Aggiornamento sulla situazione drammatica nelle Repubbliche di Artsakh (Nagorno-Karabakh) e di Armenia. Le iniziative di solidarietà con la causa armena e dell’Artsakh nel mondo

Dopo l’Accordo di cessato il fuoco nella Repubblica di Artsakh/Nagorno-Karabakh del 10 novembre e l’accorato appello del Supremo Consiglio Spirituale della Chiesa apostolica armena del 16 novembre (QUI) continuiamo a tenere viva l’attenzione sulla situazione drammatica per gli armeni cristiani e loro patrimonio storico, culturale e religioso messo in pericolo dall’aggressione azera-turca nell’Artsakh/Nagorno Karabakh.

I rapporti con il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan sono “abbastanza basati sulla fiducia e costruttivi”, ha detto il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin in un’intervista andata in onda sul canale televisivo Russia 24. “Pertanto, questi accenni [di cambiamenti nell’atteggiamento di Mosca nei confronti di Yerevan] non mi sono molto chiari”, ha sottolineato il Presidente russo. Allo stesso tempo, Putin ha detto che “le accuse contro di lui [Pashinyan] su un qualche tipo di tradimento non hanno alcun fondamento”. Putin ha inoltre spiegato che Pashinyan ha valutato la proposta di ritorno dei rifugiati a Shushi come una precondizione per la cessazione delle ostilità, come “una minaccia per l’Armenia e il Nagorno-Karabakh” e ha detto che avrebbero continuato a combattere.

Il governo turco mantiene gruppi di combattenti siriani nel Nagorno-Karabakh

Fonti molto affidabili hanno informato l’Osservatorio siriano per i diritti umani [*] che il governo turco mantiene gruppi di combattenti siriani in Azerbaijan, nonostante la sospensione delle operazioni militari e l’accordo raggiunto tra Armenia e Azerbajgian con la mediazione russa. Separatamente, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha monitorato l’arrivo di un nuovo di quasi 30 salme di mercenari sostenuti dalla Turchia in Siria, morti in precedenti operazioni militari in Nagorno-Karabakh. Secondo le statistiche dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, il bilancio delle vittime tra i mercenari sostenuti dalla Turchia da quando il governo turco li ha inviati in prima linea alla fine di settembre ha raggiunto quota 293, inclusi 225 combattenti i cui corpi sono stati portati in Siria mentre il resto dei corpi sono rimasti in Azerbajgian. L’Osservatorio siriano per i diritti umani afferma che il numero totale di combattenti siriani coinvolti nelle battaglie del Nagorno-Karabakh ha raggiunto quota 2.580, di cui 342 sono tornati in Siria dopo aver abbandonato la lotta e aver rinunciato ai loro compensi.

La scorsa settimana esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per l’uso di mercenari all’interno e intorno alla zona di conflitto del Nagorno-Karabakh fino a quando non è stata raggiunta una dichiarazione sul cessate il fuoco. Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sull’uso dei mercenari ha detto la scorsa settimana che ci sono stati rapporti diffusi secondo cui il governo dell’Azerbaigian, con l’assistenza della Turchia, si è affidato ai combattenti siriani per sostenere e rafforzare le sue operazioni militari nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh, incluso in prima linea. Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sull’uso dei mercenari ha riaffermato che i combattenti all’interno e intorno alla zona di conflitto del Nagorno-Karabakh devono essere ritirati.

[*] L’Osservatorio siriano per i diritti umani è un ufficio informazioni che dalla sua sede di Coventry documenta l’abuso dei diritti umani in Siria, fondato nel maggio 2006, dal 2011 si occupa del conflitto siriano.

Il Presidente russo Vladimir Putin: perché provocare la parte armena con la presenza di soldati turchi in Nagorno-Karabakh?

