Caso Rupnik/Ruffini. Il Cardinal O’Malley chiede ai Dicasteri della Curia Romana di non esporre opere dei presunti abusatori

AP video
Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 29.06.2024 – Vik van Brantegem] – The Associated Press ha diffuso oggi un AP video di Veronica Andrea Sauchelli della durata di 3’59” [QUI], con la descrizione del contenuto e una nota di background, che riportiamo di seguito. In questa nota si fa nuovamente riferimento al caso di Dott. Paolo Ruffini, Prefetto del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede che – definito da Luigi Casalini sul blog MiL-Messainlatino.it [QUI] “un nuovo vergognoso difensore di Rupnik” – che ha difeso l’uso dell’opera del sacerdote sloveno Marko Ivan Rupnik da parte dei media vaticani, in risposta alle domande dei giornalisti in occasione del suo intervento alla Catholic Media Conference in Atlanta, lo scorso 21 giugno.

Vatican News ha continuato ad utilizzare le immagini dei lavori di Rupnik nel calendario liturgico online [QUI]. Una scelta su cui il giornalista britannico Damian Thompson più volte ha incalzato il Dicastero per la Comunicazione senza ottenere spiegazioni. L’editorialista di The Spectator e autore del podcast Holy Smoke ha anche messo in evidenza sul suo profilo X [QUI], come tra i funzionari del Dicastero ci sia Nataša Govekar, Direttore teologico-pastorale del Dicastero, coautrice di libri con Rupnik e che con lui ha condiviso il lavoro nel Centro Aletti. In un commento su X Damian Thompson ha scritto: «Ciò che è particolarmente preoccupante nell’arte di Rupnik – a parte la sua mediocrità – è che illustra la sua teologia personale, che ora sappiamo essere satanicamente distorta».

The Associated Press osserva che i commenti di Ruffini hanno scioccato le vittime e apparentemente hanno spinto l’Arcivescovo metropolita di Boston, Cardinale Sean Patrick O’Malley, Presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori a inviare una lettera a tutti Dicasteri della Curia Romana, dicendo che sperava che “la prudenza pastorale eviti di esporre opere d’arte in un modo che possa implicare l’esonero o una difesa subdola” dei presunti autori di abusi. “Dobbiamo evitare di inviare il messaggio che la Santa Sede sia ignara del disagio psicologico che così tante persone soffrono”, ha scritto il Cardinal O’Malley a nome della Commissione il 26 giugno scorso.

IL CARDINALE O’MALLEY ESORTA “PRUDENZA PASTORALE”
28 giugno 2024
Il Presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, Cardinale Sean O’Malley, ha scritto ai Dicasteri della Curia Romana per esprimere l’auspicio che in questo periodo “la prudenza pastorale eviti di esporre le opere d’arte in modo tale da implicare sia esonero o una difesa subdola” dei presunti autori di abusi “o indicano indifferenza al dolore e alla sofferenza di così tante vittime di abusi”.
“Dobbiamo evitare di inviare il messaggio che la Santa Sede sia ignara del disagio psicologico che tanti soffrono”, ha affermato il Cardinale nella lettera inviata a nome della Commissione ai superiori della Curia il 26 giugno.
Negli ultimi mesi, vittime e sopravvissuti ad abusi di potere, abusi spirituali e abusi sessuali si sono rivolti alla Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori per esprimere la loro crescente frustrazione e preoccupazione per il continuo utilizzo delle opere d’arte di Padre Marko Rupnik da parte di diversi uffici vaticani, compreso il Dicastero per la Comunicazione.
Attualmente, il Dicastero per la Dottrina della Fede sta indagando sulle accuse di abusi psicologici e sessuali su diverse donne consacrate da parte di Padre Rupnik, che è stato dimesso dalla Compagnia di Gesù nel giugno 2023.
Nella sua lettera, il Cardinale O’Malley ha affermato che, mentre la presunzione di innocenza durante tale indagine dovrebbe essere rispettata, la Santa Sede e i suoi uffici devono “esercitare una saggia prudenza pastorale e compassione verso coloro che sono danneggiati da abusi sessuali clericali”.
“Papa Francesco ci ha esortato a essere sensibili e a camminare in solidarietà con coloro che sono danneggiati da ogni forma di abuso. Vi chiedo di tenerlo presente nella scelta delle immagini che accompagneranno la pubblicazione di messaggi, articoli e riflessioni attraverso i diversi canali di comunicazione a nostra disposizione”, ha scritto il Cardinale [Tutelaminorum.org – Nostra traduzione italiana dall’inglese].

