Il papa: senza la Resurrezione la vita cristiana sarebbe assurda

Condividi su...

La Resurrezione è un dato fondamentale. Senza la Resurrezione la vita dei cristiani sarebbe una tragica assurdità. Benedetto XVI prosegue la catechesi del mercoledì dedicata all’Apostolo Paolo e parla dell’ evento centrale della fede cristiana, appunto la Resurrezione di Cristo. E’ questa la fonte della nostra speranza, tanto che senza di essa la vita cristiana sarebbe assurda. Il papa poi, spiegando la teolgia di Paolo descrive la figura del teologo. 

Egli è colui che “non crea nuovi sensi del mondo e della vita ma è al servizio della verità per auitarci a farci capire oggi la relatà del Dio con noi e cosi la realtà della vera vita”.

La nostra solidarietà con Cristo risorto, spiega il papa, ci mostrta la vera condizione umana che non è l’ evasione dalla storia in nome dello spirito, nè l’ idolatria della materia e dei valori umani a scapito dei loro legami naturali con lo spirito. Il riferimento a chi nega la resurrezione come evento fondante del cristianesimo anche in alcune correnti di studiosi tedeschi, dibattito emerso in parte al recente sinodo, è sottinteso nel discorso di oggi del papa che approfitta della teologia paolina. La teologia della croce e della resusserezione, dice il papa, non è una teoria.

Il cristianesimo non è la via della comodità ma è esigente ma è illuminata dalla speranza. Ma, alla scuola di Agostino il papa dice, chi vive da credente ha il coraggio di vivere fino in fondo. Non basta, ha concluso il papa, portare nel cuore la fede ma dobbiamo testimoniarla e portare cosi la verità nel mondo.

151.11.48.50