Numeri ufficiali Covid-19 del 6 gennaio 2021. Dal 1° gennaio ricoverati +352, terapia intensiva +18, decessi +2.256, media giornaliera decessi +6

Ad oggi, sono 303.387 le persone vaccinate, il 43,6% rispetto alle 695.175 dosi finora consegnate. Arcuri ha fatto sapere che il programma prevede 5,9 milioni di vaccinati entro fine marzo, ad aprile i vaccinati saranno 13,7 milioni, 21,5 milioni entro fine maggio e si può completare la vaccinazione volontaria entro agosto. L’abbiamo annotato a futura memoria.

Ringraziando i nostri lettori e sostenitori, ricordiamo che è possibile inviare comunicazione presso l’indirizzo di posta elettronica del “Blog dell’Editore”: QUI.

I dati Covid-19 ufficiali del Ministero della salute di oggi mercoledì 6 gennaio 2021

Totale casi: 2.201.945 (+20.331) (+0,93%)
In isolamento domiciliare: 542.967 (-230) (-0,04%)
Ricoverati con sintomi: 23.174 (-221) (-0,94%)
In terapia intensiva: 2.571 (+2) (+0,08%) [con 183 nuovi ingressi del giorno] [*]
Dimessi/Guariti: 1.556.356 (+20.227) (+1,32%)
Deceduti: 76.877 (+548) (+0,72%)
[*] Dato molto importante, perché permette di verificare al di là del saldo quante persone sono effettivamente entrate in terapia intensiva nelle ultime 24 ore oggetto della comunicazione.

Il sistema “Tutor” per verificare il “trend” dell’epidemia

Media giornaliera dei decessi: 239 (-)

Tabella con i decessi al giorno, il totale dei decessi e la media giornaliera dei decessi [A cura dello Staff del “Blog dell’Editore”]: QUI.

Il punto della situazione a cura di Lab24

Si conferma al momento la sostanziale neutralità del periodo trascorso in zona rossa: non per il basso impatto delle misure di mitigazione, che anzi sappiamo essere efficaci, ma perché gli attesi effetti positivi sono stati annullati dalla crescita generata dagli allentamenti delle stesse misure nelle settimane centrali di dicembre. La ripresa del contagio, finora mascherata dal basso numero di test eseguiti, inizia a manifestarsi nell’andamento dei ricoverati e delle terapie intensive, al di là delle oscillazioni giornaliere: i valori da inizio gennaio riflettono i contagi avvenuti dal 18 al 24 dicembre scorso, quando molte Regioni erano in zona gialla. Nei primi 6 giorni del 2021 i ricoverati in area medica sono aumentati di 352 unità, quelli in terapia intensiva di 18 (Fonte Il Sole 24 Ore).

Ricciardi: “Serve blocco chiaro, gente deve capire rischio”. E se la prende con le Messe celebrate a Roma
“Mi auguro che la variante inglese non prenda il sopravvento, perché ha un indice di contagiosità del 70% e ha messo in ginocchio il Regno Unito, ma dobbiamo ridurre la curva del contagio attraverso un blocco che sia chiaro”. A dirlo è Walter Ricciardi, consigliere del ministro Speranza, durante un dibattito organizzato dalla Fondazione Einaudi. “La gente deve capire, mi arrivano immagini di assembramenti nelle chiese di Roma, evidentemente molti sacerdoti non capiscono che in questo momento non si può celebrare una Messa con tanti fedeli”. “Gli italiani si sono commossi e impauriti di fronte alle bare di Bergamo. In questa seconda fase – ha concluso Ricciardi – i morti non si vedono ma sono più di quelli. Altri paesi, come gli Stati Uniti, non hanno più il legno per fare le bare. Che cosa c’è di più urgente che agire prima che questo si verifichi?” (Fonte SkyTG24).

89.31.72.207