Il Senato USA approva all’unanimità una legge sulla difesa dell’Armenia che vieta l’assistenza militare all’Azerbajgian

Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 17.11.2023 – Vik van Brantegem] – In seguito alla pulizia etnica dell’Artsakh, il Senato degli Stati Uniti ha compiuto un passo senza precedenti verso l’applicazione degli standard sui diritti umani e la supervisione del Congresso sull’assistenza militare degli Stati Uniti, approvando all’unanimità (foto di copertina) il disegno di legge Act S. 3000 Armenia Protection Act del 2023, ora in attesa dell’approvazione della Camera.

Ai sensi del disegno di legge, il Presidente non potrà esercitare l’autorità di deroga prevista dal titolo II della legge sulle operazioni estere, sul finanziamento delle esportazioni e sui programmi correlati del 2002 sotto il titolo “Aiuti agli Stati indipendenti dell’ex Unione Sovietica” nella sottosezione (g) per quanto riguarda agli importi stanziati o altrimenti previsti per gli anni fiscali 2024 o 2025. In altre parole, si tratta di un disegno di legge volto ad abrogare la sezione 907 del Freedom Support Act, che consente al Presidente di rinunciare alle sanzioni contro l’Azerbajgian. La legge sulla difesa dell’Armenia vieta l’assistenza militare all’Azerbajgian.

Tra le altre cose, la legge consentirà di fornire all’Armenia finanziamenti militari esterni, comporta lo sviluppo di una strategia di sicurezza per la popolazione dell’Artsakh e introduce sanzioni contro Baku “per le azioni del regime di Aliyev verso gli Armeni.”

Il disegno di legge è stato sponsorizzato e presentato il 29 settembre 2023 dal Senatore Gary Peters, mentre gli Armeni dell’Artsakh venivano sfollati con la forza dalle loro case dal regime autocratico dell’Azerbajgian. Come abbiamo riferito, il Senatore Peters ha guidato la delegazione del Congresso degli Stati Uniti in Armenia nel settembre 2023.

Aykhan Hajizada, il Portavoce del Ministero degli Esteri dell’Azerbajgian ha scritto in un post su Twitter: «L’audizione alla Commissione per gli Affari Esteri della Camera del Vicesegretario di Stato americano per gli Affari euroasiatici è un duro colpo per le relazioni Azerbajgian-USA. L’Azerbajgian affronterà in modo risolutivo e adeguato tutti i passi negativi contro il suo interesse nazionale».

L’Azerbajgian si rifiuta di partecipare all’incontro pianificato per il 20 novembre 2023 a Washington dei Ministri degli Esteri di Armenia e Azerbajgian, ha riferito il Ministero degli Esteri dell’Azerbajgian. Baku è insoddisfatta delle dichiarazioni del Vicesegretario di Stato americano per gli Affari euroasiatici, James O’Brien, sul blocco della vendita di armi all’Azerbajgian. Motivo del rifiuto è “l’approccio unilaterale degli Stati Uniti potrebbe portare al fatto che gli Stati Uniti perderanno il loro ruolo di mediatore”. Fatto è che i rappresentanti del regime autocratico di Aliyev non sono abituati a essere chiamati a rispondere delle atrocità che hanno commesso.

L’intervento di O’Brien durante le audizioni su “Il futuro del Nagorno-Karabakh” tenutesi presso la Commissione Affari Esteri della Camera dei Deputati degli Stati Uniti e il disegno di legge di Peters al Senato, sembrano essere un buon inizio ma non la fine di questo processo di responsabilità. Anche se lodevole, dopo tre anni dal 27 settembre 2020, l’inizio della guerra dei 44 giorni dell’Azerbajgian contro l’Artsakh, è troppo in ritardo e troppo poco. È importante che gli Stati Uniti adottino una linea più dura nei confronti di Aliyev. Se vogliamo la pace nel Caucaso meridionale, anche l’Unione Europea deve smettere di inchinarsi al regime autocratico di Aliyev e definire chiaramente le conseguenze di qualsiasi futura aggressione.

