Il Presidente della Polonia Andrezj Duda: l’indottrinamento LGBTQI+ dei bambini è “neo-bolscevismo”

Il Presidente della Polonia Andrzej Duda è un uomo cattolico socialmente conservatore che crede nella conservazione della storia, della cultura e della fede tradizionale della sua Nazione. Per questo ha un bersaglio dipinto sulla schiena, ed è nel mirino di quasi tutti i giornalisti progressisti, attivisti sociali e funzionari del governo nel mondo occidentale.

Andrzej Duda, 49 anni, è un avvocato ed ex membro della facoltà di Amministrazione e Giurisprudenza dell’Università Jagellonica della Polonia, dove ha conseguito il dottorato in giurisprudenza. All’inizio degli anni 2000 ha iniziato una carriera politica, con l’elezione al Parlamento europeo e culminata nella sua elezione a Presidente del suo Paese nel 2015. È stato rieletto per un secondo mandato nel 2020.

A livello nazionale, i suoi indici di approvazione sono stati molto alti – raggiungendo il 72% nel 2018 – ma la sua netta opposizione alla ideologia LGBTQI+ lo ha reso un nemico di gran parte dell’intellighenzia progressista all’esterno, così come all’interno del Paese. Il punto critico per i lati opposti dell’agenda LGBTQI+ è la risoluzione, approvata da più di 100 città e persino intere regioni in Polonia nel 2021, di rimanere “liberi dall’ideologia LGBTQI+”.

La stampa di tutto il mondo, e in particolare l’Occidente, ha riferito di questo fenomeno, definendo spesso il Presidente Duda un politico di “destra” e dipingendo il movimento “anti-ideologia LGBTQI+” come un incitamento “pericoloso” a possibili violenze contro gli omosessuali, incoraggiato dalla schiettezza del Presidente Duda.

Ha anche attirato dure critiche per la sua affermazione secondo cui “la costituzione polacca dovrebbe includere una voce in cui si afferma che è vietato adottare un bambino da una persona che vive in una relazione dello stesso sesso”.

La BBC ha accusato il Presidente Duda di creare “un’atmosfera ostile” per gli omosessuali. Reuters ha citato i critici che affermano che ha abbracciato “una politica di bigottismo per aggrapparsi al potere”.

Polonia, agosto 2019: un giovane senza paura con un crocifisso e un rosario affronta da solo una manifestazione pro-LGBTQI+ a Płock.

Durante la sua campagna di rielezione nel 2020, il Presidente Duda ha detto a una folla nella città di Brzeg che la generazione dei suoi genitori non ha lottato per liberarsi dal comunismo solo per accettare ora “un’ideologia” che secondo lui “è ancora più distruttiva per l’essere umano”. Il Presidente Duda ha affermato che durante l’era comunista polacca, i regimi assicuravano la sopravvivenza indottrinando le generazioni più giovani. “Quello era il bolscevismo. Era l’ideologizzazione dei bambini”, ha detto. “Oggi ci sono anche tentativi di imporre su di noi e sui nostri figli un’ideologia, ma diversa. È totalmente nuovo, ma è anche neo-bolscevismo”.

All’inizio di quella settimana, il Presidente Duda ha firmato una dichiarazione che includeva frasi sulla “protezione dei bambini dall’ideologia LGBTQI+” con il divieto di “propagare l’ideologia LGBTQI+ nelle istituzioni pubbliche”.

Nel settembre del 2021, l’Unione Europea è entrata nella mischia e ha avvertito le regioni polacche che avrebbero perso i finanziamenti dell’UE se avessero continuato a dichiararsi “liberi dall’ideologia LGBTQI+” e almeno tre di loro hanno ceduto alle minacce dell’UE, revocando le proprie dichiarazioni.

Ma il Presidente Duda è stato attento a fare una distinzione tra la promozione dell'”ideologia LGBTQI+” e la protezione dei diritti personali delle persone omosessuali. Ha detto a LTR Television nell’ottobre 2021: “Non abbiamo mai avuto alcun tipo di persecuzione. C’è stata persecuzione di persone con preferenze sessuali, ad esempio, nei Paesi dell’Unione Europea, ma non in Polonia. In Polonia non sono stati perseguitati e non c’è mai stata una legge contro queste persone. Abbiamo tolleranza e l’abbiamo sempre avuta. Questa è una questione privata di una persona e una preferenza personale”.

L’UE ha cercato di imporre nuovamente la sua volontà alla Polonia in ottobre, questa volta con la Corte di giustizia europea, che ha affermato che la legge dell’UE ha la precedenza sulla legge polacco. Il Governo del Presidente Duda non l’accetta. Piuttosto, come per tutta la sua presidenza, esprime la convinzione che i Polacchi “hanno il diritto di governare qui e decidere che tipo di Polonia dovremmo avere”.

Nonostante le pressioni dell’UE per aumentare l’educazione sessuale pro-omosessuale nelle scuole, “i genitori sono responsabili dell’educazione sessuale dei loro figli”, ha detto il Presidente Duda a un raduno di sostenitori nel 2020. “Non è possibile che qualsiasi istituzione interferisca nel modo in cui i genitori crescono i propri figli”.

Articoli collegati

La Polonia attaccata dall’Europa dei doppi standard non cederà al ricatto, vuole il dialogo, ma non intende rinunciare alla propria sovranità nazionale – 20 ottobre 2021
“Che meraviglia vedere, come in Polonia ancora fiorisce, ciò che in Germania appassisce” – 4 giugno 2021
Sua Santità il Papa emerito Benedetto XVI risponde ad una lettera del Seminario di Częstochowa: “In Polonia ancora fiorisce, ciò che in Germania appassisce” – 1° giugno 2021
Posizione cattofluido che si incarta in riferimento Polonia-Ungheria/Unione Europea, Messe natalizie/Unione Europea e la posizione pro-aborto del “cattolico” Joe Biden – 5 dicembre 2020
… e il quotidiano dei vescovi italiani partì, la lancia in resta… contro Polonia e Ungheria che respingono il ricatto arcobaleno dell’Unione europea – 25 novembre 2020
Cattolici in Polonia formano una “Guardia Nazionale” per difendere le chiese e la Polonia contro una nuova “rivoluzione bolscevica” – 27 ottobre 2020
Il politicamente corretto all’assalto della Polonia. Nel mirino chiese cattoliche e Sante Messe. Cosa sta succedendo in Polonia? – 29 ottobre 2020
Basta odio contro i cristiani. In Polonia i veri perseguitati sono i cristiani, non gli LGBTQI+ – 24 settembre 2020
Negli ambienti “liberal” polacchi si lavora – con “la piazza e l’estero” – per creare conflitti sociali e dare un’immagine negativa della Polonia al mondo – 21 settembre 2020
Attivisti LGBTQ+ polacchi profanano statue di Cristo e San Giovanni Paolo II. I principi non negoziabili dell’unità spirituale dell’Europa cristiana – 13 agosto 2020
Con lo spoglio arrivato al 99,7% Duda è stato rieletto Presidente della Polonia per un secondo mandato – 13 luglio 2020

89.31.72.207