Le Forze Armate dell’Azerbajgian continuano a terrorizzare la popolazione civile in Armenia e Artsakh

Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 15.11.2022 – Vik van Brantegem] – Le Forze Armate azere sparano ancora contro il territorio sovrano dell’Armenia – Il 14 novembre, alle ore 20.00, unità delle Forze Armate azere hanno aperto il fuoco con armi da fuoco di diverso calibro in direzione delle posizioni di difesa armene nella parte orientale della zona di confine armeno-azera, il Ministero della Difesa armeno ha comunicato. Nessuna vittima è stata segnalata dalla parte armena. A partire dalle ore 22.00, la situazione nella zona di confine tra Armeno e Azerbajgian era tornata relativamente stabile, ha affermato il Ministero della Difesa armeno.

Il Presidente dell’Azerbajgian terrorizza la popolazione civile armena – Il Primo Ministro armeno, Nikol Pashinyan, ha accusato il Presidente dell’Azerbaigian di terrorizzare la popolazione civile armena. “Il Presidente dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, vestito in uniforme militare e in un’udienza militare, nel suo discorso minaccioso e aggressivo dell’8 novembre scorso ha annunciato che Sisian, Goris [QUI], Kapan e altre città armene sono nel loro campo visivo e che l’Armenia capisce cosa significa. È un palese atto per terrorizzare la popolazione civile”, ha dichiarato Pashinyan in un post ieri su Twitter.

Il discorso dell’8 novembre 2022 a Shushi del “vittorioso Comandante in capo delle forze armate Ilham Aliyev” (AZARTAC).

Come abbiamo riferito [QUI], nel discorso che ha tenuto l’8 novembre scorso a Shushi, un giorno prima del secondo anniversario della fine della seconda guerra del Nagorno-Karabakh – a cui hanno partecipato “il vittorioso Comandante in capo delle forze armate Ilham Aliyev, la sua moglie Mehriban Aliyeva e il loro figlio Heydar Aliyev”, come ha riferito l’agenzia di stampa statale dell’Azerbajgian AZERTAC – il Presidente dell’Azerbajgian ha ammesso chiaramente che il suo Paese ha iniziato la guerra, nonostante in precedenza avesse insistito sul contrario. Alla cerimonia in occasione del “Giorno della Vittoria” hanno partecipato le élite del regime dell’Azerbajgian, soprattutto delle Forze Armate azere. Aliyev ha dichiarato:

«Il Karabakh è la nostra terra. Le forze di pace russe sono di stanza lì temporaneamente, la dichiarazione del 10 novembre 2020 specifica il loro mandato e, se fanno affidamento su qualcuno, dovranno affrontare un’altra tragedia. Dopo l’operazione del 13-14 settembre, le forze armate dell’Azerbajgian sono di stanza ad alture strategiche chiave in direzione del confine tra Azerbajgian e Armenia. L’Armenia dovrebbe capire cosa significa. Ora possiamo vedere le città di Garakilsa [Sisian in armeno], Gafan [Kapan in armeno], Gorus [Goris in armeno] e Istisu [Jermuk in armeno] da quelle alture strategiche. Siamo sulle rive del lago Piccolo Goycha. Anche il lago Grande Goycha [Goycha è il nome turco per il lago Sevan] è alla nostra vista. Tutte queste sono realtà. Abbiamo creato queste realtà dopo la Guerra Patriottica» [9 novembre 2020-2022. Due anni fa terminava la guerra scatenata dall’Azerbajgian contro l’Artsakh, dopo 44 giorni di bombardamenti, combattimenti e distruzioni – 10 novembre 2022].

