Lo scandalo del doppio standard

Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 25.12.2022 – Vik van Brantegem] – Due giorni fa abbiamo osservato [QUI], che i casi del giustizialismo del Papa regnante, secondo l’adagio peronista “Al amigo, todo; al enemigo, ni justicia” (All’amico, tutto; al nemico, nessuna giustizia) [QUI], sono diventati troppi anche per i suoi fedelissimi, come lo sono da tempo scandalo per i cattolici “semplici”.

Ieri, l’amico e collega Marco Tosatti, sul suo blog Stilum Curiae, ha fatto appello ai Cattolici di discutere di cose seri, i guasti di Bergoglio: «Insisto pertanto nel domandarmi se il mondo cattolico voglia ancora distinguere tra chi è fedele (e a che cosa, e a chi) e chi è infedele (e a che cosa, e a chi); oppure voglia distinguere tra chi è obbediente o disobbediente al Papa, rischiando pertanto di vivere la propria fede secondo Verità o secondo “autorità”».

Poi, punta il dito sui casi Pavone, Rupnik e Martin [QUI] (come esempi del fallimento pastorale con lo scandalo del doppio standard), riportando nella sua traduzione italiana dall’inglese, due commenti dagli Stati Uniti, relativi al caso di Padre Frank Pavone, dimesso dallo stato clericale dalla Santa Sede. Il primo è di Suor Deirdre (Dede) Byrne e il secondo è di Padre Raymond J. de Souza.

Suor (Dede) Byrne è cresciuta nel sobborgo di McLean, in Virginia. Ha frequentato la Langley High School ed in seguito si è diplomata alla Virginia Tech. Successivamente fu accettata alla Georgetown School of Medicine. Nel 1978 Byrne è entrata nell’esercito degli Stati Uniti come studente di medicina ed ha ricevuto una borsa di studio in medicina militare. Dopo tre anni di medicina di famiglia presso l’ospedale dell’esercito americano a Fort Belvoir, in Virginia, ha prestato servizio come ufficiale per 13 mesi nella penisola del Sinai. Qui fungeva da collegamento tra l’esercito americano ed i monaci del monastero di Santa Caterina, situato ai piedi del monte Sinai. In seguito, Byrne si offre volontaria per prestare servizio in Corea per esercitare la medicina di famiglia e di emergenza. Nel 1989, Byrne trascorse un anno svolgendo attività di medicina missionaria in India. Nel 1996, come capo chirurgo, è stata la prima assistente del Cardinale Hickey. Nel 1997 Byrne ha prestato cure mediche a Madre Teresa, quando visitò Washington per cinque giorni. Successivamente, Byrne ha continuato il lavoro a Ventura, in California ed ha completato la sua certificazione in chirurgia nel 2000. Nello stesso anno, è tornata a Washington per discernere l’adesione ai Little Workers of the Sacred Hearts. Nel 2003 ha prestato servizio presso il Walter Reed National Military Medical Center di Washington, nel 2005 a Fort Carson in Colorado, e nel 2008 è stata dispiegata in Afghanistan, dove si è occupata dei cittadini feriti. Nel 2009, dopo essere tornata dall’Afghanistan, Byrne si è ritirata dall’esercito americano con il grado di colonnello. Nel 2022 ha fatto causa a Washington contro l’inoculo del siero contro il COVID-19 per ragioni morali. La Corte distrettuale di Washington, che ha riconosciuto le sue ragioni, ha concesso a Suor Byrne, che fornisce servizi medici gratuiti ai poveri, un’esenzione religiosa per l’inoculo.

