Tag Archives: Indifferenza

Papa Francesco: l’indifferenza si combatte con il ‘farsi prossimo’

Fine settimana all’insegna dell’accoglienza per papa Francesco, che ieri ha incontrato alcuni soci dell’associazione ‘Progetto Agata Smeralda’,  lodando quanti si impegnano per le adozioni a distanza e i coniugi che si aprono all’accoglienza di bambini che non hanno famiglia, in collaborazione con l’arcidiocesi di Firenze, apprezzado l’impegno per la diffusione nel mondo della tenerezza di Dio e della sua paternità:

Mons. Battaglia: stanno uccidendo Napoli

A Napoli ogni giorno avvengono omicidi o ferimenti e la violenza delle cosche non si fermano, tantoché in estate si era costituito il Comitato di liberazione dalla camorra, che raccoglie una cinquantina di associazioni (tra cui figurano Libera e anche alcune parrocchie del territorio): “Lo abbiamo chiamato così perché la lotta a cui siamo chiamati a Napoli contro la camorra è uguale a quella che condussero i partigiani contro il nazifascismo”.

Card. De Donatis al funerale di Attanasio e Iacovacci chiede di smascherare l’indifferenza

La marcia funebre di Chopin suonata dalla fanfara dei Carabinieri, ha accolto l’entrata nella basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma dei due feretri avvolti nel tricolore dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi lunedì scorso.

Papa Francesco: fratelli in Dio

Papa Francesco ha celebrato oggi la Giornata internazionale della fratellanza umana con un evento virtuale organizzato dallo sceicco Mohammed Bin Zayed ad Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti, con la partecipazione del grande imam di Al-Azhar, Ahmad AlTayyeb, e del segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, nel quale è stato assegnato il Premio Zayed per la fratellanza umana che si ispira al Documento sulla fratellanza umana.

Il card. Miguel Ángel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso, ha sottolineato l’importanza dell’evento: “Questa celebrazione risponde al chiaro invito rivolto da papa Francesco a tutta l’umanità a costruire un presente di pace nell’incontro con l’altro.

Nell’ottobre 2020, tale invito divenne ancora più ineludibile con l’enciclica Fratelli tutti. Questi incontri sono un modo per realizzare un’amicizia sociale autentica, come ci ha chiesto il Santo Padre”.

Questa appena celebratasi è stata la prima Giornata Internazionale della Fraternità umana istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che ricorre ogni anno nel giorno dell’anniversario della firma della Dichiarazione sulla Fraternità Umana ad Abu Dhabi da parte di papa Francesco e il Grande Imam di al Azhar.

Nel video messaggio il papa ha ringraziato per l’invito: “In modo speciale a Lei, fratello mio, amico mio, mio compagno di sfide e di rischi nella lotta per la fratellanza, Grande Imam Ahmed Al-Tayyeb, che ringrazio per la compagnia nel cammino per la riflessione e la redazione del documento che è stato presentato due anni fa. La Sua testimonianza mi ha aiutato molto perché è stata una testimonianza coraggiosa.

So che non era un compito facile. Ma con Lei abbiamo potuto farlo insieme, e aiutarci reciprocamente. La cosa più bella è che quel primo desiderio di fratellanza si è consolidato in vera fratellanza. Grazie, fratello, grazie! Desidero anche ringraziare Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Zayed per tutti gli sforzi che ha compiuto perché si potesse procedere in questo cammino. Ha creduto nel progetto. Ci ha creduto.

E penso che sia giusto anche ringraziare – mi consenta, Signor Giudice, la parola – ‘l’enfant terrible’ di tutto questo progetto, il giudice Abdel Salam, amico, lavoratore, pieno d’idee, che ci ha aiutato ad andare avanti. Grazie a tutti per aver scommesso sulla fratellanza, perché oggi la fratellanza è la nuova frontiera dell’umanità. O siamo fratelli o ci distruggiamo a vicenda”.

Nel video messaggio il papa ha ribadito la necessità di essere fratelli per combattere l’indifferenza: “Oggi non c’è tempo per l’indifferenza. Non possiamo lavarcene le mani, con la distanza, con la non-curanza, col disinteresse. O siamo fratelli, consentitemi, o crolla tutto. E’ la frontiera. La frontiera sulla quale dobbiamo costruire; è la sfida del nostro secolo, è la sfida dei nostri tempi”.

Ed ha spiegato cosa intende per ‘fratellanza’, in quanto tutti nati da Dio: “Fratellanza vuol dire mano tesa; fratellanza vuol dire rispetto. Fratellanza vuol dire ascoltare con il cuore aperto. Fratellanza vuol dire fermezza nelle proprie convinzioni. Perché non c’è vera fratellanza se si negoziano le proprie convinzioni.

