Crimini di guerra. Il video con le macabre esecuzioni extragiudiziali di prigionieri di guerra armeni da parte dell’esercito azero

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 02.10.2022 – Vik van Brantegem] – Oggi, 2 ottobre 2022, è stato pubblicato online sui social media azeri un raccapricciante video che mostra l’esecuzione extragiudiziale di prigionieri di guerra armeni da parte delle truppe azere. L’autenticità del video è stata convalidata dal Ministero della Difesa e dal Difensore dei Diritti Umani dell’Armenia. In questo stesso giorno, il calendario delle Nazioni Unite celebra la Giornata Internazionale della Non Violenza. Tuttavia, la risposta inadeguata delle strutture con mandato internazionale sui diritti umani a questi crimini di guerra, purtroppo, rischia di rendere risibile questo giorno nel calendario delle Nazioni Unite.

Il video della raccapricciante esecuzione extragiudiziale di prigionieri di guerra armeni da parte di soldati azerbajgiani.

L’Ambasciatore straordinario armeno Edmon Marukyan ha dichiarato in un post su Twitter: «Questa non è la prima volta che le autorità azere commettono crimini di guerra. Le autorità politiche e militari dell’Azerbajgian devono essere ritenute responsabili di questa e di altre atrocità. L’Azerbajgian è uno stato aggressore e l’Azerbajgian deve essere riconosciuto come stato terrorista. Senza dubbio si tratta di un crimine di guerra”.

Il maltrattamento e l’esecuzione di prigionieri di guerra è vietato dalla Terza Convenzione di Ginevra ed è considerato un crimine di guerra.

«Cosí muoiono gli Armeni. Passati alle armi dall’esercito azero il cui dittatore li chiama “cani” (Erdoğan tira le fila per finire il genocidio). Sacrificati dall’Europa sul nuovo altare energetico» (Giulio Meotti).

«L’Azerbajgian è una dittatura e un Paese di criminali di guerra. Il video diffuso dai social azeri che mostra soldati armeni catturati (nel territorio dell’Armenia!) falciati dalle raffiche di mitra è l’ennesima violazione del diritto internazionale. Altro che pace…» (Iniziativa italiana per l’Artsakh).

Questo pomeriggio l’Ambasciata della Repubblica d’Armenia in Italia ha diffuso la seguente email:

«Crimini di guerra
Sui canali Telegram si sta diffondendo un orrendo video di un crimine di guerra in cui i militari azeri sparano a soldati armeni disarmati, giovani ragazzi tra i 18 e 20 anni.
Toivo Klaar, Rappresentante Rpeciale dell’UE per il Caucaso meridionale, ha commentato il video su Twitter: “Se si dimostra che questo video è autentico, allora questo è un crimine di guerra che deve essere indagato e il puniti i colpevoli».
È stata già confermata l’autenticità del video.
I giornali e tutti i mezzi di comunicazione devono svolgere la loro funzione di diffusione di informazioni, affinché si conosca la verità e vengano condannati e puniti i colpevoli.
Nei casi come questo il silenzio non è altro che complicità con gli assassini.
Tsovinar Hambardzumyan
L’Ambasciatore
».

Il Rappresentante speciale dell’Unione Europea per il Caucaso meridionale e la crisi in Georgia, Toivo Klaar, ha commentato in un post su Twitter il video diffuso online sui social azerbajgiani che mostra l’esecuzione extragiudiziale di prigionieri di guerra armeni da parte delle truppe azere: «Prigionieri di guerra armeni apparentemente giustiziati. Se questo video si dimostra autentico, allora si tratta di un crimine di guerra che deve essere indagato e punito i colpevoli».

Nel frattempo, il Ministero della Difesa armeno ha affermato che il filmato pubblicato online che mostra l’esecuzione extragiudiziale di soldati armeni da parte delle forze azere è autentico. «Non possiamo dire niente di concreto sul luogo e l’ora in questo fatto. Le autorità competenti stanno ora analizzando il filmato. In termini di autenticità, crediamo non ci siano dubbi, questa è la firma tipica delle forze armate azere. Questa firma è nota a noi e alla comunità internazionale per le prove innegabili di casi simili accaduti anche in passato» [*], ha dichiarato il Portavoce del Ministero della Difesa armeno, Aram Torosyan.