Padre Raymond J. de Souza è nato in Canada da genitori nati in Kenya, mentre i suoi nonni provenivano dall’ex colonia portoghese di Goa. È editorialista del quotidiano National Post e caporedattore di Convivium Magazine. Scrive anche per il National Catholic Register e il Catholic Herald. Ha completato un Master in amministrazione pubblica in politiche pubbliche presso la Queen’s University e un master in filosofia in economia dello sviluppo a Cambridge. La sua formazione teologica è stata al St. Philip’s Seminary di Toronto e al Pontificio Collegio Nordamericano e alla Pontificia Università della Santa Croce di Roma. Dal 2016 è Senior Fellow del Massey College presso l’Università di Toronto. È parroco del Sacro Cuore di Maria a Wolfe Island, Ontario, Canada e cappellano della Newman House Catholic Chaplaincy presso la Queen’s University di Kingston, Ontario. Insegna alla Queen’s nel Dipartimento di Economia e precedentemente alla Duncan MacArthur Faculty of Education della Queen’s University.

La potente dichiarazione di Suor Dede Byrne sulla cancellazione di Padre Frank Pavone
Yore Children, 20 dicembre 2022

(Traduzione italiana dall’inglese a cura di Stilum Curiae)

Cari guerrieri della preghiera,

Che cosa è appena successo? Più confusione, ecco cosa è successo. E il diavolo è l’autore della confusione. Il nostro mondo è più turbolento che mai. Il sacerdote più convinto nell’essere a favore della vita è stato laicizzato.

Quale crimine ha commesso per giustificare una punizione così dura?
Sulla scia di questa farsa, abbiamo ancora il Presidente più favorevole alla morte e anti-famiglia nella storia della nostra nazione, che si professa cattolico in regola… senza alcuna gestione reale da parte della maggioranza dei nostri vescovi o del Vaticano.

La confusione è ulteriormente esemplificata dai fedeli cattolici (e dai nostri fratelli e sorelle non cristiani, gli Uiguri) perseguitati in Cina dal Partito Comunista Cinese senza alcun sostegno da parte della nostra leadership cattolica. Il cardinale Zen, che è anche l’ecclesiastico che più si è espresso contro l’accordo tra Partito Comunista Cinese e Vaticano, è stato giudicato colpevole di un’accusa relativa al suo ruolo in un fondo di soccorso per le proteste pro-democrazia di Hong Kong nel 2019. Il Vaticano non ha sollevato alcuna protesta.

Quattro cardinali: Walter Brandmüller, Carlo Caffarra, Joachim Meisner e Burke sono coautori del documento “Cercando chiarezza: Un appello per sciogliere i nodi di ‘Amoris Laetitia’”. Le porte del Vaticano sono rimaste chiuse per loro.

Un sacerdote gesuita è il più grande promotore del comportamento LGBT e il Vaticano lo accoglie a braccia aperte.

Un altro sacerdote della Compagnia di Gesù, p. Marko Rupnik, è stato scomunicato nel 2019 per aver abusato sessualmente di religiose e averle poi assolte in confessione. Tuttavia, a questo stesso sacerdote la Santa Sede ha permesso di creare il logo per l’incontro mondiale delle famiglie del 2022 e gli ha dato il permesso di predicare nel 2020 una meditazione quaresimale per i sacerdoti della Curia romana, compreso Papa Francesco.

Ancora una volta, non so cosa abbia fatto Padre Pavone tale da giustificare la laicizzazione (e ora si aggiunge alla lista crescente dei sacerdoti cancellati), ma ciò che appare a molti di noi cattolici che amano la nostra Chiesa è una “misericordia” selettiva da parte del Papa della Misericordia.

Mi chiedo spesso: “Quando il Figlio dell’uomo verrà, troverà la fede sulla terra?” (Lc. 18, 7-8).

Vi prego di pregare per Padre Pavone e per tutti i nostri cari sacerdoti che sono stati cancellati per aver detto la verità.

Sr. Dede Byrne, POSC

La dimissione dallo stato clericale di Pavone poteva essere evitato
I Cattolici si chiedono perché a Frank Pavone sia stata inflitta una pena così severa, soprattutto quando altri malfattori non vengono dismessi dal sacerdozio
di Padre Raymond J. de Souza
National Catholic Register, 22 dicembre 2022

(Traduzione italiana dall’inglese a cura di Stilum Curiae)

L’anno si è concluso con una doppia dose di notizie angoscianti.