Dopo la pulizia etnica degli Armeni nell’Artsakh, l’Azerbajgian rifiuta la mediazione occidentale poiché non ha alcun interesse in alcun trattato di pace con gli Armeni. Dopo aver ottenuto tutto ciò che voleva dai formati occidentali, è la terza volta che l’Azerbajgian rifiuta di partecipare ad un incontro organizzato/pianificato da un mediatore occidentale. Dopo la lotta “anticolonialista” contro la Francia, dopo aver criticato le dichiarazioni spagnole e lituane sul blocco e l’aggressione terroristica dell’Azerbajgian contro gli Armeni in Artsakh, dopo aver annullato la visita del Ministro degli Esteri belga e dopo essere stato pubblicamente scortese con il Ministri degli Esteri tedesco, l’Azerbajgian sta letteralmente ricattando gli Stati Uniti e l’Unione Europea. Il tempo di sanzionare Baku è scaduto già da tempo.

Il commento del Ministero degli Esteri dell’Azerbajgian «in risposta alle osservazioni infondate del Sottosegretario di Stato americano, James O’Brien, alla Commissione per gli Affari Esteri della Camera, Sottocommissione per l’Europa»:
«Le osservazioni unilaterali e parziali fatte dal Sottosegretario di Stato americano James O’Brien nell’audizione della Commissione per gli Affari Esteri della Camera, Sottocommissione per l’Europa, del 15 novembre 2023, sono controproducenti, infondate e inaccettabili.
Consideriamo le udienze e le dichiarazioni rilasciate come un duro colpo alle relazioni in formato bilaterale e multilaterale tra Azerbajgian e Stati Uniti. Le accuse infondate mosse contro l’Azerbajgian sono irrilevanti e minano la pace e la sicurezza nella regione.
Pur accennando all’ultima situazione nella regione e alle circostanze che hanno portato alle misure antiterrorismo da parte dell’Azerbajgian del 19-20 settembre, il rappresentante del Dipartimento di Stato ha ignorato di menzionare la sfida principale che ha portato a tale azione da parte dell’Azerbajgian, vale a dire lo stazionamento illegale di più di 10.000 forze armate armene in violazione delle norme e dei principi del diritto internazionale e della Dichiarazione trilaterale del 10 novembre 2020 [affermazione già più volte smentita e provata infondata, anche perché tutti i militari morti erano residente dell’Artsakh e l’Azerbajgian ha trovato nessun militare dell’Armenia durante lo sfollamento forzato della popolazione dell’Artsakh durante i controlli serrati al posto di blocco illegale presso il ponte di Hakari nel Corridoio di Berdzor (Lachin)]. Inoltre, la parte azera ha ripetutamente affermato in tutti gli incontri, anche con la parte statunitense, che le forze menzionate rappresentano una fonte di minaccia nella regione e hanno sollecitato il ritiro immediato di queste forze.
Inoltre, gli Stati Uniti, pur sottolineando l’importanza di portare avanti il processo di pace, dimenticano di menzionare che per più di due mesi l’Armenia non ha risposto alle proposte dell’Azerbajgian sull’accordo di pace, ritardando così il processo. Nonostante sia stato l’Azerbajgian ad avviare il processo di pace con i principi fondamentali e a sottolineare la necessità di firmare l’accordo di pace, compresa la necessità di demarcazione/delimitazione dei confini e l’apertura delle linee di comunicazione, il Sottosegretario di Stato si è astenuto dal notare che gli sforzi in questi settori sono stati indeboliti e vanificati dall’Armenia negli ultimi tre anni [la verità è che la colpa è dell’Azerbajgian]. A differenza dell’Armenia, l’Azerbajgian ha sempre rispettato la sovranità e l’integrità territoriale dell’Armenia, riconfermata anche nell’incontro di Praga del 6 ottobre 2022 [invece, l’Azerbajgian attualmente occupa 200 km2 del territorio sovrano dell’Armenia].
L’Azerbajgian, non solo in seguito alla Guerra dei 44 giorni del 2020, ma anche per quasi 30 anni di occupazione delle sue terre, si è impegnato a rispettare le norme e i principi del diritto internazionale e del processo di pace [l’opposto è vero]. Al contrario, la parte statunitense, in quanto mediatore, non ha mai esortato l’Armenia, che era l’aggressore e una fonte destabilizzante nella regione, ad agire in linea con il diritto internazionale e a ritirarsi dai territori dell’Azerbajgian e a porre fine all’occupazione, che pone una responsabilità anche da parte degli Stati Uniti. Inoltre, era anche responsabilità degli Stati Uniti non aver impedito l’approccio del doppio standard, pur essendo una parte che sosteneva il regime separatista, è stato l’unico paese a finanziare ufficialmente questo regime e ha facilitato su base regolare le visite dei suoi rappresentanti così come gli incontri con i funzionari negli Stati Uniti.
