Novantanovesimo giorno del #ArtsakhBlockade. La questione prioritaria è la risoluzione della situazione del Corridoio di Lachin e del Nagorno-Karabakh in generale

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 20.03.2023 – Vik van Brantegem] – Giorno 99 dell’illegale e sadico #ArtsakhBlockade da parte del regime autocratico di Ilham Aliyev. Non stare in silenzio. Non essere indifferente. Non lasciare Artsakh da solo. Non lasciare soli i bambini di Artsakh. Alzare la voce. Fare sentire la voce. Sostenere Artsakh.

«Non fatevi ingannare dalla propaganda. Nonostante il costante insistere sull’Unione Europea che resiste ai regimi autoritari con i nostri “valori” esaltati, abbiamo rinunciato ai combustibili fossili russi solo per firmare un accordo sul petrolio e sul gas con l’Azerbajgian, uno stato che spunta ogni casella sulla carta del bingo dell’autocrate» (Clare Daly, Membro del Parlamento Europeo. Indipendente. Socialista).

Dopo il recente discorso dell’autocrate Ilham Aliyev a Talish, pieno di aggressione e minaccia di guerra, il canale televisivo statale dell’Azerbajgian AZ TV ha realizzato un programma in cui si dice che questa è l’ultima possibilità per l’Armenia, altrimenti c’è molto spazio nel “Parco dei trofei”, di vengono mostrate anche le immagini degradanti di soldati armeni morti. È così che l’Azerbajgian prepara la sua nazione alla pace.

Il monte Ararat e Khor Virap, uno dei più importanti monasteri armeni, nei pressi del confine con la Turchia. Questo monastero ha un significato speciale per gli Armeni. Gli eventi dell’inizio del XX secolo hanno rafforzato questo concetto quando il confine definitivo tra la Turchia e l’Unione Sovietica è stato tracciato non lontano dal monastero. Così, Khor Virap è diventato il punto del territorio armeno oggi più vicino all’Ararat, il simbolo nazionale degli Armeni, dopo che la montagna è stata annessa alla Turchia. Se il tempo lo permette, il monastero offre una delle più belle viste sulla montagna a 31 km di distanza.

«Gli Armeni hanno lo spirito di Khor Virap a guidarli. Si rendono conto che la fede, soprattutto negli abissi più profondi, non è un lusso, è una necessità, uno spirito essenziale come il respiro della vita stesso» (Liel Leibovitz).

«Situazione pericolosa oggi al confine tra Armenia e Azerbaigian. Le autorità azere riferiscono di una guardia di frontiera ferita in un incendio transfrontaliero, le autorità armene smentiscono la notizia [*]. Indipendentemente dalla veridicità, la semplice notizia ufficiale di ciò può avere gravi conseguenze politiche in un momento in cui le autorità azere a Baku hanno recentemente intensificato il discorso contro l’Armenia. Si trova lungo il corridoio che Baku cerca verso la sua exclave di Nakhichevan» (Nagorno Karabakh Observer).

[*] II Ministero della Difesa dell’Armenia informa: «Il comunicato diffuso dal servizio di guardia di frontiera statale dell’Azerbajgian secondo cui presumibilmente il 20 marzo, alle ore 02.50, le unità delle forze armate della Repubblica di Armenia hanno aperto il fuoco in direzione delle posizioni azere situate nella parte sud-orientale della zona di confine armeno-azera , non corrisponde alla realtà».

«Nascosta dietro la missione dell’Unione Europea, l’Armenia ha nuovamente violato il cessate il fuoco e oggi ha ferito un soldato azero al confine» (Nasimi Aghaev, Ambasciatore dell’Azerbajgian in Germania).

Secondo l’Ambasciatore dell’Azerbajgian in Germania, la missione dell’Unione Europea è in Armenia per proteggere un’offensiva armena e secondo i suoi post quotidiani, le auto del Comitato Internazionale della Croce Rosse sono la prova dell’assenza del blocco del Corridoio di Berdzor (Lachin. Sì, è esilarante, molto probabilmente è l’ennesimo episodio di dissonanza cognitiva gentilmente fornito dal corpo diplomatico azero.

Un altro esempio di dissonanza cognitiva, ma in stato da ricovero immediato, quanto twitta oggi Adnan Huseyn (autoproclamato portavoce officioso del #ArtsakhBlockade, che il 15 marzo alla seconda sessione OSCE a Vienne sbraitava degli «attacchi infondati, degli insulti e delle false accuse dell’Armenia»): «L’Azerbajgian sta cercando di firmare un trattato di pace e avviare il processo di normalizzazione delle relazioni, ma l’Armenia rifiuta. L’Azerbajgian propone la delimitazione e la demarcazione dei confini, ma l’Armenia continua a rifiutare. L’Azerbaigian sollecita l’apertura delle comunicazioni, ma l’Armenia rimane poco collaborativa. Nonostante l’appello dell’Azerbajgian a fermare il contrabbando illegale di armi, l’Armenia persiste. Dopo quasi tre anni di tale comportamento, l’Azerbaigian avverte che non può tollerarlo a tempo indeterminato e potrebbe ricorrere alla forza se necessario. In risposta, l’Armenia solleva il suo tipico grido di genocidio e pulizia etnica, accusando l’Azerbaigian di cercare un’altra guerra. Questa affermazione è, per lo meno, altamente irrazionale».