Proprio mentre i cattolici si stavano riprendendo dalla notizia dei “raccapriccianti” abusi commessi dal Padre gesuita Marko Rupnik, aggravati da una spaventosa supervisione da parte dei vertici della Compagnia di Gesù, è arrivato il terremoto della laicizzazione di Padre Frank Pavone.

Pavone, responsabile di Priests for Life, è stato dimesso dallo stato clericale apparentemente su richiesta del Vescovo di Amarillo, Mons. Patrick Zurek. La dimissione è stata approvata da Papa Francesco, il che significa che non è possibile fare appello.

Pavone stesso ha chiesto: “Perché ci è voluto così tanto tempo?”, in risposta alla notizia, dato che il Vescovo Zurek ha cercato di laicizzarlo per più di cinque anni per disobbedienza contumace. Pavone desiderava dedicarsi al lavoro a tempo pieno per Priests for Life, una società laica con sede a Orlando, in Florida, dove vive, piuttosto che lavorare nella diocesi di Amarillo su incarico del Vescovo Zurek. Il vescovo e il sacerdote non sono riusciti a trovare un accordo per molti anni e così il Vescovo Zurek ha chiesto e ottenuto la dimissione di Pavone.

Dato che la dimissione dallo stato clericale è la pena più grave che un sacerdote possa subire – le scomuniche, in confronto, sono destinate a essere revocate dopo il pentimento – i Cattolici si chiedono perché a Pavone sia stata comminata una pena così severa, soprattutto quando altri malfattori non vengono allontanati dal sacerdozio.

Disobbedienza, non lavoro a favore della vita

Pavone ha ripetutamente affermato che la sua dimissione è il risultato del tentativo di “alcuni vescovi” di sopprimere il suo lavoro a favore della vita e che il suo caso è un esempio di persecuzione della causa pro-vita nella Chiesa.

La dichiarazione ufficiale del Dicastero per il Clero ha citato “comunicazioni blasfeme sui social media” e “persistente disobbedienza alle legittime istruzioni del suo vescovo diocesano” come ragioni per il licenziamento di Pavone, notando che gli sono state date molte opportunità per difendersi. Sembra che, a un certo punto, Pavone abbia smesso di partecipare al processo contro di lui – da qui la sua affermazione di aver appreso del suo licenziamento solo quando è stato contattato dalla Catholic News Agency.

L’accusa di blasfemia può essere messa da parte come un diversivo. I sacerdoti non vengono licenziati per aver pronunciato il nome del Signore invano su Twitter, per quanto ciò possa essere disdicevole. La disobbedienza al suo vescovo è il motivo del licenziamento di Pavone.

Cattolici pro-vita molto credibili, pur lamentando la triste fine di questa saga, hanno chiarito che si tratta di disobbedienza, non di lavoro pro-vita. Kathryn Jean Lopez ha detto chiaramente che “non si tratta di aborto”, ma piuttosto di Pavone che, nonostante il bene che ha fatto, è diventato “ribelle”.

Phil Lawler ha scritto che il licenziamento di Pavone era in realtà “atteso”, nonostante il dolore che causerà ai Cattolici che pensano che si stia applicando un doppio standard – i malfattori liberali hanno un lasciapassare, i conservatori vengono cacciati. Lawler scrive: “Sì, ci sono altri sacerdoti – molti altri, in realtà – la cui condotta è stata molto più grave, le cui dichiarazioni pubbliche sono state molto più dannose per la fede. Sì, è doloroso vedere una figura di spicco del movimento pro-vita americano sottoposta a sanzioni disciplinari, mentre altri che minano l’insegnamento morale della Chiesa sono insigniti di onorificenze vaticane. Sì, molte migliaia di Cattolici fedeli hanno perso fiducia nei loro vescovi e vedono un evidente doppio standard nella gestione dei casi disciplinari. Tuttavia, la laicizzazione di Frank Pavone non è un’ingiustizia. Anzi, non dovrebbe essere una sorpresa”.