La Federazione russa è riuscita a convincere l’Azerbajgian e la Turchia che non è sconsigliato creare condizioni e precondizioni per “la distruzione degli accordi” sul Nagorno-Karabakh, ha detto il Presidente russo Vladimir Putin. “Per quanto riguarda la missione di mantenimento della pace, sì, infatti, sia l’Azerbajgian sia la Turchia hanno sempre parlato della possibilità di una partecipazione della Turchia alle operazioni di mantenimento della pace. Continuo a pensare di essere riuscito a convincere i nostri partner turchi e i nostri colleghi in Azerbajgian che non è necessario creare condizioni o precondizioni per la distruzione dei nostri accordi. Condizioni che provocherebbero una delle parti contraenti ad alcune misure estreme e azioni estreme”, ha detto Putin in un’intervista al canale televisivo Russia 24. Putin ha riferito ad “un’eredità molto difficile del passato legata ai tragici e sanguinosi eventi della prima guerra mondiale e al genocidio. Questo è un fattore che può essere riconosciuto o meno. Qualcuno riconosce, qualcuno nel mondo no. Ma non ci sono problemi per la Russia. Lo riconosciamo da tempo. Ma perché provocare la parte armena con la presenza in linea di soldati turchi? Mi sembra che il presidente Erdoğan lo abbia capito perfettamente. Non abbiamo avuto problemi qui”, ha detto il presidente russo. Inoltre, ha sottolineato che la Turchia non ha mai nascosto di sostenere l’Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh, e questa è una delle conseguenze geopolitiche del crollo dell’URSS. Vladimir Putin ha osservato che le posizioni di Russia e Turchia non sempre coincidono, anzi divergono diametralmente, ma “l’arte della diplomazia è trovare un compromesso”.

Il Presidente russo Vladimir Putin: lo status del Nagorno-Karabakh sarà determinato in futuro

“Lo status finale del Nagorno-Karabakh non è stato risolto, abbiamo deciso di mantenere lo status quo che esiste oggi”, ha detto Putin in un’intervista a Rossiya 24. “Quello che accadrà dopo deve essere deciso in futuro, o da futuri leader, futuri partecipanti a questo processo. Ma, a mio avviso, se si creano le condizioni per una vita normale, per il ripristino delle relazioni tra Armenia e Azerbajgian, tra la gente a livello familiare, soprattutto nella zona di conflitto, si creeranno le condizioni per determinare lo status del Nagorno-Karabakh”, ha aggiunto il Presidente russo.

I Ministri della difesa armeno e russo hanno discusso della situazione nel Nagorno Karabakh

In una conversazione telefonica il Ministro della difesa dell’Armenia David Tonoyan e il Ministro della difesa della Federazione russa, Generale Sergej Kužugetovič Šojgu hanno discusso della situazione operativa nel Nagorno Karabakh e delle attuali questioni legate alle attività del contingente di pace russo. Il Ministro della difesa armeno ha ringraziato il suo omologo russo per il rapido ed efficace dispiegamento dell’unità di mantenimento della pace, nonché per aver organizzato la ricerca e lo scambio di corpi, prigionieri, ostaggi e persone scomparse. Particolare attenzione è stata dedicata alla situazione umanitaria nel Nagorno-Karabakh. Il Ministro della difesa armeno ha espresso il suo sostegno alla creazione di un Centro di risposta umanitaria interdipartimentale russo nel Nagorno Karabakh, che si occuperà del ritorno dei rifugiati, del ripristino delle infrastrutture civili, della ricerca di morti, prigionieri e dispersi e del coordinamento di attività di varie organizzazioni umanitarie. È stato raggiunto un accordo per firmare un documento trilaterale al riguardo tra i Ministeri della difesa della Federazione Russa, Armenia e Azerbajgian, se necessario.