Il Ministro degli esteri armeno ha informato gli inviati dell’Unione Europea sulle conseguenze dell’aggressione dell’Azerbajgian – Il Ministro degli Esteri armeno, Ararat Mirzoyan, ha ricevuto la delegazione degli inviati speciali dell’Unione Europea e degli Stati membri dell’Unione Europea per le questioni del partenariato orientale. Mirzoyan ha presentato le riforme attuate dal governo armeno in vari campi, i passi compiuti verso la promozione della democrazia e dei diritti umani e il rafforzamento dello stato di diritto. Sono state discusse questioni relative all’agenda bilaterale Armenia-Unione Europea e al processo di attuazione dell’accordo di partenariato globale e rafforzato Armenia-Unione Europea. Lodando il dialogo politico ad alto livello con l’Unione Europea, basato su valori comuni, Mirzoyan ha sottolineato lo sviluppo della cooperazione multisettoriale con l’Unione Europea con passi continui e attivi, anche nel quadro del partenariato orientale. Le parti hanno proceduto a uno scambio di opinioni sull’attività e sul significato della missione di monitoraggio dell’Unione Europea in Armenia. Mirzoyan ha presentato agli interlocutori le conseguenze dell’aggressione azera del 13-14 settembre scorso, riferito alla posizione della parte armena in merito alla sistemazione dei rapporti tra Armenia e Azerbajgian e per la risoluzione della questione del Nagorno-Karabakh. Mirzoyan ha sottolineato che l’instaurazione della stabilità e della pace nella regione continua ad essere ostacolata dagli approcci estremisti dell’Azerbajgian. Sono stati inoltre discussi gli sviluppi della demarcazione delle frontiere e dei processi di sicurezza delle frontiere, lo sblocco dei collegamenti economici regionali e le infrastrutture di trasporto.

La famiglia Shahnazaryan a Karmir Shuka in Artsakh ha ottenuto una casa nuova – Il veterano della guerra dei 44 giorni del 2020, Artak Shahnazaryan, e la sua famiglia il 14 novembre hanno ricevuto le chiavi della loro casa ricostruita a Karmir Shuka. “La Fondazione Tufenkian è felice di fare la sua piccola parte per la gente dell’Artsakh e vedere i sorrisi sui volti delle persone, giovani e meno giovani, ne vale la pena”, ha detto il Direttore delle pubbliche relazioni della Fondazione, Rupen Janbazian. Artak era stato ferito mentre combatteva nella guerra di aggressione dell’Azerbajgian del 2020. È stato colpito in un attacco di droni da schegge alle gambe e ha subito lesioni alla parte superiore del corpo. Anche la casa dei Shahnazaryan ha subito danni da schegge durante la guerra. Artak e sua moglie Narine hanno cinque figli: Valerik, 16 anni; Arturo, 15; Anna, 7 anni; Avet, 5; e Astghik, un anno e otto mesi. Anche la madre di Narine vive nella casa di famiglia. Nei lavori di ristrutturazione sono stati aggiunti un bagno due camere da letto. Anche la cucina della casa e le stanze esistenti sono state rinnovate e le finestre di tutta la proprietà sono state sostituite.

Alla cerimonia del 14 novembre hanno partecipato la famiglia Shahnazaryan; il Sindaco di Karmir Shuka, Narek Atayan; il Consigliere del Ministro di Stato dell’Artsakh e Coordinatore della pianificazione strategica per l’assistenza umanitaria, Hagop Ipdjian; i rappresentanti degli uffici di Stepanakert e Yerevan della Fondazione Tufenkian e altri dignitari. Nel suo discorso, Janbazian ha ringraziato il team di costruzione, il sindaco e l’amministrazione di Karmir Shuka, nonché tutti i donatori e i sostenitori che hanno reso possibile la ricostruzione della casa dei Shahnazaryan.

La Fondazione Tufenkian ha sostenuto fattivamente i soldati feriti e le loro famiglie nella guerra dell’aprile 2016. Concentrandosi su alloggi accessibili, Tufenkian ha aiutato i veterani disabili durante la prima guerra dell’Artsakh nei primi anni ’90, la guerra del 2016, i feriti durante altri attacchi lungo la linea di contatto nel corso degli anni e, più recentemente, durante la guerra del 2020.

“Oggi è un giorno speciale per la famiglia Shahnazaryan, un giorno di felicità”, ha detto Artak Shahnazaryan nel suo brindisi, circondato dalla sua famiglia. “Ringraziamo la Fondazione Tufenkian, i donatori e tutti coloro che hanno reso tutto questo una realtà per la mia famiglia. Questi possono essere tempi difficili per la nostra gente, ma ci sentiamo forti essendo qui sulla nostra terra e nella nostra casa.