Del caso Rupnik/Ruffini abbiamo riferito ieri [QUI], riportando anche l’articolo Donne che affermano di aver subito abusi da parte dell’artista ex Gesuita chiedono ai vescovi cattolici di rimuovere i suoi mosaici di Nicole Winfield per The Associated Press.

Sul caso ha osservato il National Catholic Register in un articolo del 25 giugno 2024 [QUI]: «È stato un bel colpo per la Catholic Media Association far sì che il Prefetto del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede [e la EWTN lo sponsorizzasse] tenesse un discorso programmatico durante la conferenza annuale dell’organizzazione ad Atlanta. Col senno di poi, Paolo Ruffini probabilmente avrebbe preferito rimanere a Roma.
Il vistoso uso dell’arte di Rupnik da parte del Dicastero per la Comunicazione, a prescindere dalle motivazioni interne alla Santa Sede, appare al mondo esterno come scioccante e indifendibile alla luce della lunga lotta della Chiesa con la crisi degli abusi sessuali, compresi quelli sugli adulti.
Per il Dicastero per la Comunicazione non è un grosso problema logistico smettere di usare le opere di Rupnik. Non manca alla Chiesa Cattolica un tesoro di magnifica arte sacra. Con un semplice clic del mouse, lo staff di Ruffini può accedere ai capolavori di Michelangelo, Raffaello, Bernini, da Vinci – l’elenco è lungo. Decidere di presentare altri artisti non comunica nulla sulla colpevolezza o l’innocenza di Rupnik. La scelta ripetuta di promuovere la sua arte, invece, suggerisce a molti che il Dicastero stia cercando di inviare un qualche tipo di messaggio. Questo pone un’altra domanda precisa: la Santa Sede riesce a fare qualcosa di giusto quando si tratta di Rupnik?».

Un consigliere importante del Papa e delle donne che affermano di aver subito abusi da parte dell’artista ex Gesuita chiedono la rimozione dei mosaici
The Associated Press, 29 giugno 2024

(Nostra traduzione italiana dall’inglese)

Contenuto del AP video
28 giugno 2024

1. Ripresa video del mosaico di Don Marko Rupnik sulla facciata della cchiesa di Nostra Signora del Santissimo Sacramento e dei Martiri Canadesi a Roma
2. Dettaglio del mosaico di Rupnik
3. Metà del mosaico di Rupnik sulla facciata
4. Dettaglio delle facce del mosaico di Rupnik
5. Ripresa video della chiesa
6. Suor Samuelle, presunta vittima di abusi da parte di Marko Rupnik: “Oggi come posso essere in pace davanti a certi mosaici di cui ricordo vividamente certe cose? Davanti a quella Madonna, o in quella chiesa, o in quell’altro luogo so che Rupnik, appena ebbe finito questo pezzo di mosaico, si avvicinò e cominciò a toccarmi la schiena. Come posso guardare in pace questi mosaici oggi? Come posso vedere l’immagine di Dio senza ricordare la violenza di questi gesti e la violenza psicologica e le pressioni di Rupnik? Non posso”.
7. Dettaglio di una Madonna nel mosaico della chiesa
8. Gloria Branciani, presunta vittima di abusi da parte di Marko Rupnik: “Questa lettera è una richiesta, una richiesta espressa. Stiamo cercando di sensibilizzare le diocesi dove si trovano le opere emotivi più importanti. Chiediamo che queste opere di Rupnik vengano rimosse perché sono collegate ad esperienze che ricordano a me, e sicuramente a molti altri, gli abusi subiti. Conosco personalmente più di altre 25 persone coinvolte”.
9. Primo piano degli occhi di Gloria Branciani
10. Ripresa centrale delle mani di Branciani
11. Campo medio della facciata della chiesa con mosaico di Rupnik a Roma
12. Mirjam Kovač, presunta vittima degli abusi di Marko Rupnik: “Dietro questa denuncia vedo soprattutto molte persone che hanno subito abusi e molte persone che potrebbero ancora subirli, e noi vogliamo impedirlo. Ho un forte desiderio che attraverso la nostra testimonianza, le persone potranno rendersene conto prima che sia troppo tardi”.
13. Inquadratura centrale di un dettaglio del mosaico di Rupnik
14. Gloria Branciani, presunta vittima degli abusi di Marko Rupnik: “La seconda lettera pubblicata oggi è del Cardinale O’Malley della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori. Questa è stata davvero una sorpresa, una bellissima sorpresa, perché ci è sembrata come se la Chiesa si muovesse con noi. Sembrava quasi orchestrata, ma lo abbiamo vissuto come un rafforzamento positivo della nostra scelta”.
15. Inquadratura di Gloria Branciani, Mirjam Kovač e Suor Samuelle che parlano insieme
16. Inquadratura di Mirjam Kovač con Suor Samuelle durante una videochiamata sullo sfondo
17. Primo piano di una colomba nel mosaico di Marko Rupnik
18. Primo piano di una croce sulla chiesa
19. Il mosaico della chiesa di Nostra Signora del Santissimo Sacramento in Roma