Il Parlamento dei Paesi Bassi ha adottato cinque mozioni sulle atrocità turco-azere contro l’Artsakh

Il 17 novembre il parlamento dei Paesi Bassi ha adottato cinque mozioni sulle atrocità turco-azere contro il Nagorno-Karabakh/Artsakh, riferisce la Federazione delle organizzazioni armene dei Paesi Bassi (FAON). Le mozioni prevedono sanzioni individuali contro il Presidente azerbajgiano Ilham Aliyev, il Vicepresidente Mehriban Aliyeva, il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e molti altri, per crimini di guerra e atrocità contro l’Artsakh, embargo sulle armi a livello europeo contro la Turchia per la sua complicità nell’aggressione.

Il Fondo Mondiale dei Momumenti (WMF) ha chiesto la protezione di tutti i beni culturali all’interno della regione del Nagorno-Karabakh

“Il WMF si sta rivolgendo a entrambe le parti per sottolineare l’importanza di salvaguardare le conquiste culturali dell’umanità. Ricordando che la Repubblica dell’Azerbajgian e la Repubblica di Armenia sono entrambe parti della Convenzione dell’Aia del 1954 per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato e della Convenzione del 1970 sui mezzi per vietare e prevenire l’importazione, l’esportazione e il trasferimento illeciti di proprietà dei beni culturali, WMF incoraggia entrambe le nazioni a onorare questi impegni in modo completo e proattivo a salvaguardare il patrimonio locale”, ha affermato il WMF in una dichiarazione. “Siamo pronti a offrire supporto per la documentazione e la conservazione dei molti e ricchi strati di storia all’interno del Nagorno-Karabakh”, ha affermato il WMF.

Il Metropolitan Museum of Art fa appello per la protezione dei siti del patrimonio culturale nel Nagorno-Karabakh

Il Metropolitan Museum of Art di New York ha lanciato ieri un appello per la conservazione dei siti del patrimonio culturale nella regione del Nagorno-Karabakh mentre l’Azerbajgian si muove per prendere il controllo di aree di territorio in base a un accordo di cessato il fuoco negoziato dalla Russia per della Repubblica di Artsakh. “Il recente spargimento di sangue e le distruzioni nella regione del Nagorno-Karabakh è una tragedia globale che preoccupa tutti noi”, hanno affermato in una Dichiarazione il Presidente e amministratore delegato del Met, Daniel Weiss e il Direttore, Max Hollein. “Oltre al nostro appello e alla nostra speranza che la violenza si fermi, come leader di musei esortiamo che i siti del patrimonio culturale siano protetti”. “Il Metropolitan Museum of Art è dedicato a preservare ed esporre la creatività umana di oltre 5.000 anni da tutto il mondo”, affermano Weiss e Hollein. “Come organizzatore e ospite dell’Armenia! mostra nel 2018 – che è stata la prima grande mostra ad esplorare le straordinarie conquiste artistiche e culturali del popolo armeno in un contesto globale nel corso di quattordici secoli – abbiamo assistito con orrore e tristezza alle recenti violenze e spargimenti di sangue nella regione del Nagorno-Karabakh. Imploriamo tutti coloro che sono coinvolti a rispettare questi siti del patrimonio culturale internazionale, che arricchiscono il nostro mondo e sono sopravvissuti per migliaia di anni”, hanno dichiarato, aggiungendo. “La perdita dei siti del patrimonio culturale è permanente ed è un grave furto da parte delle generazioni future”.

Il Comune di Viareggio ha riconosciuto l՛indipendenza della Repubblica di Artsakh

L’Ambasciata di Armenia in Italia comunica che il Comune di Viareggo ha riconosciuto l’indipendenza della Repubblica di Artsakh e ringrazie per la solidarietà con il popolo armeno e la difesa ai valori universali.

La Contea di Clark nel Nevada ha riconosciuto la Repubblica di Artsakh

La Contea di Clark nel Nevada, sede della famosa Las Vegas Strip, ha presentato un proclamo che riconosce ufficialmente la Repubblica di Artsakh, riferisce il Comitato nazionale armeno – Regione occidentale (ANCA-WR). Commenti sono stati fatti dal Console Onorario Adroushan “Andy” Armenian e dal Co-presidente ANCA-Nevada Lenna Hovanessian. All’evento erano presenti anche il Rappresentante della Repubblica di Artsakh negli Stati Uniti d’America, Robert Avetisyan e il Console generale di Los Angeles, Dr. Armen Baibourtian.

