Un eroe che salva i bambini da un destino peggiore della morte

Manifesto film
Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 16.04.2024 – Vik van Brantegem] – Ogni anno nel mondo scompaiono diversi milioni di bambini, decine di migliaia ogni giorno. Anche in Italia il fenomeno è drammatico. Secondo i dati del Ministero dell’interno nel 2022 i minori scomparsi sono stati in totale 17.130 di cui 13.002 minori stranieri e 4.128 minori italiani. Di questi ultimi circa il 26% ovvero 1.073 non sono stati più ritrovati.

Lo straordinario film Sound of Freedom-Il Canto della Libertà, nella regia di Alejandro Monteverde, con la produzione di Eduardo Verastegui e la produzione esecutiva di Mel Gibson, punta i riflettori su uno degli argomenti più bui della nostra società. Il film – un pugno sullo stomaco – è basato sulla meravigliosa storia vera di un agente del FBI che si introduce nell’oscura realtà dei trafficanti di bambini per salvare la vita a due fratellini rapiti. Dopo aver salvato un ragazzino da spietati trafficanti di bambini, l’agente federale scopre che la sorellina è ancora prigioniera e decide di imbarcarsi in una pericolosa missione per salvarla. Con il tempo che stringe e fronteggiando numerosi ostacoli, lascia il lavoro e si addentra nella giungla colombiana, mettendo a rischio la sua stessa vita pur di liberarla da un destino peggiore della morte.

Questo intenso thriller d’azione racconta la vera storia di Tim Ballard, fondatore di Operation Underground Railroad, un’organizzazione no-profit impegnata a scoprire le reti di sfruttatori e pedofili, smantellando la tratta di bambini vittime del turismo sessuale. Oltre a Jim Caviezel nel ruolo di Ballard, troviamo il premio Oscar Mira Sorvino nel ruolo di Katherine Ballard e Bill Camp nel ruolo di Vampiro, il braccio destro di Ballard.

L’eroismo del protagonista contribuirà a dare avvio ai protocolli di cooperazione internazionale nella lotta alla pedopornografia e alla tratta dei minori. Due fenomeni poco conosciuti dal grande pubblico, ma in drammatica crescita. Il 15 aprile 2024, il produttore di Sound of Freedom-Il Canto della Libertà Eduardo Verástegui ha firmato col Governo italiano una lettera di intenti contro la tratta dei minori.

Negli USA è stato uno dei casi cinematografici dell’anno 2023. Uscito nelle sale americane scorso il 4 luglio 2023, distribuito da Angel Studios in partnership con Dominus Production, dopo un esordio da circa 20 milioni di dollari, il film ha avuto un’impressionante tenuta complice di un passaparola del pubblico a dir poco eccellente. Il film, che esce nelle sale italiane il prossimo 25 maggio, anticipato da una serie di anteprime in alcune città, è distribuito in esclusiva da Dominus Production, realtà distributiva fondata da Federica Picchi Roncali, per promuovere proposte filmiche basate su storie vere che trattano temi socialmente rilevanti. Dominus Production vanta una fitta rete di associazioni culturali sostenitrici che collaborano alla diffusione delle pellicole nelle sale su tutto il territorio nazionale.

Sound of Freedom-Il Canto della Libertà si propone di dare al pubblico maggior consapevolezza sia sul fenomeno, in esponenziale crescita, della scomparsa dei minori, sia di mettere in guardia i più giovani (pre-adolescenti e adolescenti) dai pericoli del web. Il film vuole offrire maggiore contezza sia ai ragazzi che agli adulti sull’esistenza di aree buie della rete di cui è importante informare i ragazzi, anche per tutelarli da eventuali fenomeni di adescamenti fisico-virtuali. Inoltre la storia dell’eroe contemporaneo Tim Ballard, interpretato da Jim Caviezel, mostra un modello positivo di uomo e di padre, supportato dalla moglie, interpretata dall’attrice Mira Sorvino, che si prende cura dei più fragili, invitando ad una genitorialità condivisa e responsabile che va oltre la paternità/maternità meramente biologica e risulta in un esempio di genitorialità pedagogico-sociale più ampia a cui i ragazzi dovrebbero ispirarsi. Non essendoci scene di violenza esplicita, la censura italiana ha dato bollino 6+ al film. Quindi il film è visibile dai ragazzi dai 7 anni in su. Quindi, la produzione suggerisce la visione ai ragazzi delle scuole secondarie di primo e di secondo grado (medie e superiori).