‘Dare luce alle stelle’: cortometraggio dedicato all’Annunciazione a Maria da un componimento di mons. Angiuli

Condividi su...

La Fondazione di Partecipazione PCE ‘Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae’ comunica che mercoledì 14 e giovedì 15 dicembre alle ore 19.00, presso l’ Auditorium Benedetto XVI – S.S.  275 – Alessano, con ingresso libero, sarà possibile assistere alla visione del cortometraggio ‘Dare luce alle stelle’ ispirato al componimento poetico ‘L’annuncio dell’Angelo a Maria’ di mons. Vito Angiuli.

Don Stefano Ancora, presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione di Partecipazione PCE ‘Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae’, in occasione della visione in anteprima, alla quale, oltre allo stesso mons. Vito Angiuli, Vescovo di Ugento – S. Maria di Leuca, ha assistito mons. Paolo Gualtieri, Nunzio Apostolico della Santa Sede in Perù, insieme ai parroci, ai sindaci ed ai dirigenti scolastici operanti nelle città della diocesi ha presentato il breve film:

“La visione del cortometraggio permetterà di ascoltare il messaggio che apre al mistero del Natale che tra qualche giorno celebreremo, grazie alle  parole impastate di poesia che mons. Vito Angiuli ha fissato con inchiostro ormai 40 anni fa, dando suono, profumo e gusto a ciò che accadde nel silenzio di una nuda casa di Nazareth ad una fanciulla di nome Maria. Cercando di dare immagine alla sua poesia, permettendo ancora una volta alla parola di prendere forma.

E’ il modo per accompagnare quest’anno la comunità diocesana ad aprire il cuore all’Emmanuele, il Dio che viene per essere con noi. Ed è il nostro modo per ringraziare Dio per il ministero episcopale del nostro vescovo Vito, per il suo impulso pastorale e culturale che ha dato alla nostra Chiesa e unirci così ‘in laudem gloriae’.

Per tutti questi motivi nasce l’idea e il desiderio di realizzare ‘Dare luce alle stelle’, un cortometraggio che impasta la poesia delle parole con la poesia dei volti e delle immagini. Un lavoro reso possibile grazie all’impegno, alla competenza e alla disponibilità di molti.

Le cose belle vengono alla luce in modo misterioso e unico, quasi per caso. Singolare è il fatto che il musicista Claudio Contaldo, trovandosi ricoverato presso l’Ospedale ‘card. Panico’ di Tricase, per tramite dell’allora cappellano don Antonio Riva (attuale Parroco di Specchia), chiese al vescovo Vito un suo scritto su cui poter lavorare musicalmente e così è avvenuto.

Le cose belle nascono anche, o forse soprattutto, nei momenti di grande travaglio interiore e di grandi sofferenze. E questo non è solo un caso, come molti possono pensare, ma è la Provvidenza di Dio che muove tutto secondo un fine di bene e perciò di vero e di bello, e così noi crediamo”.

Don Stefano Ancora ha concluso ringraziando il Direttore del Parco Culturale Ecclesiale ‘Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae’, don Gionatan De Marco, regista del cortometraggio, per l’infaticabile creatività.  Ha ringraziato particolarmente Claudio Contaldo, per il grande lavoro di musicare tutti i versi di mons. Angiuli, che ha ispirato l’idea di realizzare questo cortometraggio.

Ad Adriano Rizzo, Alessandra Valente e Sergio Filippo che hanno seguito i vari ambiti utili per realizzare tutto il lavoro, dalle riprese, al coordinamento, alle musiche. Un grazie a tutti coloro che dietro le quinte hanno collaborato per realizzare coreografie e acconciature.

Il sacerdote ha rivolto un ringraziamento sincero a tutti coloro che hanno accettato di dare il volto alle parole di mons. Vito Angiuli, accettando di diventare ‘attori per un giorno’. Tra questi un grazie particolare è andato ad Alessandra Martinucci, Giovanni Pagliara e Lara Amerí che hanno dovuto dedicare più tempo per essere gli attori principali di questo cortometraggio. Un grazie particolare alla piccola Sveva, che dal grembo della mamma, ha partecipato da protagonista a questo lavoro.

Ha ringraziato a chi ha dato voce alla poesia del Vescovo Vito, sia nella recitazione: Donato Chiarello, Elisa Morciano ed Elisa Cazzato, sia nel canto: Marco Platí, Francesca Profico e Francesca Decidano e ai musicisti che hanno messo a disposizione il loro talento per rendere il cortometraggio più armonico e coinvolgente: Armando Ciardo e Benedetta Bisanti al violino, Marta Corrado all’arpa e la Banda di Poggiardo. Infine, Don Stefano Ancora ha ringraziato i Comuni di: Corsano, Presicce – Acquarica, Salve, Specchia, Tiggiano e Tricase per aver permesso di girare le scene in luoghi veramente unici.

151.11.48.50