Il Partito socialista francese chiede il riconoscimento della Repubblica di Artsakh

In una dichiarazione adottata il 17 novembre, il Partito socialista francese ha invitato la Francia a riconoscere la Repubblica di Artsakh e sostenere ogni processo che porterà all’esercizio della sua piena indipendenza.

Il Partito socialista francese invita inoltre i Paesi copresidenti del Gruppo di Minsk a sollecitare il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad avviare un’indagine internazionale indipendente sui crimini di guerra e sui crimini contro l’umanità che potrebbero essere stati commessi contro gli armeni nel Nagorno-Karabakh.

Per quanto riguarda l’Accordo di cessato il fuoco del 10 novembre, il Partito socialista francese deplora che Francia e Stati Uniti ne siano stati esclusi, sebbene fossero congiuntamente responsabili con la Russia per il processo del Gruppo di Minsk. Il Partito socialista francese rileva che questo Accordo di cessato il fuoco porta ad accordi che soddisfano solo una delle due parti in conflitto e non offre alcuna garanzia di pace duratura.

In attesa che si trovi una soluzione duratura, il Partito socialista francese si aspetta, in particolare dalla Russia, che nella nuova situazione creata, venga rispettata l’immediata priorità: la protezione dei civili, il rientro in sicurezza degli sfollati e dei rifugiati o la partenza di coloro che desiderano lasciare il Nagorno-Karabakh e i suoi territori adiacenti, nonché lo scambio di prigionieri e detenuti.

“Per assicurare il corretto svolgimento di queste operazioni, deve essere garantito anche l’accesso libero e senza ostacoli alle organizzazioni umanitarie internazionali. Deve essere organizzato il dispiegamento di una specifica missione di monitoraggio dedicata alla protezione dei civili, sotto l’egida dell’OSCE, dell’UE o delle Nazioni Unite”, ha affermato il Partito socialiste francese.

Sul piano diplomatico, il Partito socialista francese chiede alla Francia e all’Unione Europea di costruire con il futuro governo degli USA una roadmap che garantisca una pace duratura rispondendo alle legittime aspirazioni della Repubblica di Artsakh.

Inoltre, in nome dell’amicizia secolare e della solidarietà che lega la Francia al popolo armeno:
– rilevando che l’Armenia e il Nagorno-Karabakh hanno dimostrato il loro impegno per lo sviluppo di solide istituzioni democratiche in un ambiente regionale costituito da regimi autoritari;
– considerando che la soluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh non può essere raggiunta con la forza armata, che solo la mediazione basata sulla giustizia internazionale e il diritto all’autodeterminazione dei popoli può garantire una pace duratura;
– anticipando che le attuali relazioni tra Russia e Turchia non garantiscono la stabilizzazione del Caucaso meridionale, mentre i termini dell’Accordo di cessato il fuoco raggiunto sotto l’egida della Russia offrono solo una tregua e comportano il rischio di una ripresa delle ostilità;
– riconoscendo che il Nagorno-Karabakh è una terra storicamente popolata da Armeni, staccata artificialmente dall’Armenia nell’era stalinista, ma che conservava lo status di Regione autonoma all’interno della Repubblica sovietica dell’Azerbajgian;
– notando che la volontà di indipendenza degli Armeni del Nagorno-Karabakh è stata confermata durante il referendum del 10 dicembre 1991;
– prendendo atto della sentenza del 26 maggio 2020 della Corte europea dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali che attesta l’impossibilità delle popolazioni armene di vivere liberamente in Azerbajgian;
– notando che l’approvazione delle posizioni derivanti dalla guerra condotta dal 27 settembre al 9 novembre 2020 colpisce direttamente la sicurezza del popolo armeno e che i termini dell’Accordo di cessato il fuoco potenzialmente minacciano la sovranità della Repubblica d’Armenia:

il Partito Socialista:

