Conferenza Episcopale degli Stati Uniti d’America: l’Equality Act “punirebbe” i gruppi religiosi contrari all’ideologia di genere

Condividiamo da Catholic News Agency l’articolo che segue in una nostra traduzione italiana dall’inglese.

La Conferenza Episcopale degli Stati Uniti d’America (USCCB) si è pronunciata in opposizione all’Equality Act (Legge sull’uguaglianza), introdotto giovedì scorso alla Camera dei rappresentanti degli USA. Il disegno di legge, introdotto dal Rappresentante David Cicilline (D-R.I.), Riconoscerebbe l’orientamento sessuale e l’identità di genere come classi legali protette in una varietà di aree tra cui alloggio, istruzione e spazi pubblici. I critici hanno avvertito che eroderebbe la libertà religiosa e consacrerebbe la ridefinizione del matrimonio e dell’ideologia di genere nella legge, richiedendo a persone e gruppi di adeguarsi all'”uguaglianza” LGBT e l’ideologia transgender, indipendentemente dalle loro credenze religiose.

“Invece di rispettare le differenze nelle convinzioni sul matrimonio e sulla sessualità, l’Equality Act discriminerebbe i credenti”, ha avvertito l’USCCB in una guida per gli elettori. Il disegno di legge, avvertono la Conferenza Episcopale e altri critici, sosterrebbe l’ideologia transgender richiedendo “alle ragazze e alle donne di competere con ragazzi e uomini per opportunità limitate nello sport e di condividere spogliatoi e docce con maschi biologici che si identificano come donne”. Il disegno di legge potrebbe anche costringere i medici a eseguire interventi chirurgici di transizione di genere, afferma la Conferenza Episcopale. I gruppi pro-vita hanno anche affermato che il disegno di legge potrebbe espandere gli aborti, considerando il rifiuto di eseguire aborti illegali come “discriminazione di gravidanza”. I gruppi contrari alla ridefinizione del matrimonio sarebbero “puniti” secondo la legge, ha detto l’USCCB.

Ryan Anderson, Presidente dell’Ethics and Public Policy Center, ha convenuto che il disegno di legge “perseguiterà coloro che non abbracciano nuove ideologie sessuali e di genere”. Le scuole religiose e gli enti di beneficenza potrebbero “affrontare la sanzione federale per aver operato secondo la biologia di base e l’insegnamento biblico tradizionale sul sesso e il matrimonio”, ha detto.

Il Presidente Joe Biden ha elogiato l’Equality Act, ha esortato il Congresso a approvarlo rapidamente e ha affermato che fornirà “protezioni dei diritti civili federali molto in ritardo”, oltre a “codificare il coraggio e la resilienza del movimento LGBTQ + in una legge duratura”. Biden, che nel 2016 ha celebrato un matrimonio tra persone dello stesso sesso, ha anche pubblicizzato il suo ordine esecutivo del 20 gennaio su “Prevenzione e lotta alla discriminazione sulla base dell’identità di genere o dell’orientamento sessuale”. L’ordine esecutivo ha affermato la politica del suo Governo di riconoscere le tutele federali dei diritti civili per l’orientamento sessuale e l’identità di genere. La legislazione, approvata alla Camera nel 2019, è una priorità politica dei gruppi pro-LGBT come la Human Rights Campaign. Biden ha promesso di firmarla nei suoi primi 100 giorni in carica.

Anderson ha detto che il disegno di legge privilegia “gli uomini che si identificano come donne” rispetto alla sicurezza delle donne. “Se questo disegno di legge diventasse legge”, ha detto Anderson, gli uomini che si identificano come donne transgender “avrebbero il diritto civile di passare la notte in un rifugio per donne maltrattate, spogliarsi in uno spogliatoio femminile e competere in una squadra sportiva femminile – anche bambini a scuole pubbliche K-12 [termine usato nel sistema educativo negli Stati Uniti, in Canada e possibilmente in altri Paesi, come forma breve per i 12 gradi scolastici sostenuti nelle scuole pubbliche prima del college]”. Ha affermato che se il disegno di legge diventasse legge, “Papa Francesco sarebbe trattato come l’equivalente legale di un Jim Crow segregazionista” a causa della sua opposizione all’ideologia transgender e alla ridefinizione del matrimonio”. E nessuno “nemmeno gli sponsor dell’Equality Act” possono dirci cosa sarebbe richiesto in base alla legge per evitare di commettere ‘discriminazioni’ nel caso di identità di genere ‘non binarie’”, ha detto Anderson. Una persona che si identifica come “non binaria”, non si identifica né come maschio né come femmina.

Erika Bachiochi, studiosa legale pro-vita e membro dell’Ethics and Public Policy Center (EPPC), ha affermato che l’Equality Act potrebbe promuovere l’aborto come un diritto e “incentivare ulteriormente i datori di lavoro a preferire l’aborto per le loro dipendenti incinte rispetto a sistemazioni molto più costose per la genitorialità”. “L’Equality Act può essere un bene tirando le somme, ma sarebbe devastante per le donne e le loro famiglie”, ha detto.

Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti
23 febbraio 2021
Senato degli Stati Uniti
Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti Washington, DC
20510 Washington, DC 20515


Caro Rappresentante/Senatore:

Come presidenti delle commissioni della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti (USCCB) Libertà Religiosa, Pro-Vita, Matrimonio, Educazione Cattolica e Giustizia Interna, vi scriviamo per condividere il nostro sostegno alle leggi che proteggono la dignità e garantiscono il rispetto che è dovuto a tutte le persone, così come le nostre gravi preoccupazioni per l’Equality Act del 2021 (H.R. 5).
La dignità umana è centrale in ciò che i cattolici credono, perché ogni persona è fatta a immagine di Dio e dovrebbe essere trattata di conseguenza, con rispetto e compassione. Questo impegno si riflette nel servizio caritatevole della Chiesa a tutte le persone, senza riguardo alla razza, alla religione o a qualsiasi altra caratteristica. Significa che dobbiamo onorare il diritto di ogni persona a un lavoro remunerativo libero da ingiuste discriminazioni o molestie, e ai beni di base di cui ha bisogno per vivere e prosperare. Significa anche che le persone con credenze diverse dovrebbero essere rispettate. In questo, sosteniamo con tutto il cuore i principi di non discriminazione per garantire che i diritti di tutti siano protetti.
L’Equality Act pretende di proteggere dalla discriminazione le persone che provano attrazione per lo stesso sesso o discordanza di genere. Ma invece, la legge rappresenta l’imposizione da parte del Congresso di punti di vista nuovi e divisivi riguardo al “genere” su individui e organizzazioni. Questo include il rifiuto della differenza sessuale e la falsa presentazione del “genere” solo come un costrutto sociale. Come Papa Francesco ha espresso, tuttavia, “‘il sesso biologico e il ruolo socio-culturale del sesso (genere) possono essere distinti ma non separati. … Una cosa è la comprensione della debolezza umana e della complessità della vita, e un’altra è accettare ideologie che tentano di separare quelli che sono aspetti inseparabili della realtà”. [1] Tragicamente, questa legge può anche essere interpretata per includere un mandato di aborto, una violazione dei preziosi diritti alla vita e alla coscienza. [2]
Invece di affermare la dignità umana in modi che superano significativamente le protezioni pratiche esistenti, l’Equality Act discriminerebbe le persone di fede. Infliggerebbe anche numerosi danni legali e sociali agli americani di qualsiasi fede o di nessuna. Se approvata, questa legislazione:
– punirebbe gli enti di beneficenza basati sulla fede, come i rifugi e le agenzie di affidamento, e a loro volta le migliaia di beneficiari, semplicemente a causa delle loro convinzioni su matrimonio e sessualità (§§ 3, 6);
– costringere sia le persone che le organizzazioni in molti ambienti di vita e di lavoro quotidiani a parlare o agire a sostegno delle “transizioni di genere”, compresi gli operatori sanitari e i consulenti autorizzati, anche quando è contro il loro giudizio professionale (§§ 3, 6, 7);
– rischiano di obbligare i contribuenti a pagare per gli aborti e gli operatori sanitari con obiezioni di coscienza a praticarli, ponendo in definitiva fine a più vite umane (§§ 3, 6, 9);
– costringere ragazze e donne a competere contro ragazzi e uomini per opportunità limitate negli sport scolastici, e a condividere spogliatoi e docce con maschi biologici che dichiarano di identificarsi come donne (§§ 6, 9);
– espandere la definizione governativa di luoghi pubblici in numerosi ambienti, anche costringendo spazi gestiti religiosamente, come alcune sale di chiese e strutture equivalenti di proprietà di sinagoghe o moschee, a ospitare funzioni che violano il loro credo o a chiudere le porte alle loro comunità più ampie (§ 3);
– escludere le persone dalle carriere e dai mezzi di sostentamento che amano, solo per aver mantenuto la verità delle loro convinzioni sul matrimonio e la sessualità (§ 3); e
– discriminare gli individui e le organizzazioni religiose sulla base del loro diverso credo, abrogando parzialmente il bipartisan Religious Freedom Restoration Act, un allontanamento senza precedenti da quella legge e da uno dei principi fondanti dell’America (§ 9).
Ogni anno la Chiesa cattolica, come il più grande fornitore non governativo di servizi umani negli Stati Uniti, aiuta milioni di persone in difficoltà attraverso le sue parrocchie, scuole, ospedali, rifugi, cliniche legali, banche del cibo e altri enti di beneficenza. Le stesse convinzioni fondamentali sulla persona umana – fatta con dignità intrinseca e a immagine di Dio – motivano sia le nostre posizioni sulla vita, il matrimonio e la sessualità, sia la nostra chiamata a servire i più vulnerabili e il bene comune. Ci opponiamo a questa legislazione.

[1]Papa Francesco, Esortazione apostolica Amoris laetitia, n. 56 (2016).
[2] Vedi USCCB Fact Sheet, “The Equality Act: Its Impact on Government Funding of Abortion”.

(Traduzione italiana dall’inglese a cura di Marco Tosatti per Stilum Curiae)

Foto di copertina: Mano indossando un braccialetto arcobaleno del Gay Pride che alza il pugno davanti al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington, DC (Foto di lazyllama/Shutterstock).