Haiti: aperta la 16^ comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice

‘I poveri non possono attendere’ aveva detto Madre Yvonne Reungoat nella sua lettera circolare di settembre 2015 sui migranti. Questa parola è risuonata forte nell’Ispettoria ‘Nostra Signora del Perpetuo Soccorso’ ad Haïti quando suor Aline Nicolas, la nuova ispettrice ha preso l’iniziativa di rispondere all’invito di rivolgere l’attenzione alla situazione dei migranti. Ella si è interessata di Anses-à-Pitres, un comune al confine con la repubblica Domenicana dove i deportati-migranti hanno posto i loro accampamenti.

Meno di un anno dopo, la Madre generale ha risposto ‘Sì’ dando il suo permesso per l’apertura della nuova comunità sotto la protezione di San Giovanni Paolo II. Il 30 Agosto 2016, una delegazione di 21 suore, in maggioranza direttrici di comunità, 4 Novizie, 3 membri della Congregazione dei Fratelli di Sant’Alfonso de Liguori, la giudice titolare della città di Jacmel, Madame Adline Dougé e altri amici dell’Ispettoria, hanno accompagnato suor Aline Nicolas a Anses-à-Pitres per la celebrazione di inaugurazione.

Il 31 Agosto, giorno della commemorazione del fondatore san Giovanni Bosco, la cerimonia ha avuto inizio con una processione iniziale dei membri della nuova comunità (suor Marie Lucia Joseph, direttrice, suor Altina Altiné, suor Antoinette Guillaume e suor Phénise Lauture), accompagnate dall’Ispettrice di Haiti, da due membri del consiglio e da suor Basilia Ramirez l’Ispettrice dell’Ispettoria antillana.

A seguire i preti della diocesi di Haiti Sud-Est: mons. Sauveur Content, vicario generale della Diocesi, p. André Léveillé, vice-cancelliere e direttore diocesano della pastorale, p. Bertrand Dieuveille direttore della Caritas e economo della diocesi, p. Armand Chéry, parroco della parrocchia di Mussac, p. Marc Stanley Rousseau, del Centro pastorale di Jacmel, p. Edvard Jeudy, della città di Anses-à-Pitres, p. Jean Baptiste Withney, salesiano di don Bosco delegato dell’Ispettore dei SDB, p. Jean-Paul Mésidor e p. Luc Léandre, parroco della parrocchia Madonna di Lourdes. Ha animato la celebrazione il coro dei giovani della parrocchia.

Suor Adline Clergé, consigliera ispettoriale e maestra delle Novizie ha guidato i diversi momenti della cerimonia. Ad apertura c’è stata la lettura del decreto di erezione della nuova comunità inviato dalla Madre generale, madre Yvonne Reungoat; poi la lettura della lettera pastorale di mons. Launay attraverso le parole di p. André Léveilléin, che ha manifestato la gioia del dono delle suore salesiane ad Anses-à-Pitres. Egli ha presentato l’impegno di ciascuno e la responsabilità propria di ciascuna realtà per la piena riuscita di questa missione e il bene di tutti quelli che crescono in questa zona e nel circondario di Belle Anse, nativi, migranti giovani e meno giovani.

Nell’omelia, mons. Content ha spiegato la motivazione carismatica dell’arrivo delle suore a Anses-à-Pitres, e cioè “l’arrivo di un ragazzino nato nel 1815 chiamato Giovanni Bosco e di un sogno. E grazie alla generosità di una ragazza di nome Maria Domenica Mazzarello” ed ha chiarito il senso profondo del lavoro educativo delle suore secondo il carisma salesiano, invitando i giovani, i fanciulli, gli adulti ad avvicinarsi senza timore alla comunità e partecipare alle attività della scuola, del Patronato, dei centri professionali, i gruppi, della pastorale e tutte le iniziative rispondenti al carisma salesiano.

Al termine della cerimonia, suor Aline Nicolas ha presentato ufficialmente la nuova comunità al popolo di Dio spiegando il senso del loro lavoro. Ha ringraziato tutti per la presenza, ha presentato le suore dell’ispettoria delle Antille (Santo Domingo, Cuba e Porto-Rico) che hanno espresso la loro gioia di partecipare all’inaugurazione di questa comunità vicina augurando un’aperta, serena e fruttuosa collaborazione.

Il 1° settembre, durante la messa, sono stati ricordati gli 81 anni dall’arrivo dei primi missionari salesiani nella terra di Haïti. P. Luc Léandre ha ringraziato Madre Yvonne e il suo Consiglio, le suore salesiane dell’Ispettoria. P. Edvard, figlio della terra di Anses-à-Pitres, ha ricordato un po’ di storia e i numerosi passi fatti per avere dei religiosi nella sua città natale. Oggi sono presenti tre congregazioni: i fratelli di sant’Alfonso, i Domenicani di Fatima e le salesiane.

P. Jean Baptise ha sottolineato che con le FMA è presente tutta la Famiglia salesiana: i salesiani di don Bosco (SDB), i Salesiani cooperatori (SS CC.), l’Associazione di Maria Ausiliatrice (ADMA), gli Exallievi (AA.EE).

89.31.72.207