L’Artsakh accoglie con favore il desiderio dell’Azerbajgian di avviare un dialogo diretto

Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 18.11.2022 – Vik van Brantegem] – Il Ministro di Stato della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh, Ruben Vardanyan (foto di copertina), ha accolto con favore il “desiderio del Presidente azero Ilham Aliyev di avviare un dialogo diretto con l’Artsakh”. Vardanyan ha osservato che “l’Artsakh dovrebbe essere soggetto in questo processo”. Vardanyan ha suggerito la parte azera di “passare a un tono più costruttivo” e ha detto che vorrebbe ottenere chiarimenti sulla “chiara agenda” che Aliyev apparentemente persegue.

«La perdita di Artsakh non è solo la perdita di un territorio: è la perdita della nostra identità, dell’immagine nazionale e delle radici armene» (Ruben Vardanyan).

“Accolgo inoltre con favore l’istituzione di un nuovo formato per i negoziati diretti attraverso la mediazione internazionale. La Francia, il cui Senato ha recentemente adottato una risoluzione contenente una clausola sul riconoscimento del Nagorno-Karabakh [QUI], deve essere tra i mediatori internazionali, insieme a Russia e Stati Uniti”, ha detto Vardanyan in un post su Facebook, ricordando che la Francia è anche un co- Presidente del gruppo di Minsk dell’OSCE. “Ho ripetutamente sottolineato di aver rinunciato alla cittadinanza russa per evitare accuse di perseguire gli interessi di qualcun altro nell’Artsakh, ad eccezione degli interessi del popolo dell’Artsakh. Credo di rispettare pienamente il criterio di un negoziatore proposto dal Signor Aliyev”, ha detto Vardanyan.

I commenti arrivano dopo che il Presidente dell’Azerbajgian, Ilham Aliyev, ha dichiarato: “Se [l’Armenia] vuole parlare dei diritti e della sicurezza degli Armeni in Karabakh, allora non funzionerà. Siamo pronti a parlarne con gli Armeni che vivono in Karabakh. Siamo pronti a parlare con persone che vivono in Karabakh e vogliono vivere lì. Siamo pronti per questo. A proposito, questo processo è iniziato”. Aliyev ha sottolineato che senza interferenze dall’esterno e tentativi di fermare questo processo, “si potrebbe andare in modo più dinamico”.

“La guerra porta sempre la guerra. A volte questo accade anche dopo un cambio di diverse generazioni. L’aggressione oggi è una bomba a orologeria piazzata sotto le future generazioni dei nostri popoli. Ciò significa che i leader delle due parti devono assumersi la piena responsabilità e, per quanto difficile possa essere, sedersi al tavolo dei negoziati e fermare lo spargimento di sangue”, ha detto in risposta il Ministro di Stato dell’Artsakh, Ruben Vardanyan.

Il Ministro di Stato dell’Artsakh, Ruben Vardanyan, il 16 novembre 2022 ha presieduto la riunione del Governo della Repubblica dell’Artsakh/Nagorno-Karabakh: «Dobbiamo superare insieme molte sfide difficili». Durante la riunione, è stato approvato il progetto di legge sul bilancio statale dell’Artsakh, presentato dal Ministro delle Finanze e dell’Economia, Vahram Baghdasaryan. Vardanyan ha osservato che, secondo la procedura stabilita, il progetto di bilancio deve essere presentato all’Assemblea nazionale. “La mia posizione è che dovremmo rivedere gli approcci di bilancio. Ma il processo di elaborazione del bilancio è iniziato prima che assumessi l’incarico. Quindi, tenendo conto dell’importanza di mantenere la stabilità finanziaria, in questa fase è necessario presentare il progetto di bilancio già formulato e lavorare nei prossimi mesi per stabilire un nuovo budget basato sui principi di budget programming”. Parlando della situazione finanziaria ed economica, il Ministro di Stato ha osservato che le difficili condizioni create non consentono più di lavorare secondo il sistema precedente. La situazione di crisi richiede una corretta valutazione delle opportunità e delle risorse disponibili e il loro utilizzo modo efficace massimo, tenendo conto delle sfide odierne. “Abbiamo seri problemi, compreso un grande deficit di bilancio, e per risolvere questi problemi devono essere prese decisioni difficili e talvolta anche impopolari. Altrimenti non riusciremo a superare la crisi. Lo dico per far capire chiaramente la realtà e far capire che insieme dobbiamo superare molte sfide difficili”, ha sottolineato Vardanyan. Il Ministro di Stato ha dato mandato agli organi dell’amministrazione statale, nonché alle istituzioni e agli organismi che operano sotto la loro autorità, di astenersi da ulteriori acquisti e dall’assunzione di nuovi obblighi finanziari fino alla fine dell’anno.