– ritiene che il dovere della Francia sia quello di influenzare gli organismi internazionali e i suoi partner statali nella futura risoluzione del conflitto che non si concluderà con l’Accordo di cessato il fuoco del 10 novembre;
– ritiene che, in considerazione del contesto e della nuova situazione geopolitica, il ritorno della Francia alla mediazione guidata dal gruppo di Minsk possa ora avvenire solo adottando una posizione forte;
– invita la Francia a riconoscere la Repubblica di Artsakh e ad appoggiare qualsiasi processo che porti all’esercizio della sua piena indipendenza e sostiene qualsiasi approccio parlamentare che vada in questa direzione.

Istituito un Centro congiunto per coordinare gli aiuti umanitari e medici dalla Francia all’Armenia

Il Fondo francese armeno, la Fondazione Aznavour e l’Unione armena generale benevole (AGBU) Francia annunciano l’istituzione congiunta di un’unità di aiuto umanitario di emergenza. Il 12 novembre il Presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto all’Eliseo i rappresentanti delle organizzazioni umanitarie solidali con l’Armenia e l’Artsakh per affermare il sostegno della Francia dopo l’annuncio del cessato il fuoco. All’incontro, su invito della Presidenza della Repubblica francese, hanno preso parte le seguenti organizzazioni umanitarie: il Fondo Armeno di Francia (rappresentato da Bedros Terzian, Presidente del Fondo); la Fondazione Aznavour (rappresentata da Kristina Aznavour, CEO della Fondazione) e l’Unione armena generale benevole (AGBU) Francia (rappresentata da Nadia Gortzounian, Presidente dell’Unione). All’incontro hanno partecipato anche Youri Djorkaeff, Nicolas Aznavour, André Manoukian e Stéphane Hasbanian.

Il Capo dello Stato francese ha ribadito in questa occasione la “storica amicizia” tra Francia e Armenia. “In questo momento difficile, la Francia è al fianco dell’Armenia”, ha detto. Oltre a inviare una missione medica in Armenia, il Presidente della Repubblica ha anche annunciato la fornitura di aiuti umanitari all’Armenia attraverso un aereo cargo e il perseguimento della cooperazione franco-armena nel settore sanitario.

Nel corso dell’incontro, tutti gli ospiti hanno sottolineato l’importanza di riconoscere la Repubblica di Artsakh per costruire una pace duratura e per garantire la sicurezza delle popolazioni armene nelle loro terre ancestrali. Hanno anche menzionato l’urgenza di salvaguardare il patrimonio culturale e religioso nell’Artsakh e la necessità che le autorità francesi lavorino per una più stretta cooperazione e fornitura di aiuti umanitari.

Al termine dell’incontro è stato istituito un gruppo di lavoro con il Centro di Crisi e Supporto del Ministero degli Affari Esteri francese per contribuire alle iniziative delle organizzazioni umanitarie in solidarietà con l’Armenia.

Il Fondo armeno di Francia, la Fondazione Aznavour e l’Unione armena generale benevole (AGBU) annunciano pertanto l’istituzione di un’unità di emergenza per il coordinamento e l’attuazione degli aiuti umanitari e medici dalla Francia all’Armenia, in collaborazione con il Ministero degli affari esteri e la Presidenza della Repubblica francese. Questa unità è a disposizione di tutte le organizzazioni umanitarie che desiderano aiutare e sostenere gli sfollati a causa della guerra, affrontando numerosi bisogni urgenti.

