Adnkronos: il Segretario particolare di Papa Francesco starebbe e per lasciare l’incarico

L’agenzia adnkronos ha scritto che il Mons. Fabián Pedacchio Leaniz, Segretario particolare di Papa Francesco starebbe per essere trasferito ad altri incarichi.

Giallo in Vaticano, lascia il segretario del Papa?
Adnkronos.com, 24 novembre 2019 ore 18:05

Starebbe per lasciare l’incarico a breve mons. Fabian Pedacchio Leaniz, segretario di papa Francesco. A quanto apprende l’Adnkronos, vi sarebbe stata un’accelerazione nella sua sostituzione per motivi al momento ancora non chiari. Pedacchio, in pianta stabile a Santa Marta dove lavora a tempo pieno per il pontefice, potrebbe lasciare la segreteria particolare del Papa dai primi dicembre, ma lo stesso sacerdote di origini argentine, inviato a Roma nel 2007 da Buenos Aires dall’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio, potrebbe rimanere comunque incardinato in un ufficio marginale della Segreteria di Stato. Ovviamente la decisione di sostituire Pedacchio avverrà probabilmente in coincidenza con una promozione ad altro incarico, una sorta di promoveatur ut amovetur in ottica curiale.

Il monsignore argentino 55enne, collaboratore riservatissimo del Pontefice, con il quale c’è un rapporto di fiducia da tempo, è esperto in diritto canonico ed è stato segretario dell’associazione dei canonisti argentini. Come ha lui stesso raccontato, ama l’opera, i romanzi di Garcia Marquez e i film di Pedro Almodovar. Uomo assolutamente riservato, don Pedacchio qualche tempo fa era finito al centro di un dossier pubblicato da un diacono argentino sposato, Jorge Sonnante, nel quale si sosteneva che il prelato fosse registrato su siti tipo Badoo.com, notizia sempre smentita.

Nel 2007 il cardinale Bergoglio lo ha inviato a Roma aderendo ad una richiesta del Prefetto della Congregazione dei vescovi. Nel 2007 al quotidiano El Barrio, don Fabian ha raccontato di servirsi del calcio “di cui non sono esperto” come strumento per parlare con la gente. Voleva laurearsi in Economia, poi è arrivata la chiamata e nel 1984 è entrato in seminario: “Ero stato fino ad allora un giovane normale che era uscito con delle ragazze”.

Esperto di Diritto canonico ha lavorato per un decennio nei Tribunali ecclesiastici. A proposito del Papa ha detto: “Dimostra il suo talento. Parla bene e senza paura, non solo per i cattolici ma per tutto il mondo. È intelligente e sa il peso che ha ogni parola che dice”.

Aggiornamento

Il Segretario particolare di Papa Francesco Mons. Fabian Pedacchio Leaniz lascia il suo incarico – Rientrerà a tempo pieno nella Congregazione per i Vescovi dove lavora dal 2007. Il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede: «Decisione presa da tempo». Anche il secondo segretario del Papa, l’egiziano Padre Yoannis Lahzi Gaid, che sarebbe anche lui prossimo a nuove mansioni, forse rientrando in Egitto.

+++

Domenico Agasso Jr su Vatican Insider, 25 novembre 2019:

Terminerà il suo servizio con la stessa riservatezza di questi cinque anni accanto al Pontefice. L’argentino monsignor Fabian Pedacchio Leaniz nei prossimi giorni lascerà l’incarico di segretario di papa Francesco. «La decisione è stata presa da tempo», dichiara il portavoce vaticano Bruni. Ad agosto, secondo una fonte della Santa Sede interpellata da La Stampa-Vatican Insider. Alla base della scelta, «solo la volontà di cambiare lavoro. Nessun conflitto, nessun problema tra Pedacchio e Bergoglio. È solo finito un ciclo. E se ne aprirà un altro». E a riprova del «clima sereno con cui avviene questo cambio, Pedacchio, essendo officiale della Congregazione per i Vescovi, continuerà a collaborare con Francesco».

Nato il 14 aprile 1964, esperto di Diritto canonico, sacerdote incardinato nella diocesi di Buenos Aires, l’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio nel 2007 lo aveva inviato a Roma, rispondendo a una richiesta del Prefetto della Congregazione per i Vescovi. Da allora il Monsignore argentino è entrato nell’organigramma della Curia romana.

È Segretario personale del Papa dal 2014, responsabilità condivisa con l’egiziano padre Yoannis Lahzi Gaid, che sarebbe anche lui prossimo a nuove mansioni, forse rientrando in Egitto. Sia Pedacchio che Gaid – ricorda Matteo Bruni – hanno assunto quest’incarico con «spirito di servizio», in aggiunta «alle precedenti funzioni, a cui possono tornare, a tempo pieno». E infatti in questi cinque anni Pedacchio ha lavorato «dividendosi» part-time alla Congregazione guidata dal cardinale Marc Ouellet e a Casa Santa Marta. Pedacchio e Gaid, con Sandro Mariotti e Piergiorgio Zanetti (rispettivamente primo e secondo aiutante di camera) sono le persone più vicine quotidianamente al Papa.

89.31.72.207