Gli Stati Uniti, essendo un paese non regionale, attraverso le loro azioni e dichiarazioni stanno minando gli sforzi di sicurezza dei trasporti dei paesi regionali. È ben noto agli Stati Uniti che l’Armenia non ha adempiuto ai propri obblighi derivanti dal paragrafo 9 della Dichiarazione tripartita del 2020, che ha portato l’Azerbajgian a decidere di costruire strade alternative. È diritto sovrano dell’Azerbajgian concordare con i paesi vicini come costruire le linee di comunicazione, che comprende anche un accordo con l’Iran relativo a una rotta verso la sua Repubblica autonoma di Nakhchivan. In questo contesto, l’Azerbajgian riconferma anche la priorità del formato “3+2” (Azerbajgian-Armenia-Turchia-Russia-Iran) per la sicurezza della regione [prima era “3+3” fino al momento del ritiro della Georgia]. Pertanto, qualsiasi commento che mini questi sforzi è inappropriato.
Per quanto riguarda le osservazioni di James O’Brien sulla rinuncia alla Sezione 907, sembra che gli Stati Uniti stiano ripetendo ancora una volta lo stesso errore commesso nel 1992, quando l’Azerbajgian fu sanzionato con questo emendamento, nonostante fosse uno stato che ha subito aggressioni e occupazione. Sono stati anche gli Stati Uniti a decidere di rinunciare alla Sezione 907 nel 2001, quando l’Azerbajgian aveva sostenuto gli sforzi antiterrorismo degli Stati Uniti in tutto il mondo in seguito agli attacchi dell’11 settembre. È stato l’Azerbajgian a dare una mano agli Stati Uniti con l’apertura delle sue rotte dello spazio aereo, della rete di distribuzione settentrionale e delle sue capacità logistiche. È stato l’Azerbajgian ad essere tra le prime nazioni a combattere fianco a fianco con gli Stati Uniti in Afghanistan. L’Azerbaijan è stato anche l’ultimo paese partner a lasciare l’Afghanistan. Risulta quindi che gli Stati Uniti hanno sempre considerato occasionale il sostegno dell’Azerbajgian, mentre va ricordato che la storia si è sempre ripetuta. Un’azione così indifferente da parte degli Stati Uniti di non rinunciare alla Sezione 907 è un passo mal disposto nei confronti dell’Azerbajgian.
Inoltre, le osservazioni secondo cui “l’uso della forza da parte dell’Azerbajgian ha eroso la fiducia e sollevato dubbi riguardo all’impegno di Baku per una pace globale con l’Armenia” non hanno alcun valore se si considera che è stato l’Azerbajgian a essere vittima dell’aggressione e dell’uso della forza per quasi 30 anni. L’Azerbajgian sottolinea ancora una volta che, in linea con l’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, ha il legittimo diritto di usare la forza per difendere la propria sovranità e integrità territoriale.
Per quanto riguarda la dichiarazione secondo cui la parte statunitense ha annullato gli incontri e gli impegni bilaterali ad alto livello, che erano stati avviati dalla parte americana con l’Azerbajgian, e che “non può esserci “business as usual” nelle nostre relazioni bilaterali”, va notato che le relazioni non poteva essere unilaterale. Di conseguenza, lo stesso approccio sarà applicato anche dall’Azerbajgian. In queste circostanze, riteniamo inappropriata anche la possibilità di visite ad alto livello da parte degli Stati Uniti in Azerbajgian.
Inoltre, un simile approccio unilaterale da parte degli Stati Uniti potrebbe portare alla perdita del ruolo di mediazione degli Stati Uniti. In queste circostanze, è importante notare che non riteniamo possibile tenere l’incontro proposto a livello dei Ministri degli Esteri di Azerbajgian e Armenia, a Washington il 20 novembre 2023.
Le norme e i principi del diritto internazionale sono sempre stati una priorità per l’Azerbajgian nella sua politica estera. L’Azerbajgian agirà sempre in linea con i suoi obblighi internazionali. Allo stesso tempo, l’Azerbajgian affronterà in modo risoluto e adeguato tutte le misure negative contrarie al suo interesse nazionale».