Il Ministro di Stato dell’Artsakh ha ricevuto il Capo Missione del CICR – Il Ministro di Stato dell’Artsakh, Ruben Vardanyan, ha ricevuto la delegazione della Missione del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) nel Nagorno-Karabakh guidata dal Capo Missione, Nicolas Fleury. Vardanyan ha evidenziato l’importante attività della Missione del CICR in Artsakh, soprattutto nel dopoguerra, sia in termini di attività umanitarie che di vari programmi di assistenza alla popolazione. Nicolas Fleury ha presentato informazioni sulle attività passate e in corso, nonché sui programmi di assistenza socio-economica per i gruppi vulnerabili della società. Sono state discusse le questioni relative alla garanzia della continuazione della cooperazione e dei programmi futuri. Vardanyan ha attirato l’attenzione degli ospiti sull’ultimo incidente registrato nel villaggio di Khramort nella regione di Askeran, quando sono stati sparati colpi di arma da fuoco dalle postazioni di combattimento azere contro un civile che stava conducendo lavori agricoli [QUI]. Le parti hanno sottolineato la necessità di garantire la sicurezza di tutti i gruppi della popolazione. “Circa 30.000 bambini vivono in Artsakh, siamo obbligati a garantire la loro sicurezza e un’infanzia serena”, ha affermato il Ministro di Stato.

La politica degli Stati Uniti dovrebbe allinearsi con la sopravvivenza dell’Artsakh e la sicurezza dell’Armenia – Il 16 novembre prossimo si svolgerà alle ore 10.00 al Senato degli USA l’audizione della commissione per le relazioni estere in riferimento alla regione del Caucaso, che sarà trasmessa in diretta streaming. Secondo la testimonianza presentata dall’Armenian National Committee of America (ANCA) per l’audizione, la politica degli Stati Uniti nei confronti del Caucaso dovrebbe rafforzare la sicurezza dell’Armenia e dell’Artsakh contro le minacce provenienti dall’Azerbaigian e dalla Turchia. La testimonianza dell’ANCA, presentata dal Direttore degli Affari Governativi, Tereza Yerimyan, sottolineato che “la politica statunitense nei confronti dell’Armenia deve allinearsi con la sicurezza e la sopravvivenza dell’Armenia e dell’Artsakh di fronte alle minacce esistenziali regionali, mentre la politica degli Stati Uniti in riferimento all’Azerbaigian dovrebbe dare la priorità alla responsabilità per i suoi crimini passati e in corso. La nostra attuale politica statunitense profondamente imperfetta nel Caucaso offre lezioni sulla democrazia all’Armenia democratica, invia aiuti militari finanziati dai contribuenti statunitensi all’Azerbajgian dittatoriale e non fornisce alcuna assistenza all’Artsakh a rischio. Questo deve cambiare.

Nella testimonianza dell’ANCA [QUI] vengono affronta le seguenti priorità politiche del Comitato:

  • Piena applicazione delle restrizioni della Sezione 907 sugli aiuti statunitensi all’Azerbajgian.
  • Non meno di 50 milioni di dollari in aiuti umanitari diretti degli Stati Uniti all’Artsakh.
  • Inchieste ufficiali sulle violazioni delle esportazioni di armi relative ai droni turchi.
  • Controllo rigoroso delle nomine degli Ambasciatori in Armenia e in Azerbajgian.
  • Pressione degli Stati Uniti sulla Turchia affinché smetta di ostacolare la giustizia per il genocidio armeno.
  • Indagini sui crimini di guerra dell’Azerbajgian, compreso l’uso di munizioni proibite, il reclutamento di mercenari stranieri, la profanazione culturale e religiosa e la detenzione illegale, l’abuso e l’assassinio di prigionieri di guerra armeni.

“Il regime di Aliyev, ricco di petrolio, deve essere ritenuto responsabile, attraverso l’immediata cessazione degli aiuti militari statunitensi e le indagini sulle sue invasioni, atrocità e crimini di guerra”, ha affermato Yerimyan. “Queste azioni devono essere accompagnate da un sostanzioso pacchetto di aiuti per soddisfare le urgenti esigenze umanitarie e di sviluppo nell’Artsakh. In termini di legami bilaterali USA-Armenia, cerchiamo un cambio di paradigma nelle relazioni che dia priorità alla sicurezza e alla sopravvivenza dell’Armenia e dell’Artsakh di fronte alle minacce esistenziali regionali”.

I testimoni che hanno offerto la testimonianza all’audizione della commissione per le relazioni estere del Senato includono Karen Donfried, Assistente del Segretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici, e Philip Reeker, Consigliere senior del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per i negoziati sul Caucaso. L’ANCA ha condiviso con i membri della commissione per le relazioni estere del Senato una serie di approfondite domande, chiedendo chiarimenti sulle politiche del Governo Biden su una serie di preoccupazioni armeno-americane.

151.11.48.50