Papa Francesco al movimento carismatico: non ingabbiate lo Spirito Santo

Festa grande allo stadio Olimpico di Roma in pieno stile pentecostale. Il Rinnovamento dello Spirito riunito per la 37 convocazione nazionale ha ricevuto il Papa per pregare ed ascoltare le testimonianze. Seguendo lo schema tipico degli incontri carismatici, molto amati e conosciuti in America Latina, il Papa ha pregato nello stile che ha ringraziato per la esecuzione di un canto che, ha detto “mi ha fatto sentire a casa”.

Nel suo discorso davanti ai più di 50 mila presenti il Papa ha ricordato quali sono gli impegni fondamentali dei carismatici, e definisce il movimento “una corrente di grazie, siete un rinnovamento carismatico”, parla della Chiesa che è una “grande orchestra”, fatta da voci diverse ma che sono tutte necessarie all’armonia.  

In una preghiera il Papa ha detto “Signore  guarda il tuo popolo in attesa dello Spirito Santo, guarda i giovani, guarda le famiglie, guarda i bambini, guarda gli ammalati, guarda i sacerdoti, i consacrati le consacrate guarda noi vescovi, guarda tutti, e concedi a noi quella santa ubriachezza, quella dello Spirito, quella che ci fa parlare tutte le lingue, le lingue della carita’, sempre vicino ai fratelli e sorelle che hanno bisogno di noi. Insegnaci a non lottare fra di noi per avere un pezzo in piu’ di potere, ad essere umili, ad amare piu’ la Chiesa che il nostro partito, a ricevere lo Spirito, invia Signore il tuo Spirito su di noi”.

Il Papa aveva risposto alle diverse testimonianze, tra le quali un giovane sacerdote al quale ha ricordato una parola:  vicinanza “vicinanza a Gesu’ nella preghiera e nell’adorazione, vicinanza al Signore e vicinanza alla gente, al popolo di Dio. Siate vicini alla gente. Vi chiedo una doppia vicinanza: vicinanza a Gesu’ e vicinanza alla gente”.

In risposta ad una famiglia ha detto: “gli sposi sono peccatori come tutti, ma vogliono andare avanti nell’amore con la sua fecondità. Vanno avanti nella fede con i figli”. Ed ha aggiunto: “ Preghiamo il Signore – ha detto – perché protegga la famiglia nella crisi con la quale il diavolo vuole distruggerla.” Le famiglie sono la chiesa domestica dove Gesu’ cresce nell’amore dei coniugi, nella vita dei figli. Ed ha concluso: “Per questo il nemico attacca tanto la famiglia. Il demonio non la vuole e cerca di distruggerla. E cerca che l’amore non sia lì”.

La Convocazione e’ cominciata questa mattina e durerà fino a domani sera. E il Papa ha ricordato all’inizio del suo discorso che inizialmente era diffidente, da vescovo, nei confronti di Rns, tanto da definirle “scuole di samba”, ma di aver poi superato questa diffidenza, apprezzando il modo di esprimere la fede che hanno i seguaci di Rns, che si basano soprattutto su una preghiera di lode. E alla fine è diventato il responsabile per l’Argentina dei gruppi di Rns.

 

 

89.31.72.207