Ruben Vardanyan è un noto imprenditore, banchiere d’affari e filantropo russo-armeno, il cui patrimonio netto è stimato secondo Forbes in 1,3 miliardi di dollari. Nel 2021 ha ottenuto la cittadinanza armena e successivamente ha rinunciato alla cittadinanza russa. Si è trasferito in Armenia e poi in Artsakh, dove ha accettato la proposta di guidare il Governo della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh. Il 4 novembre 2022 è stato nominato alla carica di Ministro di Stato dal Presidente Arayik Harutyunyan.

Ruben Vardanyan in una chiesa nell’Artsakh poco dopo aver annunciato il suo trasferimento lì.

Il Ministro di Stato dell’Artsakh coordina le attività di tutti i Ministeri eccetto la Difesa, gli Interni e il Servizio di Sicurezza Nazionale. Al Ministro di Stato sono assegnate inoltre le funzioni di coordinamento delle attività dei Capi delle agenzie Servizio di vigilanza dello Stato, Comitato di gestione del Catasto e del Demanio, Comitato per i danni materiali, Comitato delle entrate dello Stato, Comitato di gestione degli Ispettorati dello Stato, Comitato delle Acque. Nella sostanza, Ruben Vardanyan è una sorta di Primo Ministro della Repubblica.

Conosciuto come il padre del mercato azionario russo, Vardanyan ha co-fondato la società di investimento Troika Dialog all’inizio degli anni ’90. Nel 2013, Vardanyan e i suoi manager hanno venduto Troika Dialog alla Sberbank russa di proprietà statale per 1,4 miliardi di dollari. Nel 2014 Vardanyan ha fondato la società di investimenti Vardanyan, Broitman e Partner, che serve persone con un patrimonio netto ultra elevato. È ben noto in Armenia per i suoi sforzi filantropici lì. Ha fondato la Fondazione Iniziativa per lo Sviluppo di Armenia (IDeA), che realizza progetti di sviluppo e detiene il Premio Aurora di alto profilo per gli umanitari di tutto il mondo. È anche uno dei fondatori dello United World College di Dilijan, una scuola d’élite.

Come abbiamo riferito alcuni giorni fa [QUI], sostenendo l’iniziativa del Governo dell’Artsakh, la Fondazione Iniziativa per lo Sviluppo di Armenia (IDeA) ha avviato nel 2014 il restauro della moschea iraniana Yukhari Govhar Agha di Sushi, con il sostegno di donazioni private, con notevoli contributi della Fondazione Ripristino del Patrimonio Storico Orientale di Vardanyan e dell’uomo d’affari kazako Kairat Boranbayev. Vardanyan ha partecipato il 14 ottobre 2019 all’apertura della moschea Yukhari Govhar Agha, la vicina madrasa e il parco, per essere utilizzati come Centro Culturale Armeno-Iraniano, alla presenza del Presidente della Repubblica di Artsakh, Bako Sahakyan; del Presidente del Parlamento di Artsakh, Ashot Ghulyan; e di altri funzionari governativi.

«Se diventiamo tutti un’unica catena montuosa, abbandonando le nostre ambizioni, unendoci attorno a un’idea, allora non saremo sconfitti, salveremo la nostra Artsakh» (Ruben Vardanyan).

Quando ieri il Presidente dell’Azerbajgian ha affermato, che Baku è pronta a parlare direttamente con gli Armeni del Nagorno Karabakh, ma non con alcun funzionario governativo, ha anche descritto Vardanyan come “l’uomo di Mosca”, inviato in Artsakh con un programma speciale da portare avanti. Invece, Vardanyan ha replicato di essere qualificato per negoziare a nome degli Armeni di Artsakh una soluzione della questione del Nagorno-Karabakh con l’Azerbajgian.

