Nomina del Vicario in Anatolia e Accordo diplomatico con Timor-Leste. La giornata vaticana

Condividi su...

Giornata prefestiva in Vaticano, vigilia della Festa per la Vergine Assunta che si celebra a Ferragosto. Ma non manca l’attività. Per Papa Francesco un atto di nomina: si tratta del Vicario apostolico in Anatolia, che sarà il gesuita Paolo Bizzetti, finora Rettore della Patavina Residentia Antonianum e Direttore del Centro Antonianum per la formazione del laicato a Padova. Padre Bizzetti è noto per essere un grande esperto di questioni medio orientali. Al gesuita è stata assegnata la Sede titolare di Tabe. La sede era vacante dall’uccisione del vescovo Luigi Padovese, cappuccino, il 3 giugno 2010.

Sempre di oggi il nuovo accordo diplomatico tra la Santa Sede e la Repubblica Democratica di Timor-Leste. Il Segretario di Stato Pietro Parolin, nel suo giro asiatico di questi giorni, è sbarcato nella capitale Dili. L’atto è stato sottoscritto nel quadro delle celebrazioni per il quinto centenario dell’evangelizzazione della Repubblica Democratica di Timor-Leste negli Uffici del Palazzo di Governo. Il testo è stato firmato dal cardinale Parolin, Legato Pontificio per l’occasione, e dal Primo Ministro dei Timor-Leste, Rui Maria de Araújo.

“L’Accordo- si legge nel comunicato ufficiale della Santa Sede- prendendo atto delle buone relazioni che si sono sviluppate tra la Santa Sede e la Repubblica Democratica di Timor-Leste, e considerando il ruolo storico e attuale svolto dalla Chiesa cattolica nella vita della Nazione al servizio dello sviluppo della persona umana, definisce e garantisce lo statuto giuridico della Chiesa cattolica e regola vari ambiti, tra cui il matrimonio canonico, i luoghi di culto, le istituzioni cattoliche di istruzione e di educazione, l’insegnamento della religione nelle scuole, l’attività assistenziale-caritativa della Chiesa, la cura pastorale nelle forze armate e nelle istituzioni penitenziarie ed ospedaliere, e il regime patrimoniale e fiscale”.

151.11.48.50