L’India fornirà all’Armenia 150.000 granate da 30 mm e 40 mm. Munitions India Limited, la società che due mesi fa ha fornito 5 milioni di proiettili calibro 7,62 mm all’Armenia, sarà incaricata di questa fornitura, secondo l’Indian Aerospace Defense News.
L’Armenia è emersa come partner strategico per l’India, esemplificato dall’accordo del 2022 per la fornitura di lanciarazzi multi-canna PINAKA (MBRL), munizioni anticarro e munizioni per un valore di 250 milioni di dollari. Ciò ha segnato l’esportazione inaugurale dell’India di PINAKA, che l’Armenia ha scelto per la sua mobilità e l’efficace contrasto ai droni turchi e israeliani dell’Azerbajgian.
L’India non ha confermato pubblicamente la fornitura del sistema missilistico terra-aria Akash (SAM) all’Armenia, ma la società Bharat Dynamics Limited ha annunciato ordini di esportazione all’Armenia.
L’Armenia ha acquistato dall’India anche obici A TAGS trainati da 155 mm.
Notizie recenti indicano anche la considerazione di Nuova Delhi di fornire all’Armenia il sistema Zen Anti-Drone (ZADS), una tecnologia collaudata utilizzata dall’aeronautica e dall’esercito indiani.

In reazione all’acquisto di armamenti di autodifesa dell’Armenia, il Capo del Servizio di Sicurezza dello Stato dell’Azerbajgian e Membro del Consiglio dei Ministri dell’Azerbajgian, il Colonello Generale Ali Naghiyev, ha dichiarato «Alcuni Paesi stanno armando l’esercito armeno. Tali azioni porteranno alla ripresa della guerra».

Un breve promemoria: negli ultimi otto anni, hanno avuto luogo più di 100 voli cargo per l’esportazione di armi dalla base aeree israeliana all’Azerbajgian. Israele fornisce a Baku armi per miliardi di dollari in cambio di petrolio e vicinanza all’Iran. Probabilmente Baku fornisce le armi acquistate ai suoi soldati per soddisfare la loro volontà di giocare e non intendono ad attaccare l’Armenia con queste armi.

Un secondo breve promemoria: nel 2017, rapporti investigativi hanno rivelato che Naghiyev e la sua famiglia erano beneficiari del programma di riciclaggio di denaro e fondi neri per le élite dell’Azerbajgian. All’epoca Naghiyev era Vicecapo della Direzione generale anticorruzione. Nel 2019, fu promosso a Capo del Servizio di Sicurezza dello Stato. I suoi figli Ilham e Ilgar Nagiyev controllano un impero immobiliare e edilizio.

Nonostante le condanne del Presidente dell’Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, per i crimini di guerra di Israele nella Striscia di Gaza, dal 14 novembre 2023 centinaia di navi hanno lasciato i porti turchi per Israele. E, naturalmente, continuano le spedizioni di petrolio azero-russe attraverso la Turchia.

Emma Collet ha scritto per l’Express un articolo sulla preoccupante sorte dei prigionieri politici Armeni dell’Artsakh in Azerbajgian [QUI]. Seguono alcuni estratti.
Più di 50 Armeni dell’Artsakh sono detenuti illegalmente a Baku. L’Azerbajgian li usa come mezzo di pressione sull’Armenia per rallentare il processo di pace. “Rimarranno senza dubbio in detenzione”, secondo Luis Moreno-Ocampo, ex Procuratore capo della Corte Penale Internazionale. “In Azerbajgian non esiste un sistema giudiziario indipendente e i detenuti vengono spesso torturati”, ha affermato.
Il rilascio dei prigionieri politici Armeni è oggetto di procedure legali svolte presso la Corte Europea per i Diritti dell’Uomo e la Corte Penale Internazionale, ma “la loro richiesta richiederà tempo”, deplora l’Avv. Siranush Sahakian, rappresentante dei prigionieri di guerra Armeni presso la CEDU. Allo stesso tempo, il destino dei prigionieri pesa anche sui negoziati politici tra Baku e Yerevan. “Siamo convinti che gli Azeri li usino per fare pressione sul governo armeno affinché risponda alle loro richieste politiche”, avverte l’Avv. Sahakian. “Si tratta soprattutto di ottenere confessioni forzate dell’occupazione armena in Azerbajgian da parte degli otto ex leader del Nagorno-Karabakh, per far riconoscere colpevole l’Armenia”, analizza Benyamin Poghosyan, Presidente del Centro di studi strategici, politico e economico dell’Armenia. “L’Armenia è favorevole alla mediazione occidentale di Brussel o Washington, per ottenere solide garanzie di sicurezza nel caso di un’altra violazione di questo accordo da parte dell’Azerbajgian”, spiega Poghosyan. Ma la parte azera è riluttante a coinvolgere l’Occidente e declina ogni opportunità di dialogo.
La pausa nel processo negoziale crea ulteriori pericoli per nuove escalation militari, in particolare intorno alle “enclavi”, che Baku presenta come territori azeri occupati dall’Armenia, nel nord o al confine del Nakhichevan”, sottolinea l’analista.

