Atto molto pesante della famiglia Regeni contro il governo italiano

Condividi su...

La famiglia Regeni ha deposito un esposto contro il governo italiano per le fregate vendute al Cairo. Lo ha reso noto Antimafia Duemila – Associazione Culturale Falcone e Borsellino. Secondo i genitori di Giulio Regeni, il giovane ricercatore friulano morto in Egitto tra il 25 gennaio e il 3 febbraio 2016, dopo atroci torture da parte di agenti del servizio segreto interno egiziano, è vietato vendere armamenti a governi responsabili di violazioni di diritti umani.

I genitori di Giulio Regeni hanno depositato presso la Procura di Roma un esposto contro il governo italiano. Il motivo è legato alla vendita da parte dell’Italia di due fregate della marina italiana all’Egitto di Abdel Fattah Al-Sisi avvenuta in “palese violazione della legge”. Vendere armi a Paesi che si sono macchiati di “gravi violazioni delle convenzioni internazionali in materia di diritti umani, accertate dagli organi delle Nazioni Unite o dall’Unione europea” è vietato dalla legge 185 del 1990. Un atto forte, annunciato la scorsa settimana e ora formalizzato davanti ai magistrati che indagano sulla morte di Regini. E che, nel silenzio della politica, “costringe Giulio a fare cose”, per citare un’espressione cara ai genitori del giovane ricercatore italiano.

Un atto – quello dell’esposto – che apre una frattura importante tra la famiglia Regeni e il governo: dopo aver visto un figlio sequestrato, torturato e ucciso da agenti di intelligence di uno Stato estero, come sostiene la Procura di Roma, sono costretti, da cittadini, a “difendersi” dal governo italiano.

La denuncia è stata presentata, infatti, nell’ambito del procedimento penale aperto dalla Procura di Roma sull’assassinio di Giulio Regini.

La legge 185/90, fa notare l’avvocato Alessandra Ballerini, prevede nel primo articolo il divieto di esportazioni di armi verso Paesi che violano le convenzioni internazionali in tema di diritti umani. E la famiglia Regeni, che nel frattempo ha chiesto nuovamente il ritiro dell’Ambasciatore italiano dal Cairo, è fermamente convinta che l’Egitto sia tra quei Paesi.

Striscione “Verità per Giulio Regeni” esposto sulla balconata di Palazzo Civico a Torino.
151.11.48.50