Abitare la misericordia nelle situazioni imperfette/incompiute/ferite: genetliaco del gruppo diocesano ‘Il buon Pastore’ di Palermo (Tutors coniugi Marcella e Francesco Trombetta)

Condividi su...

Ho preferito, come studioso di Diritto e di Teologia, riassumere la nostra lunga storia con i miei link fra loro collegati e qui pubblicati interpretativi di: Mt 5,31-32“ porneia”porneia”; “I catari”, n. 8 del Concilio di Nicea del 325; Magistero del Conc. Ec. Vat. II; Sinodi mondiali sulla famiglia conclusi nel 1981 e nel 2016 con le Es. Ap. F. C. ed A. L. con cui i Papi Giovanni Paolo II e Francesco valorizzano la misericordia per le coppie aventi il nostro “status”; “ratio” delle Regole Procedurali del MIDI del 2015 sulla nullit à matrimoniale; artt. 128 e ss. (nuovo Dicastero per i laici, dedicato anche ai fedeli conviventi, divorziati risposati ecc.) della Costituzione Apostolica della Santa Sede del 19/3/2022.

In essi è specificata l’analitica esperienza trentennale collegata sinergicamente a quella del nostro percorso spirituale di coppia (e pastorale dal 2013 con le nostre 25 coppie), iniziato nel 2003, di cui quest’anno festeggiamo il compleanno con un brindisi promettente esteso a tutti voi, ringraziando la SS. Trinità per l a misericordia donataci (la nostra ricezione eucaristica nella cappella del Santo Sepolcro a Gerusalemme 10 anni fa, preceduta dal discernimento in f. i. sul lago di Tiberiade e dal rinnovo delle promesse battesimali sul fiume Giordano, con un Sacerdote c olto ed illuminato che ringraziamo sempre) dalla quale, senza alcun merito, siamo stati assistiti https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.korazym.org%2F78504%2F a palermo riattivato il percorso per le coppie di fedeli divorziati risposati a colloquio con il tutor fondatore prof francesco trombetta%2F%3Ffbclid%3DIwAR0gtR_OCw_Xx3vWXKSl1d cfr. altri link).

Tale metodologia pastorale canonica (orientata verso l’Eucaristia istituita da Gesù Cristo nell’ultima cena, splendidamente rappresentata nell’icona qui riprodotta) ritengo che possa essere conforme a quelle esistenti in altre realtà cattoliche del pianeta c he seguo quasi quotidianamente, mi riferisco in particolare a quelle conosciute più recentemente, all’ Arcidiocesi di Trani (SFADS) ed all’Arcidiocesi di Milano ACOR), fondata sull’espressione più pura della ‘misericordia’ (nell’accezione ebraica “HESEDO ”, greca “ELEOS”, latina “MISERICORS”, evidenziata dal Papa citando, durante le Sue preziose omelie alle quali ci siamo sempre ispirati , Es. 34,619; Sal 183; Lc 6,36;Mt 5,7 “Nella misura in cui si riceve da Dio si dona al fratello e nella misura in cui si dona al fratello si riceve da Dio” Dio”) sulla quale sono imperniate molte catechesi tratte dal Vangelo menzionate nei miei link ( qui pubblicati), svolte da Marcella, sviluppata in particolare con le relazioni e con i convegni realizzati da noi insieme alla n ostra guida spirituale e al nostro Team permanente che apprezzo sempre (Prof. Padre Giovanni Salonia, Avv. can. Sergio Bellafiore, Accolito Diego Talluto: cfr. tutta la nostra attività https://pastoralefamiliare.chiesadipalermo.it/wordpress6/il buon pastore/ fondato con mia moglie

Marcella nel 2013, sotto l’egida del Card. P. Romeo, Arcivescovo emerito di Palermo https://youtu be.com/channel/UcfPLs fwBXMH6EejYmCu0uQ ) accompagnando 25 coppie che ‘gradualmente’ ( n. 34 F.C.) hanno ottenuto per Grazia di Dio la ricezione eucaristica previo discernimento in foro interno (dopo l’incarnazione di temi teologico giuridici, pubblicati nel sottostante sito religioso, imperniati sulle loro fragilità emerse e/o da noi percepite nei loro sfoghi https://gloria.tv/share/yvVM2sXtKiLe2qf1rEx6iVBfh ) con la guida del citato Parroco dell’Annunciazione del Signore di Palermo, Don Cesare Rattoballi.

Fra i frutti della misericordia ottenuti, con l’assistenza dello Spirito Santo, ritengo che possano contemplarsi anche quelli prodotti per effetto delle decisioni (a me trasmesse tempestivamente dai fedeli interessati ) elaborate magistralmente dal Tribunale ecclesiastico di Palermo in brevissimo tempo.

Infatti ad alcuni è stata notificata la sentenza di nullità e si sono risposati in chiesa (in pa rticolare il 5 Maggio 2022 in periodo pandemico si sono sposati canonicamente Giovanna ed Angelo già sposati civilmente da oltre 20 anni alla presenza dei figli comuni, adesso in attesa di prole; le nozze più recenti sono quelle realizzate, dopo una causa più complessa conclusa con ottimi risultati con nostro sommo gaudio, fra Linda e Gianni il 10 Giugno 2023, testimone per lui il suo primo figlio, testimone per lei il loro figlio comune, universitario, da cui è stata accompagnata all’altare, con una suggestiva e commovente celebrazione di Padre Cesare in Parrocchia alla quale abbiamo assistito con Marcella), altri hanno le cause pendenti precedute sempre dalla nostra indagine pastorale/pregiudiziale, formalizzata in un atto giuridico da me creato su base ermeneutica (n. 244 A.L. Regole Procedurali artt. 2 e ss.MIDI) allegato alla documentazione probatoria, menzionato dal Giudice nella sentenza di accoglimento della nullità matrimoniale (https://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.korazym.org%2F82310%2Fil dott. Trombetta illustra alcuni casi riguardanti la nullita matrimoniale%2F%3Ffbclid%3DIwAR1vglRkxhY7weiX8admf1Sdl0w_PBbRzzNkqj9vrxLxV4D L PdWRwU9 Mt4&h=AT2NI4X5N7clREH_UEqfme C8HXrGHUbIooN9iAyAXpNWfzT096ngg9j3ZoXPfgfRUC5CGi34RL3imhLiZHVCxUmyw6ZJR rAtIhKw8QmxaNBknQ2HW7n2Ld xX3IIbl cwzo cfr. altri link collegati).

151.11.48.50