Gli stolti non resistono al tuo sguardo

Condividi su...

Accendo ogni mattina due candele, accompagnate dalla mia preghiera mattutina per i miei cari (e per coloro che mi hanno chiesto e pregare per loro), davanti alla sacra Icona della Madre di Dio “della dolorosa gioia” o “della tenerezza”. Dal 14 giugno 2020 c’è una terza candela, che accompagna la mia preghiera per l’apostolato itinerante del mio carissimo amico, Padre Jarek Cielecki di San Charbel, in questo momento in viaggio dalla Polonia verso l’Italia, con la sua cappella mobile.

Salmo 5

Porgi l’orecchio, Signore, alle mie parole:
intendi il mio lamento.
Ascolta la voce del mio grido,
o mio re e mio Dio,
perché ti prego, Signore.
Al mattino ascolta la mia voce;
fin dal mattino t’invoco e sto in attesa.
Tu non sei un Dio che si compiace del male;
presso di te il malvagio non trova dimora;
gli stolti non sostengono il tuo sguardo.
Tu detesti chi fa il male,
fai perire i bugiardi.
Il Signore detesta sanguinari e ingannatori.
Ma io per la tua grande misericordia
entrerò nella tua casa;
mi prostrerò con timore
nel tuo santo tempio.
Signore, guidami con giustizia
di fronte ai miei nemici;
spianami davanti il tuo cammino.
Non c’è sincerità sulla loro bocca,
è pieno di perfidia il loro cuore;
la loro gola è un sepolcro aperto,
la loro lingua è tutta adulazione.
Condannali, o Dio, soccombano alle loro trame,
per tanti loro delitti disperdili,
perché a te si sono ribellati.
Gioiscano quanti in te si rifugiano,
esultino senza fine.
Tu li proteggi e in te si allieteranno
quanti amano il tuo nome.
Signore, tu benedici il giusto:
come scudo lo copre la tua benevolenza.

L’Icona “Madre de Dios Humilenie” (Madre di Dio della Dolorosa Gioia) di Beatriz Fazio dell’anno 2000, è intronata nella mia stanza da letto e davanti alla quale sono sempre accese le candele, specialmente in momenti di necessità e per invocare l’intercessione della Santissima Vergine per le intenzioni della mia famiglia e degli amici.

La Madre di Dio Humilenie o Eleousa è il nome di un noto tipo iconografico della Madre di Dio, caratterizzata da un affettuoso abbraccio guancia a guancia di Maria e Gesù bambino. Ritenuto che abbia avuto origine a Bisanzio dopo il periodo iconoclastico, l’immagine unisce i temi dell’amore materno e la passione di Cristo. Profeticamente anticipando il destino che attende il suo figlio, espressione amorevole della madre di Dio porta un pizzico di profonda tristezza.

La parola “humilenie” viene sempre tradotto come “tenerezza”. Ma questo è il significato russo della parola. Questo termine della lingua slava ecclesiastica nella cultura russa (in greco “katanuksis”) significa “contrizione”, “pentimento istantaneo” e non “tenerezza”. L’Icona della Madre di Dio Humilenie (che comunemente viene chiamata “della Tenerezza”), non si riferisce alla tenerezza della Vergine, ma all’acuto pentimento che quest’immagine induce nel peccatore che la guarda. Il termine è senza dubbio una traduzione del greco “eleousa”, che significa “che accarezza”, “misericordia”, ma il termine russo Умиление “humilenie”, che significa “dolorosa gioia” possiede un significato più profondo e ricco dell’originale greco.

Una delle immagini più conosciute di questo tipo è l’Icona della madre di Dio di Vladimir del 12̊ secolo, custodita nella Galleria Tretyakov di Mosca.

L’Icona della Madre de Dios Humilenie mostrata nella foto – che avevo esposto per la prima volta sulla mia bacheca Facebook il 13 novembre 2018 (per un’intenzione pressante e chiedo a chi può di unirsi a me in preghiera alla Madre di Dio della Tenerezza, della Compassione, della Misericordia, della Bontà, della Dolorosa Gioia) – ho ricevuto in dono da Joaquín Navarro-Valls a conclusione del Grande Giubileo dell’Anno Santo 2000, per il mio servizio reso per la preparazione e la gestione delle attività connesse con l’Ufficio di accreditamento e il Centro Servizio Stampa temporanei. Si trovava nel mio ufficio presso la Sala Stampa della Santa Sede e la portavo sempre con me nell’Ufficio temporaneo “del Fungo” (si chiamava così perché funzionava nel “Salone degli ambasciatori” sopra lo Studio pontificio presso l’Aula Paolo VI) per la pubblicazione e la traduzione dei testi delle Assemblee Generali del Sinodo di Vescovi. Ho esposto questa Icona anche all’ingresso dei vari Media Center installati nell’Aula Paolo VI in Vaticano dopo l’Anno 2000 in occasione dei grandi eventi (conclavi, canonizzazioni).

L’Icona della Madre di Dio Humeliene è una variante della più antica e solenne Odigitria, esprime l’intensità del rapporto tenero e affettuoso tra la Madre e il Bambino. Essa abbandona l’atteggiamento statico e rigido proprio dell’Odigitria, nella quale non v’è posto per i sentimenti; al contrario, essa lascia trasparire un innegabile senso di affettuosità e tenerezza. Il tema è soprattutto l’intimità affettuosa tra il Figlio e sua Madre, stretti in un intenso, tenero abbraccio.

“Obiettivo del pittore è di rappresentare un’immagine spirituale e l’armonia. Ciò è realizzabile solo per estendere alcune, che le icone sono dipinte su terra, non in cielo. L’Icona di scrittura richiede calma e meditazione, perché la condizione spirituale di icona-scrittore è sempre presente nell’Icona completato. Pertanto, il compito principale dell’icona-scrittore sta raccogliendo fiducia, di amore, di fede, di speranza e di energie positive. Tutto questo sarà rivelato nell’icona completato.
Le Icone vengono create per la contemplazione, che attiva il singolo contatto con la realtà spirituale e il Santo rappresentato nell’Icona. Di conseguenza, ognuno di noi si sviluppa un rapporto molto individuale a qualsiasi particolare Icona” (Vadim Moroz).

Le attività pastorali di Padre Jarek Cielecki di San Charbel possono essere seguite tramite Internet:
– Portale Charbel TV sul Sito Padrejarek.pl: QUI.
– Portale Charbel TV sul Canale YouTube Saint Charbel: QUI.
– Pagina Facebook di Padrejarek.pl: QUI.
– Video delle attività di Padre Jarek: QUI.

Per aiutare Padre Jarek Cielecki di San Charbel a costruire a Florencja in Polonia la cappella per la Madonna Assunta, Madre del Buon Inizio: QUI.

151.11.48.50