Il Senatore USA Menendez chiede sanzioni statunitensi contro Turchia e Azerbajgian, chiede 100 milioni di dollari in assistenza agli Armeni

Il Senatore democratico del New Jersey Bob Menendez, membro del Comitato per le relazioni estere del Senato, ha lanciato un forte appello per una rinnovata leadership degli Stati Uniti d’America di fronte all’aggressione turca e azera contro l’Armenia e l’Artsakh, sollecitando 100 milioni di dollari in assistenza statunitense per prevenire un disastro umanitario, il reimpegno nel processo negoziale del Gruppo di Minsk dell’OSCE e la fine delle vendite di armi statunitensi ad Ankara e Baku, ha riferito il Comitato nazionale armeno d’America.

“Gli Armeni americani nel New Jersey e in tutti gli Stati Uniti Uniti applaudono la leadership del Senatore Menendez chiedendo un ripristino della politica statunitense verso la regione del Caucaso meridionale, per aiutare gli Armeni costretti a lasciare le loro case a causa degli attacchi azeri e turchi, per impegnarsi nuovamente nel processo di pace del Gruppo di Minsk dell’OSCE e sanzionare Erdoğan e Aliyev per la loro aggressione”, ha affermato Ani Tchaghlasian, membro del Consiglio nazionale dell’ANCA, originario del New Jersey. “Non vediamo l’ora di lavorare con il Congresso e il Governo per attuare le proposte di buon senso del Senatore Menendez per garantire la protezione e la sicurezza dell’Armenia e dell’Artsakh”.

L’ANCA ha trasmesso in live streaming le osservazioni del Senatore Menendez sui suoi canali di social media. Il video è disponibile sulla pagina YouTube del Senatore: QUI.

Parlando nell’Aula del Senato degli Stati Uniti d’America, il Senatore Menendez ha condiviso la sua solidarietà con gli Armeni in tutto il mondo, di fronte alla “devastazione inflitta alla regione dal Presidente azerbaigiano Aliyev, con il pieno sostegno del Presidente turco Erdoğan” e ha denunciato la mancanza di leadership americana, “che avrebbe potuto evitare gran parte di questa tragedia”.

Menendez ha proseguito dicendo, che “la sicurezza del popolo armeno, che ha già subito violenze brutali per mano dei Presidenti Aliyev ed Erdoğan, ora dipende dalle ‘forze di pace’ inviate da Vladimir Putin – un accordo viziato che non fa nulla per i jihadisti inviati lì dalla Turchia, che se gli fosse permesso di restare, potrebbe commettere ulteriori atrocità contro i cristiani armeni”.

In risposta, il Senatore Menendez ha offerto quattro aree chiave della rinnovata leadership degli Stati Uniti, inclusa una richiesta di 100 milioni di dollari degli Stati Uniti in aiuti umanitari e allo sviluppo nel Nagorno-Karabakh.

“In secondo luogo, gli Stati Uniti d’America devono sospendere immediatamente la fornitura di articoli per la difesa alla Turchia e all’Azerbajgian. Non possiamo e non dobbiamo consentire future atrocità da parte di nessuno di questi paesi autoritari”, ha affermato il Senatore Menendez, che ha chiesto l’approvazione delle sue misure – S.Res.754 e S.Res.755 – che bloccherebbero la vendita di armi a Erdoğan e Aliyev sulla base dei dati relativi ai diritti umani.

In terzo luogo, il senatore Menendez ha chiesto la fine dell’annuale rinuncia presidenziale degli Stati Uniti d’America alle restrizioni della sezione 907 sugli aiuti statunitensi all’Azerbajgian, sulla base della continua aggressione contro l’Armenia e l’Artsakh.

Quarto, deve essere affrontata l’aggressione della Turchia, ha sostenuto il Senatore Menendez, che ha chiesto sanzioni statunitensi contro Ankara. “Il Presidente Erdoğan aspira chiaramente ad essere un sultano ottomano dei giorni nostri, che pone la posta in gioco in Libia, in Siria, nel Mediterraneo orientale e ora nel Caucaso meridionale”.