Qualche esempio dei soliti commenti sui social media azeri: «Questi detenuti non sono migranti innocenti arrivati in Azerbajgian per lavoro stagionale, ma criminali che hanno combattuto contro le autorità ufficiali dell’Azerbajgian sul territorio sovrano dell’Azerbajgian. Dobbiamo rispettare le leggi degli altri».

Il Patriarcato Apostolico Armeno di Gerusalemme avverte che si trova di fronte alla più grande minaccia esistenziale nella sua storia da sedici secoli.
Da diverse settimane, attacchi e dimostrazioni di forza da parte di coloni Israeliani continuano e imperversano nella Città Vecchia di Gerusalemme Est. Approfittando dell’attenzione dei media sulla Striscia di Gaza, i coloni Israeliani stanno intensificando gli espropri di terre e gli sfratti nel quartiere armeno di Gerusalemme. Così, il 5 novembre, un raduno organizzato dalla comunità armena è stato attaccato da gruppi di coloni. Alcuni sono arrivati armati, altri con i cani. Il 13 novembre scoppiarono nuovi scontri. I coloni, scortati dalla polizia di Gerusalemme, hanno tentato di forzare il posto di blocco nel quartiere armeno con dei bulldozer da demolizione. Degli contri sono avvenuti nuovamente il 15 novembre.
«Negli ultimi giorni, la distruzione e la rimozione dell’asfalto sui terreni del distretto armeno sono state effettuate senza il permesso del comune, né del costruttore, né della polizia. Nonostante ciò, nei giorni scorsi la polizia ha deciso di esigere che tutti i membri della comunità armena abbandonassero i locali. Chiediamo a tutte le comunità cristiane di Gerusalemme di sostenere il Patriarcato Armeno in questi tempi senza precedenti, poiché questo è l’ennesimo tentativo di mettere in pericolo la presenza cristiana a Gerusalemme e in Terra Santa», ha affermato il Patriarcato Apostolico Armeno di Gerusalemme in un comunicato stampa diffuso il 16 novembre 2023.
Per contrastare questi nuovi abusi e prevenire gli espropri, gli Armeni hanno intrapreso manifestazioni pacifiche, sedendosi su sedie in mezzo al cantiere per interrompere i lavori di distruzione.
Rimaniamo al fianco del Patriarcato Apostolico Armeno e della comunità armena di Gerusalemme e assicuriamo la nostra preghiera.
«Sappiamo che dietro la presunta transazione riguardante l’ampio tratto strategico nel quartiere armeno si nasconde una delle più importanti organizzazioni di coloni di Gerusalemme Est, in attiva collaborazione con il governo di Israele. Questo non ha nulla a che fare con una transazione immobiliare. Ha tutto a che fare con un piano governativo da oltre un miliardo di sheqel, ben avviato per circondare il nucleo spirituale e storico di Gerusalemme con insediamenti e progetti di insediamento motivati dalla Bibbia. In generale, si tratta di una trasformazione radicale del carattere di Gerusalemme, che frammenta la Gerusalemme Est palestinese ed emargina le proprietà cristiane. L’insediamento del quartiere armeno in particolare sarà lo sviluppo insediativo più dannoso nella Città Vecchia dal 1967.
L’insediamento nel quartiere armeno:
a. renderà ogni futuro accordo politico eccessivamente più difficile;
b. avrà un impatto devastante sulla piccola e problematica comunità armena;
c. sarà l’ennesima erosione della presenza cristiana a Gerusalemme;
d. contribuirà alla militarizzazione della fede a Gerusalemme, dove gli eventi sono dissimulati e i discorsi dominati da piromani religiosi.
Questo non è solo importante, è molto urgente. Questo non è un gioco. I coloni potrebbero prenderne possesso già stasera, 16 novembre, con il sostegno del governo e della polizia che esegue gli ordini dei coloni. Se ne prendono possesso, potrebbero non andarsene mai. Nel 1990, la stessa organizzazione di coloni occupò temporaneamente l’Ospizio di San Giovanni nel quartiere cristiano. Sono ancora lì.
Ciò richiede un’azione immediata da parte dei veri amici di Israele» (Daniel Seidemann).

