89ª Giornata per l’Università Cattolica: con le nuove generazioni oltre la crisi

Condividi su...

Domenica 14 aprile si celebra celebrata l’89a Giornata per l’Università Cattolica sul tema ‘Le nuove generazioni oltre la crisi’ e nel messaggio la presidenza della Cei ha scritto: “L’intuizione di Padre Agostino Gemelli, che oltre novant’anni fa, in una fase di rinascita del Paese dopo la prima guerra mondiale, individuava nella creazione di un polo di eccellenza universitaria la risposta più efficace per sostenere le nuove generazioni, appare di straordinaria e rinnovata attualità. Ai giovani offre percorsi di maturazione fondati sull’apertura all’assoluto e sulla ricerca della verità, nella consapevolezza che la fede allarga gli orizzonti della ragione, colloca la scienza nell’alveo del rispetto per il creato e aiuta a essere protagonisti della storia non secondo visioni segnate dal relativismo e da ideologie, ma alla luce del pieno riconoscimento della dignità umana e dell’impegno primario per la costruzione del bene comune… Per questo è necessario che tutta la Chiesa italiana si stringa con maggior forza e partecipazione attorno all’Università Cattolica, sostenendo la sua missione con la preghiera, valorizzandone le innumerevoli attività culturali, orientando i giovani e le famiglie a sceglierla per il suo particolare valore formativo, contribuendo anche materialmente alle sue attività”.

E nello scorso anno grazie a quanto raccolto durante la Giornata per l’Università Cattolica, 1600 studenti hanno potuto beneficiare di borse di studio per merito, scambi in Università straniere e progetti di solidarietà internazionali, corsi di lingua e alta formazione. Sono stati finanziati progetti di ricerca su famiglia, ambiente e lavoro. Inoltre sono stati promossi percorsi formativi e di aggiornamento per operatori di consultori familiari di ispirazione cristiana, attivi sul territorio nazionale, e di quanti operano a servizio della famiglia sia nelle strutture territoriali pubbliche che nell’ambito del terzo settore. Infatti il messaggio della presidenza della Cei ha sottolineato che occorre guardare al futuro e coltivare la speranza, mettendosi al fianco dei giovani: “Mettersi al loro fianco in questo momento richiede un grande impegno di conoscenza e di condivisione sia delle loro aspettative che delle difficoltà che stanno affrontando.

 

Se da sempre questa è la missione dell’Università Cattolica, oggi lo diventa ancora di più perché l’amore verso le nuove generazioni esige di aiutarli a crescere su basi solide, a sviluppare fiducia e consapevolezza nel proprio valore, a trovare la strada per mettere a frutto i propri talenti. Siamo mossi dalla certezza che nonostante le difficoltà ‘è presente nei giovani una grande sete di significato, di verità e di amore. Celebrare la Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore in questo contesto, significa confermare la convinta responsabilità dei cattolici italiani per la formazione dei giovani… L’Università Cattolica, per la sua storia e le sue grandi competenze, può e deve essere un volano di speranza per le nuove generazioni e per il Paese.

Nel qualificarsi come ‘Cattolica’, l’Università del Sacro Cuore trova ulteriori e profonde ragioni del suo odierno impegno a favore dei giovani. Offre loro percorsi di maturazione fondati sull’apertura all’assoluto e sulla ricerca della verità, nella consapevolezza che la fede allarga gli orizzonti della ragione, colloca la scienza nell’alveo del rispetto per il creato e aiuta a essere protagonisti della storia non secondo visioni segnate dal relativismo e da ideologie, ma alla luce del pieno riconoscimento della dignità umana e dell’impegno primario per la costruzione del bene comune”.

E l’assistente ecclesiastico generale, monsignor Claudio Giuliodori, ha spiegato i motivi della Giornata: “Il mondo universitario, per sua natura, costituisce un sensore dello stato sociale particolarmente attento e reattivo. Per questo anche nel celebrare la Giornata si è pensato di dover tematizzare ciò che in questo momento interpella maggiormente il nostro Paese e, in particolare, le nuove generazioni. L’approccio alla crisi, però, vuole essere non arrendevole o di sconforto ma fortemente propositivo per andare ‘oltre’. Già da qualche anno l’Università Cattolica, anche grazie a una specifica ricerca promossa dall’Istituto Toniolo, s’interroga e cerca le vie per reagire positivamente anche a questo momento di pesante crisi che ha una valenza ben più ampia del pur grave fattore economico”.

Per mons. Giuliodori, quindi, l’Università Cattolica è “un luogo di formazione altamente qualificato sia dal punto di vista degli insegnamenti sia per quanto concerne l’accompagnamento degli studenti verso una crescita piena e integrale di tutta la persona. Per questo, oltre a una formazione di alto livello scientifico, ampiamente riconosciuta e apprezzata, l’Università offre anche percorsi per illuminare il sapere con la fede. A sostenere la formazione integrale e la crescita spirituale contribuiscono, in modo particolare, i Centri pastorali presenti in ogni sede e i corsi di teologia inseriti nei programmi di tutte le Facoltà”.

151.11.48.50