La Comunione al Signor Biden e la questione dello scandalo. “I vescovi danno scandalo se non parlano pubblicamente della questione”

Condivido di seguito la dichiarazione “Il Signor Biden e la questione dello scandalo” che dell’Arcivescovo emerito di Filadelfia, Mons. Charles J. Chaput, OFM Cap. ha pubblicato oggi 4 dicembre 2020 sul sito First Things (testo originale in inglese, preceduto da una nostra traduzione italiana).
Nel suo testo Chaput dice che i vescovi danno scandalo se non parlano pubblicamente della questione della Comunione a Biden e del pericolo del sacrilegio. Cita il memorandum di luglio 2004 della Congregazione per la Dottrina della Fede, con cui “risolse qualsiasi confusione sulla corretta pratica in queste questioni”. Inoltre, cita il Catechismo della Chiesa Cattolica sul male – e sul grave danno – dello scandalo.

«Quando i vescovi annunciano pubblicamente la loro disponibilità a dare la Comunione al Signor Biden, senza insegnare chiaramente la gravità del suo facilitare il male dell’aborto (e la sua approvazione delle relazioni omosessuali), rendono un grave disservizio ai loro fratelli vescovi e al loro popolo. Il motivo è ovvio. Con le sue azioni nel corso della sua vita pubblica, il Signor Biden ha dimostrato di non essere in piena comunione con la Chiesa cattolica. A suo merito, ha difeso molte cause e questioni che servono al bene comune. Tuttavia, molte delle sue azioni e parole hanno anche sostenuto o spianato la strada a gravi mali morali nella nostra vita pubblica che hanno portato alla distruzione di milioni di vite innocenti. Il Signor Biden ha detto che continuerà a portare avanti quelle stesse politiche come presidente, e quindi non dovrebbe ricevere la Santa Comunione.
Questa non è una questione “politica” e coloro che la descriverebbero come tale o ignorano o confondono intenzionalmente la questione. Questa è una questione della responsabilità unica dei vescovi davanti al Signore per l’integrità dei sacramenti. Inoltre, c’è anche la questione pressante della preoccupazione pastorale per la salvezza di un uomo» (Charles J. Chaput, OFM Cap.).

Il Signor Biden e la questione dello scandalo
di Charles J. Chaput, OFM Cap.
First Thing, 4 dicembre 2020
[Traduzione italiana a cura dello Staff del Blog dell’Editore]

I lettori ricorderanno che durante la campagna presidenziale del 2004, il Senatore John Kerry ha guidato il ticket democratico. Come cattolico, Kerry aveva alcune opinioni politiche che erano in conflitto con le credenze morali della sua Chiesa. Ciò ha portato a tensioni interne tra i vescovi statunitensi su come gestire la questione della Santa Comunione per i funzionari pubblici cattolici che si discostano pubblicamente e persistentemente dall’insegnamento cattolico su questioni come l’aborto. A quel tempo, l’allora Cardinale di Washington Theodore McCarrick, insieme al Vescovo di Pittsburgh Donald Wuerl, avevano opinioni molto diverse dalle mie su come procedere.

Credevo allora, e credo ora, che negare pubblicamente la Comunione ai funzionari pubblici non è sempre saggio o la migliore condotta pastorale. Farlo in modo sonoro e forte può causare più danni che benefici, invitando il funzionario a crogiolarsi nel bagliore mediatico del vittimismo. Ciò a cui mi sono opposto nel 2004, tuttavia, era un’apparente indifferenza alla questione, qualsiasi accenno in una dichiarazione o politica dei vescovi nazionali che avrebbe dato ai vescovi il permesso di voltare le spalle alla gravità di una questione molto grave. A quel tempo, fortunatamente, la Congregazione per la Dottrina della Fede risolse qualsiasi confusione sulla corretta pratica in queste questioni con il suo memorandum del luglio 2004 all’allora Cardinale McCarrick, Degno di ricevere la santa comunione: principi generali. Include il seguente passaggio:

5. Riguardo al grave peccato dell’aborto o dell’eutanasia, quando si manifesta la cooperazione formale di una persona (intesa, nel caso di un politico cattolico, come la sua costante campagna elettorale e votazione per le leggi sull’aborto permissivo e sull’eutanasia), il suo Pastore dovrebbe incontrarlo, istruendolo sull’insegnamento della Chiesa, informandolo che non si dovrà presentare per la Santa Comunione fino a quando non avrà posto fine alla situazione oggettiva del peccato, e avvertendolo che altrimenti gli sarebbe negata l’Eucaristia.
6. Quando “queste misure cautelari non hanno avuto effetto o in cui non erano possibili”, e la persona in questione, con ostinata tenacia, si presenta ancora a ricevere la Santa Eucaristia, “il ministro della Santa Comunione deve rifiutarsi di distribuirla” (cfr. Dichiarazione del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi “Santa Comunione e Cattolici Divorziati Civilmente Risposati” [2002], nn. 3-4). Questa decisione, propriamente parlando, non è una sanzione o una punizione. Né il ministro della Santa Comunione giudica la colpevolezza soggettiva della persona, ma piuttosto reagisce alla pubblica indegnità della persona a ricevere la Santa Comunione a causa di una situazione oggettiva di peccato.

Per quanto ne so, tale dichiarazione rimane in vigore. E riflette la disciplina sacramentale cattolica di vecchia data basata sulla Parola di Dio.

Le implicazioni per il momento presente sono chiare. Personaggi pubblici che si identificano come “cattolici” danno scandalo ai fedeli quando ricevono la Comunione creando l’impressione che le leggi morali della Chiesa siano opzionali. E i vescovi danno un simile scandalo non parlando pubblicamente della questione e del pericolo del sacrilegio. Vale quindi la pena rivisitare le parole del Catechismo della Chiesa Cattolica sul male – e sul grave danno – dello scandalo:

2284. Lo scandalo è l’atteggiamento o il comportamento che induce altri a compiere il male. Chi scandalizza si fa tentatore del suo prossimo. Attenta alla virtù e alla rettitudine; può trascinare il proprio fratello alla morte spirituale. Lo scandalo costituisce una colpa grave se chi lo provoca con azione o omissione induce deliberatamente altri in una grave mancanza.
2286. Lo scandalo può essere provocato dalla legge o dalle istituzioni, dalla moda o dall’opinione pubblica.
Così, si rendono colpevoli di scandalo coloro che promuovono leggi o strutture sociali che portano alla degradazione dei costumi e alla corruzione della vita religiosa, o a «condizioni sociali che, volutamente o no, rendono ardua o praticamente impossibile una condotta di vita cristiana, conformata ai precetti del Sommo Legislatore». La stessa cosa vale per i capi di imprese i quali danno regolamenti che inducono alla frode, per i maestri che «esasperano» i loro allievi o per coloro che, manipolando l’opinione pubblica, la sviano dai valori morali.

Quei vescovi che indicano pubblicamente in anticipo che intraprenderanno il loro dialogo con il presidente eletto Joseph Biden e gli permetteranno la Comunione minano efficacemente il lavoro della task force istituita nella riunione della Conferenza episcopale di novembre per trattare precisamente questo e le questioni correlate. Ciò dà scandalo ai loro fratelli vescovi e sacerdoti, e ai tanti cattolici che lottano per rimanere fedeli all’insegnamento della Chiesa. Ciò danneggia la Conferenza episcopale, il significato di collegialità e la fecondità del lavoro di appoggio della Conferenza con il governo entrante.

Sembra che qui siano in gioco diversi principi fondamentali:
– Ogni vescovo locale è responsabile dinanzi a Dio per la cura delle anime e l’integrità dei sacramenti all’interno della Chiesa, all’interno dell’intera Chiesa, ma specialmente all’interno della sua diocesi locale.
– Ogni vescovo locale ha anche l’obbligo di conformare la disciplina della sua diocesi all’insegnamento cattolico e di renderlo chiaro alle persone all’interno della sua diocesi. Ciò include l’insegnamento sull’importanza di ricevere degnamente la Comunione.
– Mentre ogni vescovo locale ha una certa libertà di determinare il modo migliore per applicare la disciplina dei sacramenti nella sua diocesi, guidato dalla prudenza, nessun vescovo può presumere di ignorare i principi morali e sacramentali fondamentali.

