I frati della Provincia francescana della Sacra Famiglia d’Egitto pregano per la Chiesa, per l’Italia e per il mondo

Ricevo una comunicazione da Rodolfo Armenio, un laico di Pompei che dal 2016 compie annualmente una missione in Egitto, in collaborazione con i frati della Provincia francescana della Sacra Famiglia d’Egitto, e volentieri la pubblico.

Dalla Chiesa di San Giuseppe del convento di Ghiza a Santa Caterina d’Alessandria, dal Santuario di Santa Rita in Alessandria d’Egitto a Luxor, dall’Alto al Basso Egitto, tutti Frati Francescani sono uniti nella preghiera, nella celebrazione della Santa Messa e nell’Adorazione Eucaristica, con l’intenzione che Dio liberi l’Italia e il mondo da questa epidemia.
Ho avuto vari messaggi di solidarietà e affetto dai Frati, da Fr. Milad guardiano del convento di Ghiza e Vicario della Provincia, da Fra Mokhles consigliere, e da tanti altri Frati tutti uniti nella preghiera, dalle Suore e da tanti amici egiziani e italiani d’Egitto. Noi cristiani abbiamo il sostegno della preghiera, sappiamo che è la vera salvezza e rimaniamo uniti a Gesù e a Maria. A loro affidiamo la nostra vita, il nostro presente ma soprattutto il nostro futuro.
Ci affidiamo e affidiamo il mondo, al Signore Gesù autore della vita e di ogni bene, alla Mediatrice di tutte le grazie la vergine Maria e a San Francesco fondatore dei francescani e patrono d’Italia.
La prossima missione in Egitto sarà effettuata nel mese di ottobre.
Rodolfo Armenio

Foto: Giotto, “La fuga in Egitto”, Basilica inferiore di Assisi, transetto destro.

89.31.72.207