La sinagoga di Yerevan.

Il primo a dare la notizia, che il 15 novembre 2023 sarebbe stata data alle fiamme la sinagoga di Yerevan, condividendo anche un filmato dell’attacco, è stato l’Ambasciatore dell’Azerbajgian in Germania, Nasimi Aghayev: «La notte scorsa è stata bruciata una sinagoga a Yerevan, in Armenia, l’unica sinagoga del paese. L’aumento allarmante dell’antisemitismo in Armenia rende la sua piccola comunità ebraica piuttosto vulnerabile. Secondo lo studio dell’Anti Defamation League, l’Armenia è il secondo paese più antisemita d’Europa».

A prima vista, l’incidente del 15 novembre, come quello del 3 ottobre [1], sembra più una provocazione “false flag” dell’Azerbajgian a dipingere l’Armenia come un Paese intollerante e aggressivo. Recentemente, l’Azerbajgian ha pagato attivamente gli stranieri per rapporti o azioni in Armenia.

Come l’altra volta, i media azeri hanno scoperto per primi l’attacco alla sinagoga di Yerevan e ne hanno scritto prima degli stessi Ebrei di Yerevan. Lo stesso scenario di prima, il tentativo dell’Azerbaigian di far litigare tutti con gli Armeni.
Il personaggio pubblico ebreo Lapshin spiega perché l’attacco alla sinagoga ebraica di Yerevan è apparentemente fabbricato per stigmatizzare l’Armenia e danneggiare le relazioni armeno-ebraiche.

Fatto importante è, che il famigerato Ambasciatore dell’Azerbajgian in Germania è stato il primo a dare la notizia dell’attacco alla sinagoga di Yerevan, come osserva l’agenzia 301: «Fonti azere hanno diffuso la voce che ieri la sinagoga di Yerevan sia stata vandalizzata e data alle fiamme. I filmati catturati pochi istanti fa mostrano che non ci sono danni alla sinagoga. Dei media israeliani hanno continuato a diffondere false informazioni, citando fonti azere, senza verificare i fatti.

È particolarmente interessante, che le fonti le notizia sull’attacco alla sinagoga di Erevan, sono soltanto fonti azere, riprese dai media israeliani. Questo dovrebbe dirci tutto sul significato di queste notizie. In Azerbajgian non esistono media liberi, che non sono sotto il controllo dello Stato, al contrario dell’Armenia, dove i mass media armeni avrebbero riferito che l’unica sinagoga di Yerevan fosse stata incendiata.

Poi, secondo le foto diffuse, sembra che i criminali non volevano bruciare la sinagoga e che avessero soltanto bisogno di uno “spettacolo”.

Inoltre, è sospetto che l’incidente coincida con i giorni in cui avrebbero dovuto essere 500 rabbini in Azerbajgian per una conferenza che è stata annullata. Quindi, questo potrebbe essere un tentativo di distrarre da quella potenziale immagine negativa di quella cancellazione.

Secondo Dor Shabashewitz, che è Ebreo, la storia dell’incendio della sinagoga a Yerevan è esagerata o è una provocazione azera: «Beh, so che la sinagoga non è stata realmente bruciata come dicono alcune fonti. Qualcuno ha tentato di dargli fuoco, ma è stato spento senza grossi danni. Non ho parlato con il rabbino Burstein ultimamente, ma so che alcune persone nella comunità pensano che sia una provocazione da parte dell’Azerbajgian. Sono d’accordo che sia probabile, ma non credo che abbiamo abbastanza informazioni per ora per fare affermazioni definitive. L’incendio doloso è stato sicuramente reale, solo piuttosto infruttuoso. Quando dico provocazione azera non intendo solo che ne esagerano l’impatto, ma anche che la persona o le persone che hanno tentato di bruciarla potrebbero essere state pagate/ordinate per farlo dal governo azerbajgiano».

