Papa Francesco: i vescovi al servizio della Santa Madre Chiesa Gerarchica

Nella sua catechesi dedicata alla Chiesa oggi il Papa ha affrontato ill tema dell’ episcopato e della collegialità. Il ministero episcopale “non è un’onorificenza, è un servizio” ha spiegato con diversi esempi a cominciare dal recente sinodo.
Attraverso la presenza e il ministero dei vescovi, dei presbiteri e dei diaconi “la Chiesa esercita la sua maternità” che si esprime “in particolare nella persona del vescovo e nel suo ministero”. Non una promozione mondana quindi ma un servizio al Vangelo.

“I santi vescovi, ha detto il Papa all’udienza generale, e sono tanti nella storia della Chiesa, tanti vescovi santi – ci mostrano che questo ministero non si cerca, non si chiede, non si compra, ma si accoglie in obbedienza, non per elevarsi, ma per abbassarsi, come Gesù che ‘umiliò se stesso, facendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce’. E’ triste quando si vede un uomo che cerca questo ufficio e che fa tante cose per arrivare là e quando arriva là non serve, si pavoneggia, vive soltanto per la sua vanità”.
Il tema della collegialità è stato affrontato dal Papa spiegando che “Anche i vescovi costituiscono un unico collegio, raccolto attorno al Papa, il quale è custode e garante di questa profonda comunione, che stava tanto a cuore a Gesù e ai suoi stessi Apostoli. Com’è bello, allora, quando i vescovi, con il Papa, esprimono questa collegialità e cercano di essere più e più, più, più servitori dei fedeli, più servitori nella Chiesa”. Ed ha concluso:
“Non c’è una Chiesa sana se i fedeli, i diaconi e i presbiteri non sono uniti al vescovo. Questa Chiesa non unita al vescovo è una Chiesa ammalata. Gesù ha voluto questa unione di tutti i fedeli col vescovo, anche dei diaconi e dei presbiteri”.
Al termine dell’udienza il Papa ha annunciato che il prossimo 21 giugno sarà in visita a Torino per la ostensione della Sacra Sindone.

 

89.31.72.207