Papa Francesco parla di famiglia: “Donarsi e perdonarsi”. E torna sul Sinodo

Papa Francesco torna a parlare di famiglia nel corso della sua settimanale udienza generale in piazza San Pietro. E parla dell’ultima assise sinodale. “L’Assemblea del Sinodo dei Vescovi, che si è conclusa da poco, ha riflettuto a fondo sulla vocazione e la missione della famiglia nella vita della Chiesa e della società contemporanea: è stato un evento di grazia – ha detto il Papa -. Al termine i Padri sinodali mi hanno consegnato il testo delle loro conclusioni. Ho voluto che questo testo fosse pubblicato, perché tutti fossero partecipi del lavoro che ci ha visti impegnati assieme per due anni. Non è questo il momento di esaminare tali conclusioni, sulle quali devo io stesso meditare”.

Francesco parla della reciprocità in famiglia. “Senza donarsi e senza perdonarsi l’amore non rimane, non dura. La vita non si ferma, in particolare la vita delle famiglie non si ferma!”, ha detto. “Voi, care famiglie, siete sempre in cammino. E continuamente scrivete già nelle pagine della vita concreta la bellezza del Vangelo della famiglia. In un mondo che a volte diventa arido di vita e di amore, voi ogni giorno parlate del grande dono che sono il matrimonio e la famiglia. La famiglia è una grande palestra di allenamento al dono e al perdono reciproco, senza il quale nessun amore può durare a lungo”.

Il perdono prima di tutto: “non si può vivere senza perdonarsi, o almeno non si può vivere bene, specialmente in famiglia”. “Ogni giorno ci facciamo dei torti l’uno con l’altro. Dobbiamo mettere in conto questi sbagli, dovuti alla nostra fragilità e al nostro egoismo. Quello che però ci viene chiesto è di guarire subito le ferite che ci facciamo, di ritessere immediatamente i fili che rompiamo”, perché “se aspettiamo troppo, tutto diventa più difficile”.

89.31.72.207