Siamo fratelli, nati da uno stesso Padre. Con culture, tradizioni diverse, ma tutti fratelli. E nel rispetto delle nostre culture e tradizioni diverse, delle nostre cittadinanze diverse, bisogna costruire questa fratellanza. Non negoziandola”.

L’alternativa alla fratellanza è l’inimicizia: “E’ il momento dell’ascolto. E’ il momento dell’accettazione sincera. E’ il momento della certezza che un mondo senza fratelli è un mondo di nemici. Voglio sottolinearlo. Non possiamo dire: o fratelli o non fratelli. Diciamolo bene: o fratelli o nemici.

Perché la non-curanza è una forma molto sottile d’inimicizia. Non c’è bisogno di una guerra per fare dei nemici. Basta la non-curanza. Basta con questa tecnica, si è trasformata in una tecnica, basta con questo atteggiamento di guardare dall’altra parte, non curandosi dell’altro, come se non esistesse”.

Infine si è congratulato con il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres,e con Latifa Ibn Ziaten, vincitori del Premio Zayed: “Desidero congratularmi per questo Premio con il Segretario Generale delle Nazioni Unite e ringraziarlo per tutti gli sforzi che compie per la pace. Una pace che si può ottenere solo con un cuore fraterno. Grazie per quello cha fa.

Cara sorella, le tue ultime parole non sono dette per sentito dire o per convenzione: ‘siamo tutti fratelli’. Sono la convinzione. E una convinzione plasmata nel dolore, nelle tue piaghe. Hai speso la tua vita per il sorriso, hai speso la tua vita per il non risentimento e, attraverso il dolore di perdere un figlio (solo una madre sa cosa significa perdere un figlio), attraverso questo dolore hai il coraggio di dire ‘siamo tutti fratelli’ e di seminare parole d’amore.

Grazie per la tua testimonianza. E grazie di essere madre di tuo figlio, di tanti ragazzi e ragazze; di essere madre oggi di questa umanità che ti sta ascoltando e che impara da te: o il cammino della fratellanza, o fratelli, o perdiamo tutto”.

Latifa Ibn Ziaten in Francia ha creato l’ ‘Association IMAD pour la jeunesse et la paix’, in memoria di Imad, suo figlio ucciso in un attacco terroristico: “Sentivo come se le mie interiora bruciassero… Ho sognato mio figlio tre volte, mi diceva mamma: ‘alzati, ho bisogno di te’…

Sono onorata di ricevere questo premio ho perso un figlio ma oggi riesco a raggiungere tanti bambini. Sono una seconda madre per i piccoli che ho salvato nei centri di detenzione, nelle case, nelle scuole perché non cadessero nell’odio. Se siamo in grado di rompere le barriere nei nostri cuori troveremo un posto nella società e saremo tutti fratelli”.

Giornata dei poveri: papa Francesco invita a tendere la mano

Una distribuzione straordinaria di generi alimentari acquistati da aziende del territorio per valorizzare la produzione locale, anch’essa colpita della crisi dovuta alla pandemia: la organizza la Caritas diocesana di Trapani per la Giornata mondiale dei poveri, che si celebra oggi.

Libia: eccidi senza fine in silenzio

Almeno 45 persone hanno perso la vita in un naufragio al largo della Libia, lunedì 17 agosto, come hanno confermato le agenzie dell’Onu (Oim e Unhcr) in un tweet: ‘Il peggiore naufragio da inizio anno davanti alle coste della Libia’.

Dopo aggressioni mafiose, le sedi Agesci #piubellediprima

La mafia torna a colpire e lo fa partendo dalle sedi dell’Agesci in Sicilia: nei mesi di dicembre e gennaio si sono contati quattro attacchi vandalici in luoghi simbolo dell’impegno contro il crimine organizzato.

Ricordare le Foibe

“ll ‘giorno del Ricordo’, istituito con larghissima maggioranza dal Parlamento nel 2004, contribuisce a farci rivivere una pagina tragica della nostra storia recente, per molti anni ignorata, rimossa o addirittura negata: le terribili sofferenze che gli italiani d’Istria, Dalmazia e Venezia Giulia furono costretti a subire sotto l’occupazione dei comunisti jugoslavi. Queste terre, con i loro abitanti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, conobbero la triste e dura sorte di passare, senza interruzioni, dalla dittatura del nazifascismo a quella del comunismo. Quest’ultima scatenò, in quelle regioni di confine, una persecuzione contro gli italiani, mascherata talvolta da rappresaglia per le angherie fasciste, ma che si risolse in vera e propria pulizia etnica, che colpì in modo feroce e generalizzato una popolazione inerme e incolpevole”.

89.31.72.207