Padre Jarek Cielecki ha benedetto case, famiglie e… cani

Ieri, Padre Jarek Cielecki ha terminato le sue visite natalizie di quest’anno. Per 9 giorni ha visitato molte famiglie, che lo hanno invitato. Ha iniziato la domenica della Sacra Famiglia nella parrocchia di Florencja vicino a Iłża, dove è parroco. Lui e suo collega Padre Tadeusz hanno visitato tutti i parrocchiani. Inoltre, Padre Jarek ha risposto ad altre persone, anche a diverse centinaia di chilometri da Florencja, non volendo deludere chi voleva la sua presenza e benedizione. Dice che non si aspettava di ricevere così tanti inviti, anche visto la pandemia. E ha già ricevuto diversi inviti per la benedizione natalizia il prossimo anno.

In alcune case – soprattutto con delle persone malate – Padre Jarek ha celebrato l’Eucaristia. Questi incontri furono molto fruttuosi sotto l’aspetto spirituale: molti avevano bisogno di sostegno e rafforzamento nella loro sofferenza.

Negli ultimi tre giorni, Pare Jarek ha visitato le Case di Preghiera di San Charbel nel sud della Polonia e a Podhale. A volte capitava che qualcuno dei vicini, quando scopriva che il prete era lì vicino dopo benedizione natalizia, chiedesse una benedizione a casa sua. Ogni volta, rispondendo alle domande delle persone, Padre Jarek ha specificato di appartenere alla comunità della Chiesa Cattolica Nazionale Polacca (KKN), sottolineando che un sacerdote cattolico validamente ordinato. Alcune persone hanno cercato su Internet notizie su Padre Jarek e sullla KKN e quando hanno visto che si trattava di una nuova struttura, con gli stessi dogmi e sacramenti della Chiesa Cattolica Romana, nonché una grande venerazione per la Madre di Dio, ricevere la sua benedizione non era più un problema. Questo è stato il caso, ad esempio, a casa di alcuni medici e, dice Padre Jarek, fu accolto da loro con grande rispetto per il sacerdozio di Cristo.

Durante questi giorni di benedizioni natalizie, ci fu anche un interessantissimo incontro con una veterinaria, grande amante dei cani. Ne ha avuti diversi nella sua vita – ora ha adottato due femmine – bulldog provenienti da un canile. Sono stati portati lì dal proprietario che li trattava solo come una “fabbrica di cuccioli” per la vendita.

Quando Padre Jarek è entrato nell’appartamento, lo stavano osservando attentamente. La proprietaria ha chiesto: devo nasconderli? Perché c’era una volta un parroco che già gridava alla porta: nascondete quei cani! Invece, Padre Jarek ha risiposto: lasciateli restare, perché anch’io ho un cane. Certamente possono restare, presto li benedirò … Questa risposta di Padre Jarek ha reso la dottoressa molto felice.

Quindi, hanno recitato una preghiera e Padre Jarek ha benedetto la casa e gli abitanti. Poi è seguita stata anche una conversazione, durante la quale la dottoressa ha fatto la proposta di organizzare presso all’Eremo di San Charbel a Florencja un giorno di benedizione degli animali. Poi verrei subito con i miei bulldog, ha detto la dottoressa. Padre Jarek ha promesso che sarà fatto, tanto più perché la vuole lui stesso.

La visita si è protratta a lungo e Padre Jarek ha parlato molto con la dottoressa, ma anche con – come le chiamava – le “ragazze”. Chiede a tutti i sacerdoti che fanno le benedizioni natalizi di non reagire negativamente, perché un cane piccolo o grande è come un membro della famiglia. Maltrattarli per un prete è come spararsi al ginocchio, dice Padre Jarek. La benedizione potrebbe rappresentare un brutto ricordo per la famiglia…

89.31.72.207