La sfida davanti ai vescovi statunitensi. Arcivescovo José Gomez solida come una roccia nel suo messaggio per il giorno dell’inaugurazione Biden

Il Santo Padre ha ricevuto in Udienza la mattina del 30 gennaio 2021, il Cardinale Blase Cupich, Arcivescovo metropolita di Chicago. Leggendo l’analisi di Padre de Souza, di due una (non lo sappiamo quale dei due, perché come di consueto non vengono fornite indicazioni sulle Udienze private e il Signor Cardinale è rimasto in silenzio): Cupich si è precipitato a Roma per andare a lagnarsi di Gomez con l’Uomo che Veste di Bianco, oppure quest’ultimo l’ha sommariamente convocato per una lavata di capo.

Mentre i vescovi statunitensi lavorano con un nuovo governo, l’Arcivescovo José Gomez, non il Cardinale Blase Cupich, sta emergendo come l’autentico interprete di Papa Francesco negli Stati Uniti su vita, libertà e immigrazione. Lo scrive Padre Raymond J. de Souza sul National Catholic Register il 28 gennaio 2021. De seguito la sua analisi in una nostra traduzione di lavoro italiana dall’inglese.

[Padre Raymond J. de Souza – National Catholic Register, 28 gennaio 2021] –L’inaugurazione del secondo presidente cattolico ha reso chiara la sfida davanti ai vescovi statunitensi, evidente nelle critiche acute e pubbliche del Cardinale Blase Cupich alla dichiarazione del Presidente della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti (USCCB), l’Arcivescovo metropolita di Los Angeles Mons. José Gomez.

La controversia indica come i vescovi statunitensi intendono affrontare la situazione unica di un presidente cattolico che è stato in contrasto da molto tempo con le loro posizioni di lunga data sulla santità della vita, il matrimonio e la libertà religiosa.

La dichiarazione di inaugurazione

Mentre il discorso inaugurale del Presidente Joe Biden ha ripetutamente invocato “unità”, il primo giorno del suo governo ha segnato una netta divisione tra i vescovi cattolici negli Stati Uniti – o almeno tra un cardinale e suoi fratelli vescovi.

Nella sua qualità di Presidente della USCCB, l’Arcivescovo di Los Angeles Mons. José Gomez aveva preparato una Dichiarazione per il giorno dell’inaugurazione che elogiava la “pietà” e il “impegno di lunga data del presidente cattolico per la priorità del Vangelo per i poveri”, affermando anche chiaramente che la posizione di Biden sull’aborto , il genere e la libertà religiosa erano incompatibili con la fede cattolica.

La Dichiarazione dell’Arcivescovo Gomez non includeva nulla che fosse in disaccordo con ciò che i vescovi statunitensi hanno detto per anni. Tuttavia, il Cardinale Cupich di Chicago si è opposto fermamente sia al tono che ai tempi della dichiarazione. Sebbene non sia riuscito a radunare i confratelli vescovi al suo fianco, a quanto pare è riuscito a convincere la Segreteria di Stato della Santa Sede a ritardare la Dichiarazione dell’Arcivescovo Gomez dalla mattina al pomeriggio. Così la Dichiarazione è stata rilasciata dopo un messaggio di congratulazioni di Papa Francesco al nuovo Presidente. Quel messaggio papale era una generica dichiarazione di buona volontà.

Perché l’Arcivescovo Gomez ha voluto agire il giorno dell’inaugurazione? Probabilmente perché i funzionari di Biden in arrivo avevano indicato che il nuovo presidente avrebbe firmato dozzine di ordini esecutivi nelle sue prime 24 ore – alcuni dei quali proprio sulle questioni sollevate dall’Arcivescovo Gomez, incluso un ordine di vasta portata che ridefinisce il significato di “sesso” nella legislazione federale.

Cupich in declino e McCarrick non c’è più

Il Cardinale Cupich, non essendo riuscito a convincere nessuno dei suoi confratelli vescovi a unirsi a lui pubblicamente, ha inviato diversi tweet esprimendo il suo disappunto per la dichiarazione “sconsiderata” dell’Arcivescovo Gomez e rilasciando la sua dichiarazione di auguri. Il Cardinale Cupich ha inoltre espresso la sua opinione che dovrebbe esserci una revisione dei “fallimenti istituzionali interni” dell’USCCB, che non ha portato né alla ricerca del punto di vista del cardinale né alle sue obiezioni della giornata dell’inaugurazione.

Era forse qualcosa di più del risentimento di un eminente cardinale per il fatto che la sua influenza tra i suoi fratelli vescovi non fosse ciò che lui vorrebbe che fosse?

Sì, perché il Cardinale Cupich è stato inviato a Chicago da Papa Francesco per succedere al Cardinale Francis George, il leader de facto dei vescovi statunitensi prima della sua morte nel 2015. La sua missione era di articolare, persuadere e guidare l’Episcopato degli Stati Uniti nelle priorità di Papa Francesco . Era un compito arduo. Il Cardinale Cupich non è né la sofisticata mente teologica né l’astuto osservatore culturale che era il defunto Cardinale George. Nessuno lo è, infatti. Eppure il contrasto è più degno di nota in un successore che manca sia dell’esperienza pastorale che della stima fraterna di cui godeva il suo predecessore.