«The Jerusalem Post ha pubblicato un articolo sull’attacco alla sinagoga di Yerevan, riferendosi SOLO a fonti azere. Allo stesso modo, puoi scrivere di qualsiasi incidente avvenuto all’interno di Israele, facendo riferimento SOLO a fonti palestinesi. Non sarebbe più logico pubblicare un commento su quanto accaduto dalla comunità ebraica di Yerevan? Oppure, l’Ambasciatore dell’Azerbajgian in Germania, che è famoso… famigerato, è una fonte più affidabile sulla situazione in Armenia? Anche sostenendo che ASALA si è assunta la responsabilità dell’incidente, si riferiscono ai media azeri (!). Inoltre, anche durante l’attacco precedente, il sito web che ha pubblicato dichiarazioni per conto di ASALA ha scritto che l’organizzazione non ha nulla a che fare con tali azioni “infantili” [2]» (David Galstyan).

[1] L’unica sinagoga dell’Armenia è stata vandalizzata a causa del sostegno di Israele all’Azerbajgian
di Yossi Lempkowicz
European Jewish Press, 4 ottobre 2023

(Nostra traduzione italiana dall’inglese)
“Questo è un avvertimento. Se i rabbini negli Stati Uniti e in Europa continueranno a sostenere il regime di Aliyev, allora bruceremo le sinagoghe in altri Paesi”, ha detto in una nota un gruppo che rivendica l’attacco.
Il 3 ottobre è stata lanciata una bottiglia molotov nella sinagoga della capitale armena Erevan, l’unica del Paese, e sui muri è stata spruzzata della vernice.
La bomba molotov non è esplosa, ma il luogo di culto è stato danneggiato. L’atto è stato rivendicato da un gruppo che si autodefinisce “Giovani combattenti per la libertà dell’Armenia”, che afferma di aver compiuto l’azione “come ritorsione per il sostegno di Israele e dell’ebraismo mondiale all’Azerbajgian”. Il gruppo Esercito Segreto Armeno per la Liberazione dell’Armenia (ASALA) è considerato un’organizzazione terroristica. Ha definito l’azione “un’operazione intimidatoria riuscita”. “Questo è un avvertimento. Se i rabbini negli Stati Uniti e in Europa continueranno a sostenere il regime di Aliyev, allora bruceremo le sinagoghe in altri Paesi”, ha affermato il gruppo in una dichiarazione pubblicata su Telegram. “Gli Ebrei sono nemici del popolo armeno e lo Stato ebraico vende armi al regime di Aliyev (il Presidente dell’Azerbajgian)”, ha aggiunto.

[2] Il comunicato dell’Esercito Segreto Armeno per la Liberazione dell’Armenia:
«Il 3 ottobre, una o più persone hanno versato della vernice sui muri del Centro Culturale Ebraico di Yerevan e hanno attribuito l’atto all’Esercito Segreto Armeno per la Liberazione dell’Armenia (ASALA).
Sottolineando che la nostra organizzazione non ha nulla a che fare con tale atto, dichiariamo ancora una volta che:
L’ASALA non è presente nella Repubblica di Armenia, inoltre non ha svolto alcuna attività nel territorio della Repubblica di Armenia, perché è contraria ai principi politici adottati dalla nostra organizzazione.
Non abbiamo mai avuto un’organizzazione giovanile e non svolgiamo “azioni” così infantili e assurde.
Crediamo che:
Nelle attuali difficili condizioni affrontate dalla Repubblica di Armenia, tali iniziative sul territorio della Repubblica di Armenia possono essere manipolate solo dai nemici del nostro Stato e nazione. Oggi più che mai la Repubblica di Armenia ha bisogno di stabilità e di unità pan-armena basate sui principi di sovranità e patriottismo».