“Voglio mostrare quanto sia importante l’Artsakh per me e per tutti noi”, ha detto in un video pubblicato il 1° settembre 2022 sulla sua pagina Facebook: “Dopo la guerra del 2020, noi Armeni di tutto il mondo hanno l’obbligo di stare insieme alla gente dell’Artsakh. Dobbiamo offrire non solo supporto morale, ma aiuto concreto”. Ha detto di aver rinunciato alla sua cittadinanza russa dopo aver ottenuto la cittadinanza armena nel 2021 e di essere venuto in Artsakh come cittadino armeno. Mentre ha presentato la sua decisione come un gesto patriottico, volto a rafforzare il precario controllo armeno sul Nagorno-Karabakh, alcuni hanno ventilato il sospetto che le sue motivazioni possano avere a che fare più con le pesanti sanzioni finanziarie imposte dagli Stati Uniti e dell’Europa per la guerra della Russia in Ucraina. “Vardanyan ha guadagnato miliardi in Russia. Ora potrebbe perdere questo denaro e le proprietà immobiliari a causa delle sanzioni contro la Russia”, ha scritto l’analista filogovernativo russo Sergey Markov sul suo canale Telegram. “E ora Vardanyan fa la mossa più elegante. Finge di sacrificarsi per il popolo del Karabakh. Si trasferisce in Karabakh, rinuncia alla cittadinanza russa e quindi elude le sanzioni anti-russe”.

In un’intervista del 1° settembre 2022 al quotidiano russo RBC, gli è stato chiesto dei beni che detiene in Russia. “Darò tutto ai miei soci e lo trasferirò alla fondazione di famiglia”, ha detto, senza fornire ulteriori dettagli. Vardanyan non è soggetto a sanzioni americane o europee, ma è stato nominato in un disegno di legge della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, il “Putin Accountability Act”, che invitava il Governo a sottoporre lui e altri “cleptocrati russi” a sanzioni personali. E anche per le imprese russe non soggette a sanzioni specifiche, le radicali restrizioni finanziarie contro la Federazione Russa hanno spinto molti uomini d’affari russi a cercare di andarsene. Vardanyan ha negato che la sua decisione avesse motivazioni finanziarie. In una conferenza stampa il 2 settembre 2022 a Stepanakert, la capitale della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Nagorno-Karabakh ha dichiarato: «Ruben Vardanyan non è soggetto a sanzioni. Se volessi sfuggire alle sanzioni, potrei scappare in qualsiasi altro Paese. Per me è facile parlare delle mie intenzioni, perché ho già fatto tanto e sto facendo tanto per il mio Paese».

Vardanyan è vicino al Presidente russo, Vladimir Putin, così come all’ex leadership in Armenia. Ha avuto un rapporto più difficile con l’attuale leader del Paese, il Primo Ministro Nikol Pashinyan, dopo che quest’ultimo ha chiuso un progetto di investimento pubblico-privato che il precedente governo aveva lanciato e su cui Vardanyan aveva lavorato. Dalla guerra dei 44 giorni dell’Azerbajgian di fine 2020 nel Nagorno-Karabakh, Vardanyan ha parlato regolarmente degli affari armeni, rimanendo sempre attento a non attaccare direttamente l’attuale governo.

Il Ministro di Stato della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh, Ruben Vardanyan.

In Armenia Vardanyan è stato a lungo visto come un potenziale attore politico, dove molti cittadini sono delusi sia dal partito al governo che dall’opposizione. Alla conferenza stampa di Stepanakert del 2 settembre 2020 non aveva escluso di cercare cariche politiche in Armenia o in Artsakh. “Stiamo parlando di servizio, non come una posizione in cui esercito il potere come sovrano su di te, ma una posizione in cui ti servo”, ha detto. “Sono pronto a tutto, ma non è per questo che sono venuto qui”.

Correva voce che Vardanyan fosse collegato a un partito politico in Armenia fondato nel 2021, Paese per la Vita. Nella conferenza stampa ha detto che stava “collaborando e scambiando idee” con i fondatori del partito, ma non ha ammesso alcun rapporto più profondo. Dopo il suo annuncio sul trasferimento in Artsakh, il partito ha applaudito la decisione: “Il partito sostiene pienamente l’iniziativa di Ruben Vardanyan di creare un fronte pan-armeno per il rafforzamento della sicurezza e dello sviluppo dell’Artsakh in tutte le direzioni”, si legge in una nota.

Postscriptum

«È ufficiale: è ripreso il tiro al trattore da parte degli Azeri che forse sono annoiati nelle loro postazioni oppure probabilmente stanno alzando la tensione verso l’Artsakh. Anche oggi segnaliamo colpi di arma verso un trattore nei campi del villaggio di Hach, Martuni» (Iniziativa italiana per l’Artsakh, 18 novembre 2022).

151.11.48.50