Bagnasco ai politici: il paese ha bisogno di etica

Condividi su...

“La fede non allontana dalla storia, ha a che fare con la vita concreta perché dona il senso ultimo e decisivo del mondo, degli avvenimenti, ma anche dell’impegno e del sacrificio sempre necessari. Offre il volto vero della persona umana, è il fondamento della sua dignità e la garanzia del suo primato, senza il quale non esiste il bene comune, scopo della buona politica”. Lo ha ricordato il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, durante l’omelia della messa per i senatori e i deputati della Repubblica italiana in preparazione al Natale, celebrata a Roma nella chiesa di Santa Maria sopra Minerva. “Viviamo la bella tradizione della Messa prenatalizia in prossimità del Santo Natale – ha esordito il card. Bagnasco -, giorno caro e denso di ricordi e di affetti, ma soprattutto di fede: Dio si è fatto uomo per portarci quella vita senza confini né tempo per la quale ci sentiamo creati.

Gli uomini sanno di non essere fatti per la morte; la loro casa è la felicità non la sofferenza, anche se questa è ineliminabile dall’esistenza terrena. Dimenticare che questa vita è un pellegrinaggio verso il Cielo, può alterare la percezione delle cose, la loro natura e il loro valore, fino ad adulterare prospettive e impegno. Quando nella coscienza il tempo si restringe su se stesso e si appiattisce sul presente, rischiamo di perderne anche la densità”.“Ovunque nel pianeta – ha detto il presidente della Cei – il Natale è accompagnato da una festa di luci: al di là di religioni e culture, il mondo vede nel Natale una pausa d’intimità, quasi un ritorno a un’infanzia felice, a un mondo perduto ma sempre desiderato.

Ma possiamo ancora credere alle luci? Ha senso oggi vedere delle luci in mezzo alle ombre che sovrastano persone, popoli e Nazioni? Possiamo guardare al domani con vigore di fiducia e coraggio d’impegno?”. A questi interrogativi, ha proseguito, “risponde la luce di tanta gente seria e buona, della sua dignità che ispira comportamenti virtuosi e che attende, esigendoli, stili e scenari corrispondenti”.

Per il card. Bagnasco, “la dimensione politica, ispirata da un forte impianto etico, è elemento imprescindibile della vita di ogni Paese, della democrazia; e dobbiamo onorare quanti – non sono pochi – fanno il loro dovere con spirito di autentico servizio, prodigandosi non per interessi personali o di parte, ma per la giustizia che assicura a tutti e a ciascuno le condizioni per realizzare il bene. Al mondo politico il nostro popolo oggi guarda con ragionevole esigenza; che questo sguardo sia sempre più esigente e mai rassegnato”.

 

Fonte: SIR

151.11.48.50