Quando i vescovi annunciano pubblicamente la loro disponibilità a dare la Comunione al Signor Biden, senza insegnare chiaramente la gravità del suo facilitare il male dell’aborto (e la sua approvazione delle relazioni omosessuali), rendono un grave disservizio ai loro fratelli vescovi e al loro popolo. Il motivo è ovvio. Con le sue azioni nel corso della sua vita pubblica, il Signor Biden ha dimostrato di non essere in piena comunione con la Chiesa cattolica. A suo merito, ha difeso molte cause e questioni che servono al bene comune. Tuttavia, molte delle sue azioni e parole hanno anche sostenuto o spianato la strada a gravi mali morali nella nostra vita pubblica che hanno portato alla distruzione di milioni di vite innocenti. Il Signor Biden ha detto che continuerà a portare avanti quelle stesse politiche come Presidente, e quindi non dovrebbe ricevere la Santa Comunione.

Questa non è una questione “politica” e coloro che la descriverebbero come tale o ignorano o confondono intenzionalmente la questione. Questa è una questione della responsabilità unica dei vescovi davanti al Signore per l’integrità dei sacramenti. Inoltre, c’è anche la questione pressante della preoccupazione pastorale per la salvezza di un uomo. Come minimo, ogni vescovo ha il dovere di discutere in privato queste questioni morali vitali e l’effetto distruttivo di ricevere la Comunione indegnamente con personaggi pubblici che agiscono in contrasto con l’insegnamento della Chiesa. L’accoglienza della Comunione non è un diritto ma un dono e un privilegio; e in materia di “diritti”, la comunità credente ha un diritto prioritario all’integrità del proprio credo e della propria pratica.

Nell’anno a venire, moltissime persone osserveranno la leadership cattolica della nostra nazione. Saranno guidati, nel bene e nel male, dalla testimonianza dei vescovi americani.

Mr. Biden and the matter of scandal
by Charles J. Chaput, O.F.M. Cap.
First Things, 12 December 2020

Readers may recall that during the 2004 presidential campaign, Sen. John Kerry led the Democratic ticket. As a Catholic, Kerry held certain policy views that conflicted with the moral beliefs of his Church. This led to internal tensions among U.S. bishops about how to handle the matter of Holy Communion for Catholic public officials who publicly and persistently diverge from Catholic teaching on issues like abortion. At the time, Washington’s then-Cardinal Theodore McCarrick, along with Pittsburgh’s Bishop Donald Wuerl, had very different views from my own regarding how to proceed.

I believed then, and believe now, that publicly denying Communion to public officials is not always wise or the best pastoral course. Doing so in a loud and forceful manner may cause more harm than good by inviting the official to bask in the media glow of victimhood. What I opposed in 2004, however, was any seeming indifference to the issue, any hint in a national bishops’ statement or policy that would give bishops permission to turn their heads away from the gravity of a very serious issue. At the time, fortunately, the Congregation for the Doctrine of the Faith resolved any confusion about correct practice in these matters with its July 2004 memorandum to then-Cardinal McCarrick, Worthiness to Receive Holy Communion: General Principles. It includes the following passage:

5. Regarding the grave sin of abortion or euthanasia, when a person’s formal cooperation becomes manifest (understood, in the case of a Catholic politician, as his consistently campaigning and voting for permissive abortion and euthanasia laws), his Pastor should meet with him, instructing him about the Church’s teaching, informing him that he is not to present himself for Holy Communion until he brings to an end the objective situation of sin, and warning him that he will otherwise be denied the Eucharist.
6. When “these precautionary measures have not had their effect or in which they were not possible,” and the person in question, with obstinate persistence, still presents himself to receive the Holy Eucharist, “the minister of Holy Communion must refuse to distribute it” (cf. Pontifical Council for Legislative Texts Declaration “Holy Communion and Divorced, Civilly Remarried Catholics” [2002], nos. 3-4). This decision, properly speaking, is not a sanction or a penalty. Nor is the minister of Holy Communion passing judgment on the person’s subjective guilt, but rather is reacting to the person’s public unworthiness to receive Holy Communion due to an objective situation of sin.

