La posizione chiaro del Consiglio di Sicurezza della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh sul futuro del Paese

Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 03.10.2022 – Vik van Brantegem] – Oggi, 3 ottobre 2022, il Presidente della Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh, Araiyk Harutyunyan rispondendo alla proposta delle forze politiche dell’Assemblea nazionale, ha convocato una seduta estesa del Consiglio di Sicurezza della Repubblica di Artsakh, al quale hanno partecipato alti funzionari dello Stato, rappresentanti di tutte le forze presenti in parlamento nonché il Primate della Diocesi di Artsakh della Chiesa Apostolica Armena, l’Arcivescovo Pargev Martirosyan. All’ordine del giorno erano i recenti sviluppi politico-militari intorno alla Repubblica di Artsakh.

Dopo approfondite discussioni, il Consiglio di Sicurezza della Repubblica di Artsakh al termine della riunione ha adottato una dichiarazione sul futuro del Paese. Viene ribadito che Stepanakert è pronto per negoziati diretti con Baku solo come parte a pieno titolo nel processo negoziale per risolvere il conflitto del Karabakh sulla base del pieno e non negoziabile riconoscimento del diritto del popolo dell’Artsakh all’autodeterminazione. La posizione ufficiale di Stepanakert rimane invariata: l’Artsakh non farà mai parte dell’Azerbajgian.

Riportiamo la dichiarazione nella traduzione italiana a cura dell’Iniziativa italiana per l’Artsakh:

«Preoccupata per le gravi sfide causate dagli attuali sviluppi nel mondo e nella nostra regione, Riaffermando le posizioni dei rami del potere esecutivo e legislativo della Repubblica di Artsakh riguardo al futuro dell’Artsakh.

Facendo riferimento al discorso del 19 settembre del Presidente della Repubblica di Artsakh.

Considerando i nuovi sviluppi che ne sono seguiti, in particolare le nostre preoccupazioni riguardo ad alcuni pensieri e punti di vista espressi nell’intervista del Premier della Repubblica di Armenia rilasciata alla televisione pubblica armena il 30 settembre.

Noi, tutti i partecipanti alla seduta estesa del Consiglio di Sicurezza della Repubblica di Artsakh, dichiariamo:

Registriamo che, a seguito dell’aggressione turco-azerbajgiana del 2020 e dei successivi sviluppi politico-militari della durata di due anni, abbiamo effettivamente una situazione in cui l’Azerbajgian, con il sostegno incondizionato della Turchia, ha acquisito un’autorevole influenza e la sta utilizzando in modo aggressivo per realizzare sue aspirazioni più ambiziose.

Le azioni dell’Azerbajgian sono accompagnate da un costante uso della forza e dalla minaccia della forza, da irritanti manifestazioni della politica dello Stato armenofobo e da altre gravi violazioni delle norme fondamentali del diritto internazionale.

Utilizzando tutte le leve, l’Azerbajgian si sforza di garantire la sua posizione oppressiva e dittatoriale non solo nei rapporti con la Repubblica di Armenia, ma anche per interrompere qualsiasi forma e sforzo per la risoluzione del conflitto del Karabakh, dichiarando di aver risolto il problema con la guerra. Contrariamente a ciò, i Paesi co-Presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE e altri attori internazionali hanno riaffermato con diverse formulazioni l’esistenza del conflitto e la necessità di una sua soluzione globale.

La posizione della Repubblica di Artsakh è sempre stata chiara: il conflitto del Karabakh dovrebbe essere risolto sulla base del pieno e non negoziabile riconoscimento del diritto del popolo dell’Artsakh all’autodeterminazione e ai risultati della sua realizzazione.

È innegabile che nel 1991 il popolo dell’Artsakh ha dichiarato l’indipendenza in conformità con le norme del diritto internazionale e della legislazione dell’URSS, e l’Artsakh non ha mai fatto parte dell’Azerbajgian indipendente.

Inoltre, il fatto che la Repubblica di Artsakh non sia riconosciuta a livello internazionale non significa che il popolo dell’Artsakh non abbia diritti naturali e che la Repubblica di Artsakh non esista. Nonostante tutte le difficoltà e le sfide, d’ora in poi continueremo il nostro percorso scelto per determinare e gestire il destino nella nostra patria.

La sicurezza stabile e a lungo termine dell’Artsakh dovrebbe essere assicurata attraverso le nostre capacità di difesa, la missione senza termine delle forze di pace russe e tutti i possibili strumenti della Repubblica di Armenia.

