di singoli e comunità che hanno promosso la comunione tra i diversi membri del santo Popolo fedele di Dio.

Penso, ad esempio, al profeta Geremia, la cui missione è stata di unirsi al popolo d’Israele nella sua sofferenza per aiutarlo a riconoscere e a rispondere all’amore di Dio che sempre vuole fare alleanza… Infatti il vostro carisma di ‘condurre tutti all’unità per cui Cristo fu inviato’ è fondato sul desiderio di Gesù dell’unità tra tutti quelli che credono in Lui”.

Oltre al servizio di Gesù la vita consacrata è servizio al prossimo, come afferma l’esortazione apostolica ‘Vita consecrata’: “Come donne che professano i consigli evangelici, voi siete state a lungo pioniere nell’abbracciare la dimensione profetica della vita consacrata, che ‘costituisce memoria vivente del modo di esistere e di agire di Gesù come Verbo incarnato di fronte al Padre e di fronte ai fratelli’.

E la vostra dedizione è segno, oltre che del dono che avete fatto di voi stesse al Signore, anche della vostra disponibilità a servire, in Lui, tutti i nostri fratelli e sorelle”.

E concludendo l’incontro il papa le ha invitate ad ascoltare: “A noi piace parlare sempre, a tutti. E non solo alle donne, anche a noi. A tutti. Ma è così difficile imparare ad ascoltare. Il Signore ci parla anche attraverso gli altri.

Ascoltare gli altri, e non, mentre l’altro parla, pensare: ‘Cosa risponderò?’ No. Ascoltare: che arrivi al cuore e poi, se sento di rispondere, rispondo. Ascoltare è proprio una virtù che noi dobbiamo far crescere nelle nostre comunità, nella vita consacrata. Ascoltare il Signore, ma ascoltare i fratelli e le sorelle. Questo è molto importante”.

(Foto: Santa Sede)

151.11.48.50