Il Papa: un po’ della mia teologia è nella Fraternità di san Carlo Borromeo grazie al nuovo superiore

Condividi su...

Da cardinale Ratzinger ha anche ordinato dei sacerdoti della Fraternità, che ora è cresciuta segno che le vocazioni ci sono, afferma il Papa. Non basta però farle nascere, occorre farle maturare, serve una educazione “fondamentale per la crescita della verità, per la crescita del nostro essere figli di Dio e fratelli di Gesù Cristo.”oggi E se Massimo Camisasca oggi è vescovo di Reggio Emilia e ha lasciato i suoi ragazzi, il suo successore, il nuovo superiore generale, don Paolo Sottopietra, porta un po’ di Ratzinger nella Fraternità, perché ha anche “un po’ ha avuto contatto con la mia teologia” ricorda il Papa- Così, sono contento che io possa essere anche spiritualmente ed intellettualmente con voi e che possiamo reciprocamente fecondare nostro lavoro.”

Il nuovo superiore della Fraternità dei missionari di San Carlo Borromeo, Don Paolo Sottopietra ha 45 anni ed è nato in provincia di Trento. Lo ha eletto l’assemblea generale, riunita a San Lazzaro di Savena.Don Sottopietra ha conseguito un dottorato sul pensiero di Ratzinger all’Università di Eichstätt, in Germania. “La nostra Fraternità- ha detto il neo eletto- nasce per sostenere la missione della Chiesa nel mondo. Continueremo nel solco dell’insegnamento tracciato in questi 27 anni da mons. Massimo Camisasca, in quella esperienza di comunione che abbiamo imparato da don Luigi Giussani e che si esprime per noi nella vita comune in case missionarie. La Fraternità vive di una linfa che le viene da un tronco più antico, il movimento di Comunione e Liberazione. Affido – conclude don Sottopietra –  il mio compito e l’opera di tutta la Fraternità nelle mani del Santo Padre Benedetto XVI”. Il Papa ha ricevuto i 18 sacerdoti, provenienti dalle missioni (Europa, Asia – Oceania, Africa, America del Sud, America del Nord e Centrale), che hanno partecipato all’elezione. All’incontro, oltre al neo eletto, erano presenti anche mons. Massimo Camisasca e il Presidente della Fraternità di Comunione e Liberazione, don Julián Carrón.

 

151.11.48.50