Sarebbe stato difficile per chiunque succedere a una figura della statura del Cardinale George, è stato particolarmente difficile per il Cardinale Cupich. Nonostante i ripetuti segnali di favore da parte di Roma, la sua influenza nell’USCCB non ha avuto l’impatto che avrebbe voluto, nonostante – o forse dovuto – essere uno dei più frequenti intervenuti ai loro incontri.
Nello stesso momento in cui la disputa pubblica ha mostrato quanto sia diminuita l’influenza del Cardinale Cupich, è stato anche chiarito che nessuno, nemmeno il Cardinale Cupich, ha raccolto il mantello di McCarrick. L’ex cardinale ora ridotto dallo stato clericale, Theodore McCarrick era l’uomo di riferimento per dare copertura a eminenti politici liberali cattolici per il loro abbraccio della licenza di aborto illimitato.

Nel 2004 McCarrick, allora Arcivescovo metropolita di Washington, si era espresso in difesa del candidato democratico pro-aborto John Kerry, e nel 2009 ha presieduto alla sepoltura di Ted Kennedy, facendo apparire che il consueto invio di una lettera era stata una benedizione postuma di Benedetto XVI per la lunga carriera di politica liberale del senatore.

Se McCarrick non si fosse disonorato e non si fosse squalificato, senza dubbio avrebbe avuto un ruolo di primo piano nell’inaugurazione, salute permettendo. Ma se n’è andato, e nessun Cardinale negli Stati Uniti è disposto a seguire il suo ostentato abbraccio pubblico alla politica liberaldemocratica.

Biden e le forbici dei gesuiti

Joe Biden, che era stato eletto al Senato prima che Roe v. Wade fosse deciso, non ha bisogno di un cardinale per fornire copertura cattolica per lui. In decenni di servizio, è un maestro nella politica di rendere prominente la sua fede cattolica e allo stesso tempo essere in contrasto con essa nelle sue posizioni politiche.

Nel suo primo giorno, l’approccio presidenziale di Biden è stato chiaro. Avrebbe applicato una manovra delle forbici ai vescovi statunitensi – forbici gesuiti, per essere precisi.

Le forbici si chiudono dall’alto nella persona di Papa Francesco, mentre Biden si presenta come alleato del Santo Padre, anche se questo è falso. In effetti, nel risistemare lo Studio Ovale, Biden ha messo una foto di sé stesso con Papa Francesco sul tavolo dietro la scrivania. (Ha cambiato molte altre immagini e busti, inclusa l’aggiunta sia di Franklin che di Eleanor Roosevelt, il presidente e la first lady quando è nato Biden.)

La fotografia papale era più che incongrua il pomeriggio del giorno dell’inaugurazione, quando Biden firmò il suo ordine esecutivo transgender, con il Santo Padre che guardava alle sue spalle, per così dire. Non c’è voce più prominente di Papa Francesco contro quella che lui chiama “ideologia di genere”.

Le forbici si chiudono dal basso con i gesuiti, amici da generazioni dei politici statunitensi liberali, compresi i sostenitori dell’aborto estremo. Mentre il presidente sta chiaramente usando il Santo Padre, qui è il caso che i gesuiti siano desiderosi di essere usati.

Il giorno dell’inaugurazione, la Messa mattutina nella cattedrale di San Matteo e l’invocazione inaugurale sono state entrambe sostenute dai gesuiti, e la domenica dopo l’inaugurazione Biden ha assistito alla Messa a Holy Trinity, la parrocchia dei gesuiti vicino alla Georgetown University.

È stata Georgetown a coprire notoriamente il suo emblema patronale, il monogramma “IHS” per il nome di Gesù, durante la visita del presidente Barack Obama nel 2012. Non ci saranno dubbi che i gesuiti americani forniranno tanta copertura cattolica quanto Biden desidera. È solo questione di tempo prima che il gesuita Padre James Martin sia al fianco del presidente in una cerimonia della firma dello Studio Ovale.

Roccia, Presidente, Forbici

Spetta all’Arcivescovo Gomez guidare i vescovi statunitensi di fronte al tentativo di Biden di applicare le forbici dei gesuiti. Sembra più che all’altezza del compito.

Per decenni, le due maggiori priorità di politica pubblica dell’USCCB sono state l’agenda pro-vita e politiche di immigrazione più generose. Negli ultimi dieci anni, probabilmente non c’è nessun vescovo al mondo più identificato con l’agenda sull’immigrazione dell’Arcivescovo Gomez – tranne uno, Papa Francesco.

L’Arcivescovo Gomez sa che spesso sosterrà il governo Biden in materia di immigrazione. Questo è in parte il motivo per cui ha preso una posizione precoce sulla vita e la libertà religiosa, per evitare di essere manipolato e travisato lungo la strada.

Mentre i vescovi statunitensi lavorano con un nuovo governo, lo stesso Arcivescovo Gomez emergerà come l’autentico interprete di Papa Francesco negli Stati Uniti su vita, libertà e immigrazione. Potrebbe essere la roccia che rompe le forbici.

Foto di copertina: l’Arcivescovo metropolita di Los Angeles José Gomez, Presidente della Conferenza Episcopale Statunitense (USCCB) (a sinistra) e il Cardinale Blase Cupich, Arcivescovo metropolita di Washington (a destra).

89.31.72.207