The Jerusalem Post il 6 ottobre 2023 ha riferito [QUI], che il rabbino Zamir Isayev, una figura di spicco della comunità ebraica dell’Azerbajgian, in qualità di Direttore della scuola ebraica di Baku e della comunità ebraica georgiano-sefardita in Azerbajgian, aveva lanciato un avvertimento e un’esortazione agli Ebrei Armeni, nel mezzo dell’escalation della guerra tra Azerbajgian e Armenia.

«Qualche settimana fa ho avvertito che restare in Armenia è pericoloso per gli ebrei. Il Ministero israeliano della Diaspora ha sollevato due volte, lo scorso mese, la possibilità di violenze contro gli ebrei. Il motivo sono gli stretti rapporti di Israele con l’Azerbajgian, e anche il fatto che noi, rabbini, ci opponiamo all’uso del tema dello Shoah per scopi di propaganda. E poi, sfortunatamente, nel bel mezzo delle festività di Sukkot c’è un attacco alla sinagoga di Yerevan. Ma questo era previsto: l’incitamento all’odio provoca violenza e intolleranza. La profanazione di una sinagoga in qualsiasi parte del mondo è un crimine grave. Respingiamo con disgusto ogni minaccia di danneggiare i luoghi santi del popolo d’Israele. Ribadisco il mio appello agli ebrei in Armenia: andatevene e se avete bisogno di aiuto, me ne occuperò io. Parti prima che sia troppo tardi…» (Rabbi Zamir Isayev – Twitter, 5 ottobre 2023 [QUI]).

Quindi, The Jerusalem Post ha fatto riferimento alle dichiarazioni di un rabbino di Baku, non alle dichiarazioni dei leader della comunità ebraica di Yerevan, che dopo l’attacco del 3 ottobre scorso aveva reagito: «Non dobbiamo cedere alle provocazioni volte a fomentare il conflitto tra Armeni ed Ebrei».

«Ora dobbiamo mobilitarci tutti per aiutare i rifugiati del Nagorno-Karabakh», hanno aggiunto i leader della comunità. «È un regalo agli Azeri che sostengono che in Armenia esiste l’antisemitismo. È una provocazione», ha detto un leader ebreo armeno all’emittente pubblica israeliana Kan.

Il capo della comunità ebraica armena, Rima Varzhapetyan, ha dichiarato: «Non c’è mai stato antisemitismo in Armenia. Gli Ebrei qui vivono pacificamente. La nostra comunità sta cercando di smussare gli angoli “acuti” per evitare complicazioni nelle nostre relazioni dovute al fatto che Israele non riconosce il genocidio armeno. Comprendiamo che il popolo armeno, a livello quotidiano, nutre rancore contro Israele dopo la guerra in Artsakh. Israele è stato uno dei fornitori di armi per l’Azerbajgian durante le ostilità! Non ci sono attacchi, minacce o inviti alla violenza contro gli Ebrei locali in Armenia. Il popolo armeno è molto rispettoso. Inoltre, la comunità ebraica in Armenia è diventata più grande a causa dei trasferimenti dalla Russia di persone che hanno radici e documenti ebraici».

Purtroppo, non è la prima/unica volta che The Jerusalem Post si comporta come un’estensione diretta della propaganda azera. Ricordiamo che pubblicava storie basate interamente sulle dichiarazioni dell’Ambasciatore dell’Azerbajgian in Israele durante la guerra dei 44 giorni dei 2020 e qualsiasi commento critico veniva prontamente rimosso nella loro sezione commenti.

Infine, va ricordato come il rabbino Azero Zamir Isayev di Baku, che ha esortato gli Ebrei Armeni di lasciare l’Armenia “prima che sia troppo tardi”, sia lo stesso che ha partecipato al blocco del Corridoio del Corridoio di Berdzor (Lachin) dei falsi “eco-attivisti” organizzati dal governo dell’Azerbajgian, che ha portato alla pulizia etnica di oltre 100.000 Armeni dell’Artsakh. In occasione della sua surreale visita al blocco genocida, il rabbino Zamir Isayev il 18 gennaio 2023 ha dichiarato: “Lo scopo della nostra visita qui è sostenere gli eco-attivisti… Gli Ebrei Azeri sono da sempre vicini al loro Stato».
Auguriamo che trovino la/le persona/ che ha/hanno fatto l’attacco alla Sinagoga di Erevan e scoprano chi l’ha ordinato. I crimini di odio e le provocazioni devono essere puniti.

151.11.48.50