Profanazione nella St. Anthony Catholic School a Washington. La polizia indaga per atti vandalici ispirati dall’odio per motivi religiosi

Condividi su...

«Il sito di informazione The Atlantic, la settimana scorsa ha definito la corona del Rosario, un “simbolo estremista”. L’affermazione ha scatenato attacchi violenti contro i simboli cristiani. L’ultimo è avvenuto nella St. Anthony Catholic School a Washington» (Don Salvatore Lazzara).

Qui ventum seminabunt et turbinem metent, un antichissimo proverbio, tuttora molto usato, che deriva da un libro dell’Antico Testamento: «Poiché costoro seminano vento e raccoglieranno tempesta; la semenza non farà stelo, i germogli non daranno farina; e, se ne facessero, gli stranieri la divorerebbero» (Osea 8,7). L’invettiva del profeta Osea riguarda coloro che stanno agendo contro le leggi del Signore, causando ingiustizie e violenze e portando grande smarrimento nel popolo. Si raccoglie quello che si semina.

Un’ondata di atti vandalici contro le proprietà religiose cattoliche

Quanto successo alla St. Anthony School di Washington è il più recente incidente in un’ondata di atti vandalici contro le proprietà religiose cattoliche. A luglio sono stati appiccati diversi incendi all’interno della chiesa di St. Jane Frances de Chantal nel sobborgo de Bethesda di Washington, nel Maryland. Anche la Via Crucis fu abbattuta dalle mura e il tabernacolo fu sfondato. Durante la settimana dell’8 agosto, i vandali hanno rotto un vetro di una finestra in un’altra chiesa cattolica locale e vi hanno introdotto un tubo con acqua corrente, coprendo il vestibolo di acqua. Alla fine dello scorso anno, una statua in marmo di Nostra Signora di Fatima nel parco della Basilica del Santuario Nazionale dell’Immacolata Concezione a Washington è stata vandalizzata, con le mani e il naso di Maria tagliati, il viso graffiato e la croce della sua corona spezzata. Il santuario nazionale si trova nello stesso quartiere di Brookland della St. Anthony School. Lo scorso ottobre, una svastica è stata trovata dipinta su un pilastro nel parcheggio della chiesa cattolica dell’Annunciazione nel nord-ovest di Washington.

La St. Anthony Catholic School

La St. Anthony Catholic School – al numero 3400 di 12th Street del quartiere di Brookland nel nord-est di Washington – fu fondata da Suore Benedettine nel 1922, che l’hanno diretto fino al 1997. Oggi fa parte del Consortium of Catholic Academies (CCA) e fornisce insegnamento a più di 850 alunni dalla scuola d’infanzia fino alla terza media, con un senso di fede, un amore per apprendere e speranza nella comunità, con altre tre scuole cattoliche cittadine di Washington, la Sacred Heart School, la St. Francis Xavier Academy e la St. Thomas More Academy. La CCA si impegna a fornire supporto accademico, sociale e finanziario in un ambiente sicuro e stimolante. Però, mentre si prepara a celebrare il 20 novembre 2022 con l’Arcivescovo metropolita di Washington, Cardinale Wilton Gregory, il suo centesimo anniversario, la Scuola Cattolica di Sant’Antonio deve letteralmente raccogliere i pezzi prima che gli alunni tornino tra due settimane. La scuola è stata vandalizzata due volte in meno di una settimana.

La statua di Sant’Antonio rovesciata e decapitata, e le panchine divelti, nel cortile della Scuola Cattolica di Sant’Antonio a Washington, l’11 agosto 2022. Il Preside definisce l’atto vandalico “un crimine d’odio”.

Il primo atto vandalico

L’11 agosto, i funzionari della Scuola di Sant’Antonio hanno scoperto che durante la notte precedente, dei vandali hanno fatto danni davanti alla scuola. L’affiliata di ABC,7News ha riferito il 14 agosto, che nel cortile dei vandali hanno divelto le panchine, danneggiato l’edificio e, peggio ancora, rovesciato la statua di Sant’Antonio vicina alla porta d’ingresso della scuola omonima. Cadendo, la statua ha rotto il davanzale della finestra ed è stata decapitata. La testa è sparita.

L’ingresso principale della St. Anthony Catholic School a Washington, con la Statua di Sant’Antonio ancora intatta.

“Sono sceso a vederlo. La testa [della Statua di Sant’Antonio] era stata staccata. La prima cosa che ho fatto è stata cercarla testa e non l’ho trovata da nessuna parte”, ha detto il Preside, Michael Thomasian. “Sono scioccato e con il cuore a pezzi. Quella statua era un dono. È il segno distintivo della scuola. I bambini fanno le foto lì e curano il giardino. Quando ti diplomi, ti metti davanti con il tuo diploma. È più di uno sfondo. A vederlo demolito così, in un atto di odio, rimasi senza parole”, ha aggiunto Thomasian.