To my knowledge, that statement remains in effect. And it reflects longstanding Catholic sacramental discipline based on the Word of God.

The implications for the present moment are clear. Public figures who identify as “Catholic” give scandal to the faithful when receiving Communion by creating the impression that the moral laws of the Church are optional. And bishops give similar scandal by not speaking up publicly about the issue and danger of sacrilege. Thus it’s also worth revisiting the words of the Catechism of the Catholic Church on the evil—and the grave damage—of scandal:

2284.  Scandal is an attitude or behavior which leads another to do evil. The person who gives scandal becomes his neighbor’s tempter. He damages virtue and integrity; he may even draw his brother into spiritual death. Scandal is a grave offense if by deed or omission another is deliberately led into a grave offense.
2286.  Scandal can be provoked by laws or institutions, by fashion or opinion. Therefore, they are guilty of scandal who establish laws or social structures leading to the decline of morals and the corruption of religious practice, or to “social conditions that, intentionally or not, make Christian conduct and obedience to the Commandments difficult and practically impossible.”  This is also true of business leaders who make rules encouraging fraud, teachers who provoke their children to anger, or manipulators of public opinion who turn it away from moral values.

Those bishops who publicly indicate in advance that they will undertake their own dialogue with President-elect Joseph Biden and allow him Communion effectively undermine the work of the task force established at the November bishops’ conference meeting to deal precisely with this and related issues. This gives scandal to their brother bishops and priests, and to the many Catholics who struggle to stay faithful to Church teaching. It does damage to the bishops’ conference, to the meaning of collegiality, and to the fruitfulness of the conference’s advocacy work with the incoming administration.

It seems that several critical principles are at stake here:
– Each local bishop is responsible before God for the care of souls and the integrity of the sacraments within the Church—within the whole Church, but especially within his local diocese
– Each local bishop also has an obligation to conform the discipline in his diocese to Catholic teaching and to make that teaching clear to the people within his diocese. This includes the teaching on the importance of receiving Communion worthily.
– While each local bishop has some freedom to determine how best to apply the discipline of the sacraments in his diocese, guided by prudence, no bishop can presume to ignore basic moral and sacramental principles.

When bishops publicly announce their willingness to give Communion to Mr. Biden, without clearly teaching the gravity of his facilitating the evil of abortion (and his approval of same-sex relationships), they do a serious disservice to their brother bishops and their people. The reason is obvious. By his actions during the course of his public life, Mr. Biden has demonstrated that he is not in full communion with the Catholic Church. To his credit, he has championed many causes and issues that do serve the common good. However, many of his actions and words have also supported or smoothed the way for grave moral evils in our public life that have resulted in the destruction of millions of innocent lives. Mr. Biden has said that he will continue to advance those same policies as president, and thus should not receive Holy Communion. His stated intention requires a strong and consistent response from Church leaders and faithful.

This is not a “political” matter, and those who would describe it as such are either ignorant or willfully confusing the issue. This is a matter of bishops’ unique responsibility before the Lord for the integrity of the sacraments. Moreover, there is also the pressing matter of pastoral concern for a man’s salvation. At minimum, every bishop has the duty of privately discussing these vital moral issues and the destructive effect of receiving Communion unworthily with public figures who act contrary to Church teaching. Reception of Communion is not a right but a gift and privilege; and on the subject of “rights,” the believing community has a priority right to the integrity of its belief and practice.

In the year ahead, a great many people will be watching our nation’s Catholic leadership. They will be led, for good or for ill, by the witness of America’s bishops.

Charles J. Chaput, O.F.M. Cap., is the archbishop emeritus of Philadelphia and author of the forthcoming Things Worth Dying For: Thoughts on a Life Worth Living (Holt).

89.31.72.207