Il video dell’esecuzione extragiudiziale dei prigionieri di guerra armeni da parte delle forze armate azere è autentico ed è stato girato il 13 settembre 2022, durante l’attacco azero su larga scala all’Armenia, ha affermato in una nota il Difensore dei Diritti Umani dell’Armenia, Kristinne Grigoryan: «Questa mattina è stato diffuso un video sulle piattaforme dei social media azeri, che ritrae l’esecuzione di prigionieri di guerra armeni da parte di militari azeri. Al momento, abbiamo individuato l’autenticità del video: è nuovo, l’incidente è avvenuto durante un attacco su larga scala delle forze armate azere al territorio sovrano della Repubblica di Armenia il 13 settembre di quest’anno. Questo fatto è confermato da una combinazione di esame del terreno, materiali video simili nel nostro e in altri database, nonché da una complessa combinazione di condizioni meteorologiche, uniformi del personale militare, conversazione dei militari azeri e altri parametri. Si tratta dell’ennesimo crimine di guerra commesso dalle forze armate azere, la cui fonte è una coerente politica di armenofobia da parte dell’Azerbajgian, che si manifesta a partire dal contenuto educativo in tutte le sfere della vita pubblica e nelle dichiarazioni dello stesso Presidente di questo Paese. A proposito, questo è registrato anche nel recente rapporto del Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale riguardante l’Azerbajgian. Questo video, tra altri, sarà incluso nel Rapporto ad hoc del Difensore dei Diritti Umani e inviato a organizzazioni e attori internazionali».

Il Ministro degli Esteri armeno, Ararat Mirzoyan, in visita di lavoro a Ginevra, ha incontrato Toivo Klaar, il Rappresentante speciale dell’Unione Europea per il Caucaso meridionale e la crisi in Georgia. Mirzoyan ha sottolineato l’imperativo di eliminare le conseguenze della recente aggressione dell’Azerbajgian contro la Repubblica di Armenia, il ritiro delle forze armate azere dai territori sovrani della Repubblica di Armenia, il rimpatrio immediato dei prigionieri di guerra armeni detenuti illegalmente in Azerbajgian e il mantenimento incondizionato del regime di cessate il fuoco. Mirzoyan ha condannato fermamente le gravi violazioni del diritto internazionale e i crimini di guerra commessi dalle forze armate dell’Azerbajgian, in particolare il deliberato attacco alla popolazione pacifica e alle infrastrutture civili, la tortura disumana e le uccisioni extragiudiziali di prigionieri di guerra armeni. Ha sottolineato che gli autori devono essere ritenuti adeguatamente responsabili, anche attraverso l’applicazione di sanzioni. Durante l’incontro sono state discusse le questioni relative alla normalizzazione delle relazioni tra Armenia e Azerbajgian e alla risoluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh.

Dopo la pubblicazione online di filmati di esecuzioni extragiudiziali di prigionieri di guerra armeni da parte delle forze armate azere, il Ministero degli Esteri armeno ha dichiarato: “Numerosi video regolarmente pubblicizzati dagli utenti azeri sui social media mostrano crimini di guerra commessi dalle forze armate azere: uccisioni extragiudiziali di prigionieri di guerra armeni, torture di militari armeni, comprese delle donne, e profanazione di cadaveri. La Repubblica di Armenia richiede una chiara valutazione degli spaventosi crimini di guerra commessi dalle forze armate azere in questo periodo e in quelli precedenti. Cercheremo costantemente di dare voce alla questione nelle piattaforme e nei tribunali internazionali pertinenti e di assicurare alla giustizia gli autori e gli organizzatori dei crimini di cui sopra, anche mediante l’applicazione di sanzioni internazionali. In questo contesto, una debita indagine internazionale è d’obbligo. Allo stesso tempo, la comunità internazionale è obbligata ad aumentare la pressione sull’Azerbajgian per il rimpatrio immediato di tutti i prigionieri di guerra armeni e dei civili detenuti illegalmente in Azerbajgian, chiarimenti sui casi di sparizioni forzate e sul destino delle persone scomparse”, ha detto il Ministero degli Esteri armeno.