Un gruppo di alunni davanti all’ingresso principale della St. Anthony Catholic School a Washington, con accanto alla Statua di Sant’Antonio ancora intatta, il parroco Padre Fred Close.

Il secondo atto vandalico

Poi, lunedì 15 agosto 2022 il giornalista Christian Flores di 7News ha riferito che la scuola era stata ancora una volta vandalizzata. In questo ultimo crimine, dei malfattori hanno fatto irruzione nella scuola, hanno saccheggiato l’ufficio del Preside e hanno rotto altre statue religiose.

“Questa volta sono entrati nell’edificio, non so come, non c’è alcun segno che abbiano fatto irruzione ma l’hanno fatto. Ci sono telecamere nel luogo, ma finora non sono state in grado di recuperare il video “, ha detto il Preside Michael Thomasian al Catholic Standard, il giornale arcidiocesano di Washington. “Hanno vandalizzato il mio ufficio. Hanno distrutto una statua della Beata Madre, una statua di San Giuseppe e candele d’Avvento. Hanno svuotato i cassetti della mia scrivania e preso una macchina fotografica e una chiavette USB”.

Secondo una nota del Dipartimento di Polizia Metropolitana di Washington, tra la sera di domenica 14 agosto e la mattina di lunedì 15 agosto, dei ladri sono entrati nella Scuola Cattolica di Sant’Antonio attraverso un finestrino laterale. Una volta dentro, i malfattori hanno rubato oggetti da una scrivania e 1.400 dollari. Il Preside ha spiegato che si tratta di soldi raccolti per le missioni all’estero. Quindi, i ladri hanno distrutto le statue della Madonna e di San Giuseppe all’interno dell’edificio. Alcuni vestiti sono stati lasciati a terra, che sono stati raccolti come prova, ha detto la polizia.

Il Preside Thomasian ritiene che si tratta di più di un semplice caso di vandalismo

“Non so cosa pensare. Non so cosa c’era nella mente l’autore del reato, cosa c’era nel suo cuore. Ma vedo il vandalismo, la profanazione di qualcosa di molto speciale per noi e fa solo male vederlo. Tutto quello che so è che i simboli della nostra fede sono stati distrutti”, ha detto Thomasian. ” Siamo presenti a Brookland da 100 anni. È una comunità meravigliosa. Abbiamo subito episodi di vandalismo, ma mai qualcosa di esplicitamente religioso è stato danneggiato e vandalizzato in questo modo. È davvero una profanazione. Non so cosa stesse pensando la persona o cosa l’abbia portata a questo. Quando hanno divelto le panchine davanti alla scuola, è stato vandalismo. Ma quando distruggono le statue di Sant’Antonio, della Beata Madre e di San Giuseppe, è [un attacco a qualcosa] esplicitamente cattolico, ed è un atto di odio”, ha concluso il Preside, sperando che riescano a trovare la testa della statua per ripararla, “perché sostituirla costerebbe migliaia di dollari”.

Il Preside Michael Thomasian con la statua di Sant’Antonio ancora intatta.

Si guarda indietro con gratitudine e si guarda avanti con gioia

I crimini commessi non influenzeranno l’inizio del prossimo anno scolastico, ha detto il Preside Michael Thomasian lunedì 15 agosto alla NBC4. “È stato molto triste. Ci hanno attaccato, ma sicuramente non ci hanno sconfitto. Siamo circondati da vicini meravigliosi e da una chiesa meravigliosa e siamo pronti per andare avanti”, ha assicurato Thomasian, riconoscendo che questi incidenti metteranno alla prova anche quanto potranno rimanere fedeli al motto della loro scuola. “Abbiamo un tema per il nuovo anno”, ha detto Thomasian. “Il tema è: Guardare indietro con gratitudine, guardare avanti con gioia. Questo è quello che faremo”.

“So che non è giusto e non mi piace che abbiano fatto questo alla mia scuola perché è il nostro centesimo anniversario”, ha detto Peter Sherman, un bambino di seconda media. “Dovremmo festeggiare”.

“Non ha alcun senso per me”, ha detto del vandalismo Padre Fred Close, il parroco di St Anthony. “Non capisco la mente criminale, ma secondo me questo sembra essere un odio irrazionale per il bene. Sto solo pregando per questo”. Ha aggiunto che “la nostra prima risposta deve essere la lode di Dio e poi le preghiere per la persona o le persone che fanno questo”.

