L’UCSI Piemonte ha un nuovo direttivo

Condividi su...

L’UCSI (Unione Cattolica Stampa Italiana) del Piemonte ha un nuovo direttivo. Presidente è Alessandro Ginotta, 51 anni, giornalista e scrittore, responsabile dell’Ufficio Stampa della Società San Vincenzo De Paoli.

Succede a Chiara Genisio che, nel 2017, insieme a un gruppo di colleghi giornalisti e comunicatori, ha consentito all’UCSI Piemonte di riprendere il cammino dopo il commissariamento deciso dal livello nazionale dell’associazione. Ginotta sarà affiancato dal Vicepresidente Bruno Andolfatto, dalla Segretaria Carmen Taglietto, dai Consiglieri Maurizio Versaci e Marco Bussone.

Il nuovo direttivo è stato eletto giovedì 16 giugno nel corso dell’Assemblea dei soci dell’UCSI Piemonte che è tenuto nella sede torinese del Circolo della Stampa, in Corso Stati Uniti 27.

L’UCSI è un’associazione formata da giornalisti e comunicatori che lavorano in luoghi e testate sia laiche che cattoliche, ma che si ritrovano come comunità in cammino condividendo un’etica della comunicazione ispirata ai principi della libertà, della verità, del rispetto dei cittadini utenti e in particolare delle fasce più deboli e meno garantite

A presiedere i lavori, insieme alla presidente regionale uscente Chiara Genisio, il presidente nazionale dell’associazione Vincenzo Varagona che, a nove mesi dalla sua elezione (avvenuta lo scorso settembre a Roma), ha già incontrato direttivi e soci di dieci UCSI regionali in un viaggio nei territori che ha l’obiettivo “di dar vita a un laboratorio sul futuro della professione giornalista e di cercare prospettive per i giovani che desiderano praticare questo mestiere”.

Presente all’assemblea il consulente ecclesiastico UCSI Piemonte don Fabrizio Casazza: “San Paolo – ha detto il sacerdote citando Giovanni Paolo I – se vivesse oggi farebbe il giornalista; anzi: andrebbe dal presidente della Rai a chiedergli spazio per una trasmissione. Il giornalista cattolico non fa nulla di diverso dai suoi colleghi: dà le notizie. Ma si distingue per il modo con cui le dà, per la ‘carità’ nei confronti delle persone e delle situazioni di cui scrive o parla; per l’attenzione non  solo verso i fatti negativi ma per le notizie positive”.

L’assemblea è stata preceduta da un momento di formazione sul tema “L’informazione oggi divisa tra chi spia e chi ascolta”, animato da Chiara Genisio con la partecipazione di Paola Molino (direttore dell’Eco del Chisone), Stefano Tallia (presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte), Vincenzo Varagona (presidente nazionale UCSI).

Punto di partenza, il messaggio di papa Francesco in occasione della Giornata delle Comunicazioni Sociali: ‘Ascoltare con l’orecchio del cuore’: “Per essere giornalisti cattolici – ha detto Paola Molino – bisogna innanzitutto essere buoni giornalisti; giornalisti che mettono la persona al centro della loro attività professionale. Giornalisti che cercano la verità ma che, all’occorrenza, sanno seminare il dubbio. Giornalisti che sanno essere la voce di chi non ha voce”.

“Papa Francesco – ha aggiunto Stefano Tallia – ha capito l’importanza dell’informazione attorno alla quale sembra si sia attenuata l’attenzione e la tensione nella società. Informazione che è una questione centrale e non riguarda solo gli operatori ma tutti i cittadini. Una buona informazione è come l’aria che si respira, bisogna che non sia inquinata dalle fake news”

Vincenzo Varagona ha quindi raccontato il cammino che sta percorrendo l’UCSI sulle nuove forme di giornalismo che stanno emergendo, sul giornalismo sociale e sulle opportunità che questo può offrire alla società e ai giovani giornalisti.

151.11.48.50