Basta crederci e anche i sogni diventano realtà. Rilevante è la minaccia ricorrente, che l’Azerbajgian «potrebbe ricorrere alla forza se necessario», ovvero, quando non ottiene quello che vuole.

Il filmato del posto di blocco dell’Azerbajgian lungo l’autostrada Goris-Berdzor (Lachin)-Stepanakert che collega l’Artsakh all’Armenia, pubblicato oggi [QUI], mostra i manifestanti organizzati dal governo azero che ballano al ritmo di musica patriottica con le forze speciale azere allineate lungo la strada. Il Corridoio di Berdzor (Lachin) rimane bloccato, nessun cambiamento nella situazione.

I facilitatori del genocidio sottoposti al lavaggio del cervello stanno celebrano Nowruz, festa simbolo della pace e della vita, mentre fanno del loro meglio per strangolare a morte 120.000 Armeni nell’Artsakh. La danza di questi sempliciotti è una delle sfide più visibili all’autorità della Corte Internazionale Giustizia delle Nazioni Unite e la comunità internazionale che ha espresso gravi preoccupazioni per l’#ArtsakhBlockade. Ancora oggi, il Ministro degli Esteri della Russia, Sergey Lavrov, durante l’incontro con il Ministro degli Esteri dell’Armenia, Ararat Mirzoyan a Mosca, ha affermato che la questione prioritaria è la risoluzione della situazione attorno al Corridoio di Lachin e al Nagorno Karabakh in generale.

«Questo individuo è tra quegli Azeri che tengono 120.000 Armeni nel blocco da 100 giorni chiudendo il Corridoio di Lachin. Promette di “uccidere tutti gli Armeni in occasione del Nowruz e aggiungere il loro sangue al kebab che fanno”. Follia sovraccarica, davvero» (Tatevik Hayrapetyan) [QUI].

«Dall’inizio del 2023, il personale militare del contingente di mantenimento della pace russo ha consegnato 105 tonnellate di aiuti umanitari agli abitanti del Nagorno-Karabakh. Gli specialisti del Centro di risposta umanitaria consegnano pacchi alimentari, che includono: farina, olio di semi di girasole, verdure in scatola, cereali, zucchero, biscotti, latte condensato, marmellata, succhi. Il carico umanitario raccolto dai volontari del progetto multinazionale “Noi siamo uniti” viene consegnato da Mosca a Yerevan con aerei da trasporto militari russi. La sicurezza della consegna del carico attraverso il Corridoio di Lachin è assicurata dai militari del contingente di mantenimento della pace russo. Le azioni umanitarie vengono condotte in tutte le regioni del Nagorno-Karabakh, compresi i villaggi di montagna più remoti. Aiutare le famiglie con molti bambini, così come le famiglie in una situazione sociale difficile, è diventata una buona tradizione per le forze di mantenimento della pace russe nel Nagorno-Karabakh» (Canale Telegram del Contingendo di mantenimento della pace russo [QUI]).

«I media statali dell’Azerbajgian riferiscono di una possibile crisi energetica nell’exclave di Nakhichevan. Nessun camion ha lasciato l’exclave di Nakhichevan per l’Azerbajgian continentale (e viceversa) dall’8 marzo, a causa dell’Iran che ora richiede pedaggi e tasse di transito più elevate. Alcuni conducenti in Azerbajgian affermano che la dogana iraniana richiede loro di pagare tangenti ogni volta che attraversano il confine, mentre l’Iran ha aumentato le tariffe per le strade a pedaggio e ridotto i sussidi per il carburante per i conducenti che percorrono la rotta dell’enclave continentale dell’Azerbajgian-Nakhichevan, possibilmente in risposta a 1) aumento della presenza politica (e presunta militare) israeliana in Azerbajgian mirata all’Iran, e 2) l’Azerbajgian che richiede pedaggi e tasse doganali per i conducenti iraniani che vanno all’Armenia percorrendo strade precedentemente sotto il controllo armeno» (Nagorno Karabakh Observer).

Indice – #ArtsakhBlockade [QUI]

Foto di copertina: segnando i 99 giorni di #ArtsakhBlockade con un immagine enigmatico di Stepanakert: la scultura “Le Tre Fonti” vicina al Teatro d’arte drammatica statale, che raffigura tristezza, sogni e felicità.

89.31.72.207