“Fermati un momento e impreca ancora contro te stesso”. L’evangelizzazione del venerdì di Padre Jarek con la Croce

In un’altra missione con la Croce di Gesù, oggi, venerdì dell’ottava di Pasqua 9 aprile 2021, Padre Jarek ha continuato a benedire e a stare tra gli ammalati e i sofferenti. Sulla grande Croce di legno che porta sulle spalle, ha appeso una piccola stola rossa, come segno della risurrezione di Gesù. Oggi aveva un appuntamento dal medico a Radom, quindi è partito presto la mattina. È stato in vari posti, anche tra le persone in attesa dei risultati del tampone per il Covid-19. Nessuno ha rifiutato la benedizione e tutti hanno accettato con gioia l’immagine della Madre di Dio.

All’inizio qualcuno ha chiesto: “Anche tu sei qui per avere il risultato del tampone?”. Padre Jarek ha risposto: “Sono venuto a sostenerti, in modo che tu non abbia paura, che tu sappia che Cristo è vicino a noi. Possa Lui, il Risorto, allontanare da te ogni paura. Ma guarda ora questa Croce e chiedilo tu a Gesù”. Quando se ne stava già andando, un giovane l’ha rincorso e gli ha detto: “Quanto ti ringrazio, Padre. Tu non sai quanto incoraggiamento mi hai dato, come ero felice quando ho visto un sacerdote in tonaca qui e con una Croce”. Padre Jarek ha proseguito il suo cammino, andando verso la stazione ferroviaria, benedicendo e parlando con chiunque si trovava nei paraggi.

“È chiaro che molte persone sono tristi e sofferenti – ha detto Padre Jarek -. Ho incontrato delle persone che hanno già avuto il Covid-19, in forma lieve o anche grave. E ho incontrato anche alcuni che hanno perso i propri cari. Come una donna che ieri ha seppellito suo fratello”.

Un giovane, passando accanto a Padre Jarek, ha iniziato ad imprecare con dei gesti ostili, Padre Jarek ha iniziato a rincorrersi e quando dopo un po’ il giovane si è fermato, gli ha chiesto: “Cosa vuoi da me?”. “Fermati un momento e impreca ancora contro te stesso”, ha risposto Padre Jarek. “Non voglio imprecare adesso, perché dici questo?”, ha chiesto il giovane e Padre Jarek gli ha risposto: “Perché anche se maledici, io sono qui con la Croce di Gesù, che ha dato la vita per te e vuole dirti attraverso di me che ti ama. Dimmi perché stai imprecando?”. Poi il giovane ha spiegato: “Esattamente 20 anni fa, mio fratello si è suicidato. Da allora non sono più entrato in una chiesa. Perché poi un prete mi ha detto: forse Dio lo voleva? Da allora sono arrabbiato con i preti”. Allora Padre Jarek gli ha detto: “Vedi, oggi il Signore Gesù vuole dirti che devi tornare. Vieni a Florencja vicino a Iłża, forse ti piacerebbe confessarti, a ricevere la Santa Comunione. Prendi questa immagine della Madonna”. Il giovane ha preso l’immagine e l’ha baciata, incoraggiato da Padre Jarek. Poi ha detto: “Verrò da te, perché so dov’è questa Florencja, abito a 3 chilometri da lì”. “Allora vieni, ti aspetterò”, ha detto Padre Jarek, salutandolo.

“Ringrazio sempre Dio quando posso vedere chiaramente la sua azione – dice Padre Jarek-. Il fatto che mi porta dai più bisognosi e non mi chiedono se sono romano, greco, maronita o cattolico nazionale”.

Il video della missione a Radom, 9 aprile 2021.