Perché la disobbedienza è così grave

In un momento in cui la leadership romana sembra determinata a trascinare la Chiesa indietro agli anni ’70, il caso Pavone fa rivivere i ricordi di quel periodo.

Perché l’Arcivescovo Marcel Lefebvre e la sua Società Sacerdotale San Pio X furono sanzionati per la loro posizione “tradizionale”, mentre gli abusi “progressisti” del tipo più spettacolare non lo furono? Le ferite di quell’esperienza hanno richiesto molto tempo per guarire – e in alcuni ambienti stanno ancora sanguinando – e il caso Pavone ne aprirà di nuove.

La chiave è capire il rapporto tra obbedienza e comunione. La Chiesa è in grado di affrontare il peccato, anche quello grave; in un certo senso, è per questo che esiste. C’è il ministero della misericordia. Gli strumenti della giustizia – pene, sanzioni, misure canoniche – sono finalizzati al pentimento e alla conversione.

La disobbedienza persistente e la sfida ai superiori, però, è una questione diversa. Minacciano la stessa comunione che è la vita della Chiesa. “Diventare disonesti”, come dice Lopez, significa essere, in un certo senso, soli o parte di una fazione. La Chiesa non è una fazione, tanto meno un attore di parte.

La Chiesa non è solo una società umana, ma una comunione fondata da Cristo su basi apostoliche. La Chiesa esiste per estendere la misericordia ai peccatori. La grave disobbedienza minaccia l’esistenza della Chiesa. Perciò gli atti che minacciano questa comunione meritano pene severe. Ecco perché l’Arcivescovo Lefebvre è stato scomunicato per aver ordinato vescovi senza il permesso della Santa Sede. Ha rotto la comunione. La sua disobbedienza, dopo aver ricevuto istruzioni specifiche di non procedere, ha minacciato l’unità del suo gregge con la comunione della Chiesa.

Padre Rupnik e Pavone

Troverei difficile stare nella stessa stanza con Padre Marko Rupnik, visto l’evidente mostro morale che è. Il fatto che il padre generale dei gesuiti permetta a un tale mostro di predicare ai suoi compagni, a Papa Francesco, al Cardinale Luis Ladaria e al resto dei prelati della Curia romana, è francamente osceno.

Eppure, Padre Rupnik, se fosse pentito e disposto a fare penitenza per i suoi peccati e crimini, ha un posto non solo nella Chiesa ma anche nel sacerdozio, sebbene senza ministero, in una vita tranquilla di preghiera e penitenza. Sarebbe difficile fare giustizia ed estendere la misericordia, ma si può fare.

Per quanto riguarda Pavone, non avrei problemi a stare in una stanza con lui, anche se non ci siamo mai incontrati. Ammiro molto di ciò che ha fatto per la causa pro-vita, anche se mi dissocio dai suoi eccessi. Tuttavia, un prete “canaglia” è una contraddizione in termini. La sua riduzione è un risultato di sua iniziativa, persino “dovuto”, secondo il giudizio di Lawler.

Fallimento pastorale

Ma la riduzione non è stato causato solo da lui. Anche i vescovi possono abusare della loro autorità, e la necessità dell’autorità in qualsiasi società – una sinfonia, una squadra di calcio, una forza di polizia – non significa che sia esercitata bene. In effetti, Papa Francesco ha ripetutamente richiamato l’attenzione sull'”abuso di potere” e sull'”abuso di ufficio” come gravi tentazioni per i chierici.

Il caso di Pavone – un sacerdote ai ferri corti con il proprio superiore – non è affatto comune, ma nemmeno così raro. Anche con un minimo di buona volontà, i parroci trovano un modo per risolvere la questione.