Il Primo Ministro armeno, Nikol Pashinyan, in un post su Twitter ha affermato: «Ancora un altro video orribile è circolato sui social media: soldati azeri stanno giustiziando arbitrariamente un gruppo di prigionieri di guerra armeni sul territorio sovrano armeno. La comunità internazionale dovrebbe condannare fermamente questo crimine di guerra e adottare misure appropriate per fermare l’aggressione dell’Azerbajgian. L’Armenia utilizzerà tutti i meccanismi internazionali disponibili per garantire indagini e responsabilità. Tali atti di violenza dovrebbero essere affrontati adeguatamente, con conseguenze per l’aggressore».

Il deputato spagnolo Jon Inarritu in un post su Twitter ha descritto le esecuzioni extragiudiziali di prigionieri di guerra armeni da parte delle forze armate azere come “barbarie del regime azerbajgiano” e si è rivolto al Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, che a luglio ha definito l’Azerbajgian un “affidabile, partner degno di fiducia”, dopo aver firmato un accordo energetico.

[*] Ad esempio, la mattina del 15 ottobre 2020, sono emerse riprese video dal villaggio di Hadrut nella Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh, di soldati azeri che catturavano e successivamente giustiziavano due soldati armeni. Le prove sono arrivate sotto forma di due video, uno raffigurante la cattura di due uomini in uniforme armena – uno anziano e uno in età da combattimento più comune – nella periferia settentrionale di Hadrut. L’altro video mostrava soldati azeri che giustiziavano gli stessi due uomini, legati e avvolsi delle bandiere della Repubblica di Armenia e della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabkh, in una piazza nel sud di Hadrut. Entrambi i video si sono diventati virali attraverso i social media e i canali Telegram relativi alla guerra in corso nel Nagorno-Karabakh. Gli utenti online si sono affrettati a geolocalizzare i video, anche se non era chiaro quando esattamente fossero stati girati. Il primo video mostra soldati azeri che si avvicinano a due uomini in abiti mimetici che sembrano coerenti con i modelli mimetici indossati dai soldati armeni. I soldati azeri urlano contro i due uomini in russo, una lingua ampiamente compresa nella regione del Caucaso meridionale post-sovietico. Non essendosi messo a terra come ordinato, il soldato anziano viene gettato a terra e minacciato da un uomo con un fucile da cecchino. La telecamera fa una panoramica dell’altro uomo che indossa una maglietta blu, sdraiato a terra mentre è circondato da soldati azeri. L’altro video mostra i due uomini a Hadrut Park, una piazza nella parte meridionale di Hadrut, con le braccia legate dietro la schiena e avvolti dalle bandiere della Repubblica di Armenia e della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh. L’anziano aveva il volto insanguinato e riusciva a malapena a sedersi sulla scalinata, accanto all’uomo con la maglietta blu. A circa cinque secondi dall’inizio del video, uomini armati fuori dalla telecamera uccidono i due uomini, che cadono a terra. I video erano di qualità troppo bassa per poter identificare le persone nei video, ma l’equipaggiamento indossato dagli uomini nel video era coerente con ciò che ci si aspetterebbe dai soldati di ciascuna parte. Il Ministero della Difesa dell’Azerbajgian ha dichiarato che i video del “presunto trattamento crudele dei prigionieri di guerra armeni da parte di membri del servizio militare dell’esercito azerbajgiano sono stati” fabbricati dagli stessi Armeni per attirare l’attenzione della comunità internazionale” ed erano “di natura provocatoria”. La dichiarazione è stata ampiamente riportata da diversi media azeri. Invece, uno dei soldati nel primo video esaminato dal DFRLab, ha un equipaggiamento caratteristico dell’esercito regolare azero.