Giovani prolife al seminario estivo ‘V. Quarenghi’

Fino al 31 luglio a Cetraro, in provincia di Cosenza, si svolgerà la 33^ edizione del ‘Life Happening V. Quarenghi’, organizzata dai giovani del Movimento Per la Vita. La settimana, di studio e di socialità, vedrà riuniti, come ogni anno, 200 giovani provenienti dalle diverse regioni d’Italia, nella riflessione su tematiche fondamentali, dal punto di vista della bioetica e valoriale.

Questa edizione ha un obiettivo ambizioso, come suggeriscono il titolo e il sottotitolo dell’evento: trovare gli eroi del quotidiano e smascherare i falsi miti che vengono proposti come modelli ideali da seguire. Diversi gli ambiti in cui i ragazzi porteranno avanti questa ricerca ‘eroica’, accompagnati da esperti nelle diverse materie: dalla medicina, con il medico legale e bioeticista, Paolo Marchionni, ai temi di società e attualità, con una riflessione sulla tematica scottante della migrazione e una sulle mafie, guidata da don Ennio Stamile, coordinatore di Libera Calabria.

Guide dei giovani in questo percorso di crescita saranno i membri del Movimento Per la Vita Italiano, e in primis il Presidente, l’On. Gian Luigi Gigli. Nella settimana saranno proposti anche due diversi percorsi di formazione avanzata: la summer school di bioetica, in cui saranno affrontati tra gli altri il tema dell’adozione e del diritto al figlio, e il corso di presentazione del volontariato nei Centri di Aiuto alla Vita.

I CAV, braccio operativo del MPV in diretto aiuto delle donne che affrontano o stanno per affrontare una gravidanza difficile, richiedono infatti un volontariato sempre più adeguato alle problematiche e alle crisi sempre nuove della società contemporanea. Con la relazione ‘La medicina tra falsi miti e veri eroi’ del prof. Paolo Marchionni, medico legale, bioeticista e vicepresidente di Scienza&Vita, inizierà la parte formativa del Quarenghi.

Nella Summer School di Bioetica mons. Leonardo Bonanno, Vescovo di S. Marco Argentano – Scalea terrà una relazione dal titolo: ‘Difesa della vita: un’opportunità ecumenica’, che sarà occasione di riflessione sull’ Esortazione apostolica ‘Amoris laetitia’ e sulla recente dichiarazione congiunta dell’Avana fra papa Francesco e Kirill, il patriarca di Mosca e di tutta la Russia.

Intanto il presidente del Movimento della Vita, on. Gian Luigi Gigli, ha commentato positivamente l’approvazione alla Camera dei Deputati in prima lettura del ddl sulla povertà, in quanto con esso è caduto “un tabù sull’aiuto alle gestanti in difficoltà”, perché con questa legge delega, implicitamente, viene riconosciuto il nascituro come portatore di diritti e meritevole di tutela:

“L’idea di una corresponsabilità sociale capace di farsi carico delle problematiche legate alla vita nascente è certamente la strada da seguire per evitare la tragica piaga dell’aborto economico”. Ed il presidente del MpV ha ricordato il valore dei CaV: “Mentre la politica discute e cerca di trovare soluzioni, da anni c’è chi lavora per fronteggiare proprio queste problematiche.

E’ dal 1994 che è attivo il ‘progetto gemma’, un servizio per l’adozione prenatale a distanza di madri in difficoltà che tentate di non accogliere il proprio bambino. Nato dall’idea del Movimento per la Vita, offre ad una mamma un concreto sostegno economico che le può consentire di portare a termine con serenità il periodo di gestazione, accompagnandola nel primo anno di vita del bambino. Un segno di speranza che ha salvato più di 15.000 bambini. Quando contenuto del ddl povertà può diventare un punto di svolta, speriamo che in Senato non ci siano modifiche, almeno su questo punto”.

89.31.72.207