Si pensi al 2002, quando i superiori dei gesuiti di San Francisco esiliarono Padre Joseph Fessio in una remota casa di cura per punirlo per essersi ostinatamente – ed efficacemente – rifiutato di assecondare l’errore dottrinale e la corruzione morale promossi dai gesuiti in quel luogo. Si trattò di un grave abuso di potere.

Padre Fessio aveva amici potenti. Il Cardinale Joseph Ratzinger disse chiaramente al padre generale a Roma che una simile persecuzione punitiva non poteva essere tollerata. Tuttavia, nemmeno il Cardinale Ratzinger riuscì a restituire a Padre Fessio la sua posizione in California; gli fu invece permesso di assumere un incarico presso l’Università Ave Maria in Florida. La perfidia dei gesuiti in California non è stata completamente annullata. Ma fu trovata una via d’uscita.

Il comportamento di Padre Fessio – che è andato via obbediente – non è come quello di Pavone, ma l’esempio dimostra che si possono trovare soluzioni.

La soluzione Zuhlsdorf

Consideriamo il caso di Padre John Zuhlsdorf. “Padre Z”, come è noto, è un sacerdote americano che è stato ordinato per la diocesi italiana di Velletri-Segni (una delle antiche diocesi “suburbicarie” vicino a Roma). Dopo aver prestato servizio nella Curia romana, Padre Z è tornato negli Stati Uniti. Per un certo periodo ha avuto facoltà nella Diocesi di Madison, nel Wisconsin, e ha diretto la locale Società della Messa Latina. È noto soprattutto per il suo seguitissimo blog.

Tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, Padre Z ha effettuato esorcismi online contro la pandemia – per i quali aveva il permesso del Vescovo di Madison – e in relazione alle denunce di brogli elettorali nelle elezioni presidenziali del 2020. Quest’ultimo non era stato autorizzato dal vescovo, che non lo vedeva di buon occhio. È stato deciso di comune accordo che Padre Z avrebbe lasciato Madison ed è stato ringraziato per il suo buon servizio. Egli rimane in regola come sacerdote di Velletri-Segni, anche se il vescovo Vincenzo Apicella, che è stato vescovo della diocesi fino al suo pensionamento a maggio, ha fatto commenti leggermente denigratori sul blog di Padre Z e non ha dato alcun incarico a Padre Zuhlsdorf.

Padre Z è un sacerdote che non svolge il suo ministero nella sua diocesi, non lo ha fatto per la maggior parte del suo sacerdozio, non vive lì e non ha avuto un incarico dal Vescovo Apicella, che non si è assunto alcuna responsabilità pratica per la sua supervisione. Dopo aver lasciato Madison, non è chiaro se Padre Zuhlsdorf si sia affiliato a qualche altra diocesi americana, sebbene viva ancora negli Stati Uniti.

Tutto questo è ideale? È quello che la Chiesa immagina come rapporto tra vescovo e sacerdote? Chiaramente no. Ma prevale, e sembra che sia accettabile sia per Padre Z che per il Vescovo Apicella. Padre Zuhlsdorf non è stato disobbediente e il Vescovo Apicella è stato indulgente. C’è una certa ecclesialità in questo. La Chiesa ha una certa esperienza nel gestire questi accordi.

Non si sarebbe potuto trovare un accordo con Pavone? Il Cardinale Francis Arinze è il titolare di Velletri-Segni. Non c’era nessuno nella Curia romana che chiedesse al Cardinale Arinze di usare i suoi buoni uffici presso il Vescovo Stefano Russi, successore di Monsignor Apicella, per aggiungere Pavone alla lista degli americani non residenti e non assegnati alla sua diocesi? È difficile credere che non si sia trovato un vescovo che accogliesse Pavone.

Il fallimento pastorale, per il quale Pavone deve assumersi la parte del leone della colpa, è che non è stato possibile trovare una soluzione. E ora la Chiesa soffre. Pavone ha perso il suo ministero sacerdotale e la credibilità dei vescovi subisce un altro colpo. Avrebbe dovuto essere evitato.

151.11.48.50