Il senatore Menendez ha sollecitato una più ampia leadership degli Stati Uniti d’America nei negoziati di pace nell’Artsakh del Gruppo di Minsk dell’OSCE. “Sebbene il processo del Gruppo di Minsk dell’OSCE sembri essere basato sul supporto vitale, possiamo e dobbiamo rinvigorirlo con un impegno di alto livello. Dobbiamo inviare un messaggio chiaro ad Ankara, Baku e Mosca che la violenza come mezzo per ‘risolvere’ il conflitto non avrà successo e la pressione sull’Armenia dai suoi confini orientali e occidentali non sarà tollerata”.

Il Primo ministro armeno ha presentato la tabella di marcia delle azioni future

In un ampio post su Facebook, il Primo Ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan ha presentato una tabella di marcia delle azioni per superare la situazione creatosi nel Paese. “È ora di parlare di modi, metodi e programmi per superare la situazione attuale”, ha detto il Primo Ministro armeno. Pur accettando di essere responsabile delle situazioni attuali, il Primo Ministro Nikol Pashinayn ha anche affermato di essere responsabile del superamento della situazione e dell’instaurazione della stabilità e della sicurezza nel Paese. Ha proposto la seguente tabella di marcia delle azioni:
– Riprendere il processo di pace nel Nagorno-Karabakh sotto l’egidio dei copresidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, sottolineando lo status di Artsakh e la priorità del ritorno del popolo dell’Artsakh nei propri luoghi di residenza.
– Garantire il ritorno delle persone di Artsakh alle loro case, per ripristinare completamente la normale vita di Artsakh. Ripristinare completamente le case, gli appartamenti e le infrastrutture danneggiati nei territori sotto il controllo delle autorità dell’Artsakh.
– Fornire di garanzie sociali per le famiglie dei militari e dei cittadini uccisi.
– Restaurare le strutture e infrastrutture residenziali e pubbliche danneggiate durante la guerra nel territorio della Repubblica d’Armenia.
Fornire garanzie sociali, protesi e formazione professionale per i militari con disabilità.
– Presto ritorno di soldati e civili catturati. Fornitura di garanzie sociali per le loro famiglie. Rapida chiarificazione della sorte dei dispersi e fornitura di garanzie sociali per le loro famiglie.
– Formazione di un sistema di riabilitazione psicologica delle persone che hanno preso parte alla guerra e della società in generale.
– Approvazione del programma di riforma delle forze armate e avvio delle riforme.
– Superare il coronavirus ed eliminarne le conseguenze.
– Ripristinare l’ambiente per l’attività economica.
– Rivitalizzare i programmi per la risoluzione dei problemi demografici.
– Apportare modifiche al codice elettorale e adozione di una nuova legge sui partiti.
– Introdurre l’Istituto dei giudici professionisti come primo passo per l’istituzione di un tribunale anticorruzione. Attuazione della legge sulla confisca dei beni illegali.
– Organizzare consultazioni tematiche periodiche con rappresentanti della comunità politica e della società civile armena.
– Condurre consultazioni tematiche regolari con organizzazioni armene e individui della diaspora. Coinvolgimento degli individui e delle strutture della diaspora nei processi sopra menzionati.
“L’obiettivo principale di tutto questo è garantire la stabilità democratica dell’Armenia e creare garanzie che nulla minacci la formazione del potere in Armenia attraverso il libero arbitrio del popolo”, ha detto Pashinyan. Ha aggiunto che sta implementando cambiamenti nel governo per realizzare la roadmap. “Ci vorranno sei mesi per mettere queste misure su un percorso istituzionale irreversibile. Nel giugno 2021, farò una relazione sull’attuazione della roadmap, a seguito della quale prenderemo una decisione su cosa fare dopo, tenendo conto dell’opinione pubblica e della reazione”, ha aggiunto il Primo Ministro.

Foto di copertina: monastero di Dadivank.

89.31.72.207