I genitori preoccupati per i loro figli

Ha aggiunto Raquel Terry, una insegnante della scuola e genitore di due alunni di Sant’Antonio: “Se fossero solo le panchine o danni all’edificio, o danni come abbiamo visto in passato nella piccola biblioteca, sembrerebbe vandalismo nel quartiere. Ma l’attacco alla statua lo fa sembrare più odioso e intenzionale. Questi atti vandalici fanno preoccupare i genitori per i loro figli. Terry ha detto che la scuola è un santuario per i suoi figli e gli altri studenti e che questi incidenti la priva della sua tranquillità. “Parte del mio lavoro è assicurarmi che sappiano quanto sono amati, ma anche assicurarmi che sappiano anche amare il prossimo. Quando passiamo così tanto tempo a farlo e all’improvviso ti sembra che potrebbero esserci alcune persone che ti odiano, è molto doloroso”, ha detto Terry. “Questo è un posto sicuro dei miei figli. È una scuola molto amata nel quartiere. Quanto è successo, ho sentito come molto personale e un attacco molto triste alla comunità scolastica e ecclesiale”, ha aggiunto.

La pagina GoFundMe creata dall’insegnante Raquel Terry.

La generosità della comunità

Raquel Terry ha creato una pagina GoFundMe per raccogliere fondo per riparare i danni del vandalismo e della profanazione. “Questi spazi nei mirini vandalici sono stati realizzati con le generose donazioni delle famiglie scolastiche e della comunità per la comunità. Molti volontari del quartiere si sono dedicati a rendere il nostro spazio esterno invitante e accogliente per tutti”, ha scritto nell’appello pubblicato sul sito GoFundMe. “Il parco giochi è sempre rimasto aperto in modo che sia disponibili per il quartiere”, ha aggiunto. “Questa non è stata solo una perdita per la nostra chiesa e scuola, ma davvero una perdita per la comunità”.

Nonostante i tempi bui, la comunità ha fornito un raggio di luce alla scuola. Dal giorno dell’Assunta fino al momento in cui scriviamo, la pagina GoFundMe ha raccolto già quasi 31.500 dollari su un obiettivo di 25.000, con 360 donazioni, in crescita. “La mia risposta iniziale è stata: ‘Voglio fare qualcosa’”, ha detto Terry. “Penso che, poiché questo quartiere è così forte e così orgoglioso, volessero davvero girare intorno alla scuola per farci sapere che siamo amati dalla comunità”, ha concluso.

L’appello su GoFundMe

Siamo tristi di condividere che la nostra amata Scuola Cattolica di Sant’Antonio è stata recentemente vandalizzata. La nostra scuola festeggia con orgoglio il suo 100° anno nel quartiere. Sant’Antonio ama il quartiere di Brookland e la nostra missione è servire e amare bene il nostro prossimo. Anche se non frequenti la scuola o la chiesa, probabilmente conosci la nostra scuola e il nostro Preside, il Signor Thomasian, e i nostri studenti e famiglie che sono orgogliosi di far parte di questo vivace quartiere. Siamo molto feriti dalle azioni di uno o pochi, ma abbiamo in programma di riparare tutti i danni prima del primo giorno di scuola.
La nostra bellissima statua di Sant’Antonio è stata abbattuta e rotta, il vicino davanzale di cemento è stato rotto e la testa della statua è scomparsa. Anche le nostre tre panchine del parco giochi sono state estratte da terra e danneggiate. Questa profanazione è un crimine d’odio ed è stata denunciata alla polizia.
Questi spazi nei mirini vandalici sono stati realizzati con le generose donazioni delle famiglie scolastiche e della comunità per la comunità. Molti volontari del quartiere si sono dedicati a rendere il nostro spazio esterno invitante e accogliente per tutti. Il parco giochi è sempre rimasto aperto in modo che sia disponibili per il quartiere”, ha aggiunto. “Questa non è stata solo una perdita per la nostra chiesa e scuola, ma davvero una perdita per la comunità”.

Utilizzeremo i fondi per sostituire la statua, le panche rotte e riparare i danni arrecati all’edificio. Eventuali fondi aggiuntivi andranno ad abbellire lo spazio esterno e migliorare la sicurezza. Grazie per le vostre preghiere e per aver collaborato con noi per ricostruire i pezzi rotti prima che le porte della nostra scuola si aprano ai nostri bambini.
Per favore, mantenete la nostra comunità scolastica nelle vostre preghiere.


Arrestato di un sospettato

Mercoledì 17 agosto 2022, la Polizia Metropolitana di Washington ha comunicato che un sospettato, il 32enne Demitrius Hansford, del nord-est di Washington, è stato arrestato e accusato in relazione ai due reati separati di furto con scasso e di distribuzione di proprietà privata, avvenuti presso la Scuola Cattolica di Sant’Antonio. Degli investigatori hanno detto che si sta indagando sugli incidenti come possibili crimini d’odio per motivi religiosi.

Foto di copertina: la statua di Sant’Antonio rovesciata e decapitata fuori dalla Scuola Cattolica di Sant’Antonio a Washington, l’11 agosto 2022. Il Preside definisce l’atto di vandalismo “un crimine d’odio”.

151.11.48.50