Tag Archives: vita

I vescovi dell’Emilia Romagna: la comunione dà senso alla vita

A fine giugno nella diocesi di Reggio Emilia si sono svolti gli annuali esercizi spirituali dei vescovi dell’Emilia-Romagna, al termine dei quali è stata approvata dalla Commissione Regionale per la Vita Consacrata, presieduta da mons. Francesco Lambiasi, vescovo di Rimini, la lettera ‘Chiamati a conversione. Lettera aperta alle Sorelle e ai Fratelli della Vita Consacrata nella nostra Regione’, inviata alle Comunità e Case Religiose della regione per invitare a una riflessione su come i religiosi, le religiose e le altre persone consacrate hanno vissuto il tempo della pandemia e come questa abbia influito sulla vita interiore, sulle attività di apostolato e sulla vita interna delle comunità, sulla fraternità tra religiosi e sulla testimonianza davanti al mondo, mettendo in risalto le esperienze di condivisione, le criticità e le prospettive della chiamata in questo tempo di conversione.

Fratel Perry: Dio salva dentro la storia

Ha appena 12 anni Chiara, nata nel 1194 dalla nobile e ricca famiglia degli Offreducci, quando Francesco d’Assisi compie il gesto di spogliarsi di tutti i vestiti per restituirli al padre Bernardone. Conquistata dall’esempio di Francesco, la giovane Chiara sette anni dopo fugge da casa per raggiungerlo alla Porziuncola. Si rifugia nella chiesa di san Damiano, in cui fonda l’Ordine femminile delle ‘povere recluse’ (chiamate in seguito Clarisse) di cui è nominata badessa e dove Francesco detta una prima Regola. Chiara scrive successivamente la Regola definitiva chiedendo ed ottenendo da Gregorio IX il ‘privilegio della povertà’.

Casti alla meta: un libro per capire che la sessualità, senza egoismo, è più bella

Esiste qualcosa di meraviglioso, al mondo, ed è il legame unico che unisce due sposi. L’atto coniugale ha il potere di far diventare una sola carne, un solo corpo e un solo spirito due persone che si amano. Eppure, questa realtà così bella (tanto che Giovanni Paolo II in ‘Mulieris Dignitatem’ la indica come ‘l’apice della creazione’) può essere svuotata del suo significato, sporcata dall’egoismo e dalla ricerca cieca del piacere. Può essere deturpata dalla tentazione di usare l’altro, per ricavarne mero godimento fisico.  

Ascoli Piceno prega sant’Emidio come custode della speranza

Dopo il terremoto del 2016 anche quest’anno la diocesi di Ascoli Piceno celebrerà la festa del suo patrono alle prese con l’epidemia del coronavirus, ancora non superato, come ha scritto nella lettera ai fedeli mons. Giovanni D’Ercole:

Ravenna: i cristiani annuncino la risurrezione

‘La libertà religiosa sia per il bene di tutti’: citando il titolo di un recente documento della Commissione teologica internazionale l’arcivescovo di Ravenna-Cervia, mons. Lorenzo Ghizzoni, mettendo al centro il tema della libertà religiosa nella messa del patrono cittadino e della regione, sant’Apollinare, chiedendo “la sapienza per conciliare le esigenze che nascono dai diritti fondamentali con quelle della tutela della salute fisica, psichica e morale di tutti, perché la dimensione religiosa sia rispettata e accolta da tutti, senza contrapporre Cesare e Dio, lo stato e la Chiesa, ma mettendo al centro la persona umana con tutte le sue relazioni, compresa quella con Dio”.

Pontificia Accademia per la Vita: l’Humana Communitas nell’era della pandemia

Si intitola ‘L’Humana Communitas nell’era della Pandemia. Riflessioni inattuali sulla rinascita della vita’ ed è il secondo documento (il primo è del 30 marzo scorso) che la Pontificia Accademia per la Vita dedica alle conseguenze della crisi sanitaria mondiale e alla sua interpretazione:

Fratel Biagio chiede un impegno per il bene

Dopo aver interrotto il digiuno in una grotta vicino a Palermo, durato 40 giorni, fratel Biagio Conte continua a mettere in guardia contro il male, soprattutto quello derivante dal gioco, come ha scritto agli operatori del settore:

La morte di Gianluca e Flavio è una ‘responsabilità collettiva’

“Abbiamo una responsabilità collettiva per quello che è accaduto. Forse non siamo stati del tutto capaci di fare il nostro dovere”: così il procuratore della Repubblica di Terni, Antonio Liguori, ha detto in conferenza stampa per aggiornare sugli sviluppi relativi all’inchiesta sulla morte nel sonno di Gianluca e Flavio, i due adolescenti ternani scomparsi, con un monito pacato ma deciso.

“Nostro figlio è morto in grembo ma la sua vita era già preziosa”: il racconto di una mamma

Quando il  16 aprile di quest’anno  abbiamo scoperto  di attendere  un terzo figlio, ci  trovavamo ancora nel bel mezzo dell’emergenza Covid. Avevamo due bambini ancora molto piccoli (sempre chiusi in casa per i motivi che tutti sappiamo) e il periodo non era dei migliori. Eppure, la nostra vita di preghiera, proprio in quelle settimane, era diventata molto più intensa: paradossalmente, ci sentivamo interiormente più sereni di prima, nonostante le difficoltà da affrontare per via dell’epidemia in atto.

Perché la fraternità?

Fraternità perché? E quale fraternità? Queste le domande che Edgar Morin, intellettuale francese tra i maggiori del nostro tempo, che oggi compie 99 anni, pone in un appassionato pamphlet, tradotto per la prima volta in italiano dall’editrice Ave con il titolo ‘La fraternità perché? Resistere alla crudeltà del mondo’. Domande rese urgenti dalla drammatica crisi di civiltà, insieme ecologica, sociale, politica e spirituale nella quale siamo immersi su scala locale e planetaria.

89.31.72.207