Papa Francesco ricorda le vittime di Mosca e di Kiev

Condividi su...

“Ed assicuro la mia preghiera per le vittime del vile attentato terroristico compiuto l’altra sera a Mosca. Il Signore le accolga nella sua pace e conforti le loro famiglie. Egli converta i cuori di quanti progettano, organizzano e attuano queste azioni disumane, che offendono Dio… Cari fratelli e sorelle, Gesù è entrato in Gerusalemme come Re umile e pacifico: apriamo a Lui i nostri cuori! Solo Lui ci può liberare dall’inimicizia, dall’odio, dalla violenza, perché Lui è la misericordia e il perdono dei peccati. Preghiamo per tutti i fratelli e le sorelle che soffrono a causa della guerra; in modo speciale penso alla martoriata Ucraina, dove tantissima gente si trova senza elettricità a causa degli intensi attacchi contro le infrastrutture che, oltre a causare morti e sofferenze, comportano il rischio di una catastrofe umanitaria di ancora più ampie dimensioni. Per favore, non dimentichiamo la martoriata Ucraina! E pensiamo a Gaza, che soffre tanto, e a tanti altri luoghi di guerra”.

Con queste parole dopo la recita dell’Angelus papa Francesco ha introdotto i fedeli ai riti della Settimana Santa, ricordando le vittime dell’attentato a Mosca e della guerra in Ucraina. L’attentato nella capitale russa ha causato finora almeno 143 morti, ma destinati a salire, visto che di molte persone che erano nella grande sala del Crocus Music Hall non si hanno notizie.

Solo nella serata di venerdì i pompieri sono riusciti a estinguere completamente l’incendio appiccato dagli attentatori che venerdì sera erano entrati sparando e uccidendo chiunque incontrassero. I feriti ancora in ospedale sono 107, ma 200 spettatori mancherebbero all’appello.

Alcune fonti legate all’Isis hanno ribadito la matrice islamica dell’attentato. D’altra parte, estremisti musulmani hanno perpetrato varie stragi negli anni. Appena compiuto l’attentato il presidente Putin ha tentato di chiamare in causa l’Ucraina:

“Hanno cercato di fuggire verso l’Ucraina, dove gli era stata aperta una finestra per attraversare la frontiera di Stato. I criminali hanno organizzato un omicidio di massa ai danni di gente inerme, come un tempo facevano i nazisti, che compivano massacri nei territori da loro occupati. Tutti gli esecutori, gli organizzatori e i mandanti affronteranno una punizione inevitabile. Individueremo e colpiremo chi sta dietro questi terroristi, chi ha preparato questo delitto, chi ha consentito che potesse accadere”.

Infatti ancora prima che il presidente russo parlasse alla nazione, il sito del quotidiano Kommersant aveva cancellato dalla homepage ogni riferimento all’Isis, e affermando che secondo alcune fonti, il commando della strage era composto da combattenti russi filo ucraini che indossavano ‘barbe false’ per sembrare combattenti islamici.

Dal Canale Zapiski, che raccoglie le opinioni dei reduci dell’Operazione militare speciale: “Abbiamo certezza assoluta che questo massacro sia opera dei servizi segreti ucronazisti, istruiti da quelli occidentali”, mentre la direttrice di RT Margarita Simonyan ha considerato l’allarme su una minaccia dell’Isis lanciato dall’intelligence americana una prova del complotto: “Ormai è chiaro che tutto è stato orchestrato. Poco importa se il cane con la camicia ricamata si è sguinzagliato da solo, oppure se gli hanno impartito un ordine. In ogni caso la colpa è dell’ammaestratore”.

Le condoglianze al popolo russo sono giunte anche dall’arcivescovo di Mosca, mons. Paolo Pezzi: “A seguito del brutale attacco terroristico a Mosca, in cui molte persone sono state uccise e ferite, vorrei esprimere le mie più sentite condoglianze ai parenti delle vittime e il mio sostegno a tutti coloro che hanno sofferto in questa terribile tragedia”.

Ed ha richiamato al momento culminante della Settimana Santa: “Oggi i nostri cuori sono pieni di orrore e dolore, ma non lasciamo che ci facciano dimenticare che la nostra vita e quella di tutti gli uomini è nelle mani di Dio. La Settimana Santa, in cui la Chiesa cattolica entra già domani, ci ricorda che la morte non è l’ultima parola, che Cristo vince la morte… La risposta di Dio alla sofferenza umana è una presenza piena di amore”.

L’appello di mons. Pezzi è stato un invito ad essere testimoni di speranza: “Con fiducia in Lui, vi chiedo di pregare per la salvezza di tutti coloro che sono ancora in pericolo di vita, per il riposo eterno dei defunti, per l’aiuto e la guarigione degli afflitti e per il coraggio e la pazienza di tutti coloro che sono chiamati ad assisterli.

Vi prego di non disperare e di essere quella presenza piena di amore di Cristo dove vi trovate, di essere testimoni di speranza in questi tempi bui. Vi chiedo anche di esercitare la dovuta diligenza e prudenza per il bene della vostra sicurezza personale e pubblica”.

151.11.48.50