Sars-CoV-2. A Cremona ricoverato il vescovo e deceduto l’ex presidente dell’Agenzia SIR

Il Vescovo di Cremona, Monsignor Antonio Napolioni (Camerino, 11 dicembre 1957) è ricoverato nell’ospedale della città lombarda, dove è deceduto a causa del Sars-CoV-2 Monsignor Vincenzo Rini, già Presidente della FISC-Federazione Italiana Settimanali Cattolici dal 1999 al 2004, Presidente del SIR-Servizio Informazione Religiosa dal 2006 al 2018 e Direttore del settimanale diocesano “La Vita Cattolica”.

Monsignor Antonio Napolioni con Papa Francesco (Foto di Vatican Media).

Nonostante la dura prova della malattia, è una testimonianza rincuorante e ricca di speranza quella di Monsignor Antonio Napolioni, positivo al Sars-CoV-2 e ricoverato all’Ospedale cittadino. Le sue condizioni sono stabili e in miglioramento progressivo. Dal nosocomio, il presule ha espresso il proprio cordoglio per la morte di Monsignor Vincenzo Rini, morto a causa di una polmonite interstiziale causata dal Sars-CoV-2. Dal letto del reparto di pneumologia, il Vescovo di Cremona ha rivolto parole di incoraggiamento a quanti sono chiamati ad affrontare questa dura prova e ringrazia il personale medico. “Sono impressionato – ha detto Monsignor Napolioni – dal ritmo di servizio del personale sanitario”.

Monsignor Vincenzo Rini (Foto di Marco Calvarese/SIR).

Monsignor Vincenzo Rini era ricoverato da alcuni giorni presso l’Ospedale di Cremona a causa del Sars-CoV-2.
Nato a Spinadesco il 5 gennaio 1945, ordinato sacerdote il 22 giugno 1968, ha celebrato la sua Prima Messa a Bonemerse. Vicario a Romanengo (1968-1976) e a Soresina (1976-1977), nel 1977 è stato promosso parroco di Polengo: incarico che ha mantenuto sino al 1985 quando ha assunto la direzione del settimanale diocesano “La Vita Cattolica” che ha condotto fino al traguardo dei 100 anni di storia, celebrati nel dicembre 2016. Nel marzo del 2015, su decreto del Vescovo Dante Lafranconi, è entrato come canonico nel Capitolo della Cattedrale di Cremona. Laureato in Teologia dogmatica a Milano, nel 2004 è stato nominato Cappellano di Sua Santità. È stato anche Presidente nazionale CONSIS-Consorzio Nazionale Servizi Informazioni Settimanali dal 1996 al 1999, Presidente del FISC-Federazione Italiana Settimanali Cattolici dal 1999 al 2005 e Presidente dell’Agenzia SIR-Servizio Informazione Religiosa della Conferenza Episcopale Italiana, dal 2006 al 2018. Dal 1998 era assistente dell’UCID-Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti cremonese e dal luglio scorso era anche Consulente ecclesiastico del Gruppo lombardo UCID, dal 2017 era Consigliere ecclesiastico della Federazione provinciale “Coltivatori Diretti” di Cremona e nel 2018 fu nominato dalla CEI Assistente ecclesiastico nazionale dei Convegni di Cultura “Maria Cristina di Savoia”.

89.31.72.207