Migliorare le nostre capacità di difesa è uno sforzo continuo ed è al centro della nostra attenzione. La missione russa di mantenimento della pace, nonostante le ulteriori sfide degli ultimi mesi, continua a essere la principale garanzia internazionale per la sicurezza del popolo dell’Artsakh. In questo contesto, consideriamo estremamente pericolosi i tentativi di peggiorare le relazioni tradizionali con gli alleati naturali.

La Repubblica di Artsakh e gli Armeni dell’Artsakh sostengono lo stato e il popolo di Madre Armenia nel superare tutte le sfide vitali, perché è stato sancito dai nostri valori e interessi nazionali.

Riteniamo che la possibile firma di un accordo interstatale che regoli le relazioni Armenia-Azerbajgian possa diventare una base importante per garantire il futuro sovrano e sicuro della Repubblica di Armenia, la stabilità regionale e la pace.

Tuttavia, tenendo conto dell’importanza degli interessi degli Armeni dell’Artsakh, in quanto parte inseparabile del popolo armeno, in queste relazioni, sottolineiamo che qualsiasi documento che possa ignorare l’esistenza del conflitto del Karabakh, minare la prospettiva di una sua equa risoluzione, e limitare le possibilità di riconoscimento internazionale del diritto del popolo dell’Artsakh all’autodeterminazione e i risultati della sua attuazione è per noi inaccettabile, compresa la falsa agenda della sua subordinazione al principio dell’integrità territoriale.

In questo contesto, si evidenziano le consultazioni periodiche tra le autorità della Repubblica di Artsakh e della Repubblica di Armenia sull’argomento, nell’ambito delle quali il Primo Ministro della Repubblica di Armenia presenta i dettagli dei negoziati internazionali al Presidente della Repubblica di Artsakh, e il Presidente, a sua volta, presenta le posizioni delle autorità della Repubblica di Artsakh, compresi i loro disaccordi.

Durante gli ultimi tre decenni, sia la logica che i passi pratici della lotta di liberazione nazionale del popolo armeno e del processo di costruzione dello Stato si sono basati sul consolidamento del potenziale pan-armeno e sull’orientamento del sostegno politico dei nostri amici e alleati nella giusta direzione. Tenendo conto dell’esperienza positiva del passato, la migliore garanzia per superare queste difficili sfide affrontate dal popolo armeno è la manifestazione dell’unità nazionale.

Abbiamo sempre apprezzato il costante sostegno dell’intero popolo armeno e della Repubblica di Armenia alla Repubblica di Artsakh, senza il quale non avremmo potuto registrare numerosi e importanti successi nella nostra lotta.

In questo senso, semplicemente non c’è alternativa al mantenimento e al consolidamento della trinità Armenia-Artsakh-Diaspora.

I nostri valori e interessi nazionali implicano che, indipendentemente da qualsiasi cosa, Madre Armenia dovrebbe essere sempre accanto all’Artsakh in tutte le sfere, soprattutto in termini di garanzia della sicurezza del popolo dell’Artsakh e del riconoscimento internazionale del diritto all’autodeterminazione.

È innegabile che il beneficiario del futuro dell’Artsakh sia l’intero popolo armeno e gli interessi dell’Armenia e dell’Artsakh dovrebbero essere visti come un tutto unico.

Considerando in particolare il contesto e le sfide del dopoguerra, sottolineiamo che finché la Repubblica di Artsakh non è inclusa nel processo di risoluzione dei conflitti come membro a pieno titolo e nel quadro di un formato internazionale elevato, la Repubblica di Armenia è obbligata e autorizzato a rappresentare e proteggere i diritti e gli interessi del popolo dell’Artsakh su piattaforme internazionali. Tali obblighi e poteri sono fissati da una serie di documenti interni e internazionali, inclusi i documenti OSCE e la dichiarazione tripartita del 9 novembre 2020.

Pertanto, siamo pronti a condurre negoziati con l’Azerbajgian sulla risoluzione del conflitto, in caso di ripristino del formato dei negoziati a tutti gli effetti, in cui la Repubblica di Artsakh sia riconosciuta come parte a pieno titolo.

Le autorità della Repubblica di Artsakh continueranno a seguire gli sviluppi geopolitici e regionali, adottando misure adeguate per gestire i rischi derivanti dalla situazione».

151.11.48.50