Un presepe in stile napoletano per Papa Francesco

Condividi su...

E’ napoletano il presepe di  San Pietro e sarà un dono del Cardinale Crescenzio Sepe. Un presepe in perfetto stile settecento napoletano che si avvale dell’allestimento dal prof. Antonio Di Tuoro, mentri i pastori sono stati realizzati dall’artista Antonio Cantone, di San Gregorio Armeno, la strada dei pastori napoletani famosa in tutto il mondo. Il preseparo ha tra l’altro realizzato nella Chiesa di San Domenico Maggiore un presepe, che è stato benedetto dal Cardinale di Napoli, con materiale riciclato. Il presepe, di circa quattro metri, è stato realizzato per metà con cartoni, plastica, lattine e altro e per l’altra metàrichiamandosi al classico presepe del ‘700 napoletano. L’opera non vuole essere una denuncia o una provocazione, aveva spiegato anche l’autore Antonio Cantone, artigiano dell’arte presepiale, ma un ricordo dell’emergenza ormai superata per cui Napoli adesso deve guardare avanti ed il modo migliore per farlo è quello di ricollegarsi alla grande cultura che aveva da capitale nel ‘700, di cui l’arte presepiale è espressione.

Antonio Di Tuoro si occupa da anni degli allestimenti per la Diocesi di Napoli e in particolare ha curato l’allestimento del Musei dei Pupi di Napoli che recupera, ricostruisce e celebra innanzitutto la plurisecolare tradizione del pupo napoletano e pugliese che ebbe nel capoluogo partenopeo il suo principale luogo di produzione a partire dal Settecento.

La dedica dell’opera è significativa: “1223-2013: 1223 San Francesco realizza il primo presepe; 2013 Francesco primo Papa ad accogliere il presepe napoletano a Roma”.

151.11.48.50