Francia 2008

Il papa in Francia. A Lourdes, inizia il pellegrinaggio mariano. La seconda giornata

Seconda giornata del viaggio di Benedetto XVI in Francia. Dopo la breve visita all’Institut de France, alle 10 il papa ha presieduto la grande messa nell’Esplanade des Invalides. Nel pomeriggio, l’arrivo a Lourdes per il Cammino del Giubileo, in ricordo del 150mo anniversario delle apparizioni: la visita alla Chiesa del Sacro Cuore (dove Bernadette ha ricevuto il battesimo), la visita al Cachot (luogo dove Bernadette viveva con la famiglia) e la visita alla Grotta delle Apparizioni. Alle 21,30, la processione mariana “aux flambeaux”.

Il papa ai giovani: abbiate il coraggio di predicare il Vangelo

Se ad accogliere il papa nella cattedrale di Notre Dame sono state le solenni note del maestoso organo e il coro che intonava il Tu es Petrus, in piazza poco dopo i giovani, quasi 15 mila, hanno salutato Benedetto XVI. Dopo la recita dei vespri con i sacerdoti e i religiosi, il papa parla ai ragazzi per far loro coraggio e lanciare due inviti: non aver paura di “parlare di Cristo a tutti” e portare la Croce, anche se a volte “venerarla attira la derisione e anche la persecuzione”.

Il papa al mondo della cultura francese: senza la ricerca di Dio la ragione capitola

La ricerca di Dio ha formato il monachesimo e la stessa cultura europea. Benedetto XVI è venuto a Parigi per incontrare quel mondo della cultura che tanto gli appartiene e che tanto ha frequentato prima di diventare papa. Di quei giorni ha parlato questa mattina al presidente francese Nicolas Sarkozy e nel pomeriggio per un’ora è tornato proprio a vivere quella atmosfera al College de Bernardins, edificio del XII secolo che racconta la storia del monachesimo e che da pochi gironi è tornato ad essere il cuore della vita culturale del Quartiere latino grazie all’impegno della Chiesa di Parigi.

Il papa e Sarkozy: accordo sulla laicità positiva, ma attenzione ai problemi sociali

Standing ovation per il papa al suo arrivo nella grande sala che ha fatto da scenario all’ Eliseo all’incontro dI Benedetto XVI con i rappresentati dello stato dopo un quarto d’ ora di faccia a faccia con Nikolas Sarkozy, accompagnato da Carla Bruni e dai figli. “Sono profondamente convinto che sia necessaria una nuova riflessione sul vero significato e sull’importanza della laicità”, ha detto il papa in un discorso davanti al presidente francese Nicolas Sarkozy.

Il papa in Francia: laicità positiva e ricerca di Dio. La prima giornata

Prima giornata di Benedetto XVI in Francia. Tappa a Parigi, con numerosi impegni in agenda, a cominciare dalla visita di cortesia all’Eliseo, con l’incontro con il presidente Sarkozy. Nel pomeriggio, dopo un saluto ad una rappresentanza della comunità ebraica, il pontefice ha parlato al mondo della cultura al Collège des Bernardins. A seguire, la recita dei vespri con religiosi e sacerdoti nella Cattedrale di Notre Dame e il saluto ai giovani che daranno vita a una veglia che durerà tutta la notte.

Il papa in volo per Parigi. Il pensiero per Alitalia: da tempo prego per voi

Inizia il viaggio di Benedetto XVI in Francia. Stamani, alle 9,23, la partenza dell’aereo speciale Alitalia da Fiumicino. Ad accogliere il pontefice, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta, ma anche il presidente di Adr, Fabrizio Palenzona, il commissario straordinario di Alitalia, Augusto Fantozzi, il Nunzio Apostolico in Italia mons. Giuseppe Bertello.

Il papa in Francia. L’appello dei Lefebvriani e il nodo del Concilio

C’è un risvolto curioso nel viaggio del papa in Francia. E’ l’appello lanciato dai lefebvriani della Fraternità di San Pio X, che invitano il pontefice a “trovare lucidità e forza” nella preghiera alla Madonna di Lourdes. Per cosa? Semplice: per “denunciare ed estirpare gli errori conciliari che sono, in essenza, all’origine della crisi della Chiesa”. Sono parole del superiore del distretto di Francia della Fraternità, l’abate Regis de Caqueray-Valmenier, che rimarca le posizioni della realtà nata dallo scisma compiuto da mons. Marcel Lefebvre, in polemica con il concilio Vaticano II.

Il papa in Francia. Le attese di una Chiesa in difficoltà

cardinale André Vingt-Trois

L’analisi è lucida, ma non lascia spazio allo scoraggiamento. L’arcivescovo di Parigi, cardinale André Vingt-Trois, affida all’Osservatore Romano le speranze della Chiesa locale, alla vigilia dell’arrivo di Benedetto XVI in Francia. Parla di crisi, dei mutamenti sociali e culturali, della crisi delle vocazioni, convinto però che le difficoltà possano diventare occasioni per discernere il cammino indicato da Dio.

Il papa in Francia. Il messale e i discorsi

Pregherà per la pace nel mondo, per chi soffre la fame, e per le vittime di catastrofi naturali. Papa Benedetto XVI in Francia esprimerà le intenzioni che più lo preoccupano, pronunciando le preghiere in diverse lingue, tra cui anche l’arabo e il cinese. Sette discorsi, tre omelie, un angelus: saranno 11 gli interventi di Benedetto XVI in terra francese, cinque a Parigi e sei a Lourdes.

Il papa in Francia. Il programma del viaggio

Quattro giorni ricchi di impegni: due a Parigi e due a Lourdes. Si dividerà così, tra incontri istituzionali e appuntamenti pubblici, la visita di Benedetto XVI in terra francese, la prima da papa, che inizierà domani per concludersi lunedì 15. Per la speciale occasione, il presidente Nicolas Sarkozy romperà il protocollo ufficiale e andrà ad accogliere il Papa al suo arrivo all’aeroporto di Orly, accompagnato dalla signora Carla Bruni. Uno strappo al protocollo che invece prevede che sia il primo ministro ad accogliere l’ospite, per poi accompagnarlo all’Eliseo.

151.11.48.50