Nota di background

Lo scandalo di un famoso artista ex Gesuita accusato di aver abusato psicologicamente, spiritualmente e sessualmente di donne adulte è giunto al culmine venerdì [28 giugno 2024] dopo che alcune delle sue presunte vittime e il Consigliere anti-abuso del Papa hanno chiesto che le sue opere non fossero promosse o esposte.

Le singole iniziative hanno sottolineato come il caso di Don Marko Rupnik, i cui mosaici abbelliscono alcuni dei santuari e dei santuari più visitati della Chiesa Cattolica, continui a causare grattacapi alla Santa Sede e a Papa Francesco, che come Gesuita è stato coinvolto nello scandalo.

Venerdì scorso [28 giugno 2024], cinque donne che affermano di aver subito abusi da parte di Rupnik hanno inviato lettere ai vescovi cattolici di tutto il mondo chiedendo loro di rimuovere i suoi mosaici dalle loro chiese, affermando che la loro continua esposizione nei luoghi di culto era “inappropriata” e ritraumatizzante per le vittime.

Separatamente, il Cardinale Sean O’Malley, Presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori, ha inviato la sua lettera esortando gli uffici vaticani a interrompere l’esposizione delle opere di Rupnik. Secondo lui l’uso continuato delle opere ignora il dolore delle vittime e potrebbe implicare una difesa del sacerdote sloveno.

I messaggi su due fronti sono stati diffusi dopo che il massimo funzionario della comunicazione della Santa Sede ha difeso con forza l’utilizzo delle immagini delle opere d’arte di Rupnik sul sito web di Vatican News, insistendo sul fatto che non causavano danni alle vittime e che era una risposta Cristiana.

Lo scandalo Rupnik è esploso pubblicamente per la prima volta alla fine del 2022, quando l’ordine religioso dei Gesuiti ha ammesso di essere stato scomunicato brevemente per aver commesso uno dei crimini più gravi della Chiesa Cattolica: usare il confessionale per assolvere una donna con la quale aveva avuto un rapporto sessuale.

Il caso continuò a creare problemi ai Gesuiti e a Papa Francesco, poiché un’altra dozzina di donne si fecero avanti dicendo che anche loro erano state vittime di Rupnik. Inizialmente la Santa Sede si rifiutò di procedere, sostenendo che le accuse erano troppo vecchie.

Tuttavia, dopo aver ascoltato altre vittime, i Gesuiti espulsero Rupnik dall’ordine e Papa Francesco – sotto pressione a causa del sospetto che avesse protetto il suo confratello Gesuita – rinunciò ai termini di prescrizione in modo che la Santa Sede potesse aprire un vero e proprio processo canonico.

Ad oggi, Rupnik non ha risposto pubblicamente alle accuse e si è rifiutato di rispondere ai suoi superiori Gesuiti durante le indagini. I suoi sostenitori dello studio d’arte Centro Aletti hanno denunciato quello che hanno definito un “linciaggio” mediatico.

Alcune delle donne che affermano di essere state vittime di Rupnik dicono che l’abuso è avvenuto durante la creazione dell’opera d’arte stessa, rendendo i mosaici risultanti un ricordo traumatico e innescante di ciò che hanno sopportato. Una suora ha detto di aver subito abusi sull’impalcatura mentre veniva installato un mosaico in una chiesa, un’altra mentre posava come modella.

“Nonostante gli anni trascorsi, il trauma che ciascuno ha subito non è stato cancellato e rivive alla presenza di ciascuna delle opere di Don Rupnik”, si legge nella lettera. È stato inviato ai vescovi dal Brasile al Libano e alle diocesi intermedie che contengono cappelle, chiese o basiliche che ospitano alcuni dei 230 mosaici di Rupnik.

Il processo vaticano contro Rupnik è in corso e molti difensori di Rupnik in Vaticano e altrove affermano che è importante sospendere il giudizio finale finché la Santa Sede non avrà preso la sua decisione.

Ma lo scandalo è riemerso la settimana scorsa quando al Prefetto del Dicastero per le Comunicazioni della Santa Sede, Paolo Ruffini, è stato chiesto in una Catholic Media Conference perché il sito web di Vatican News continua a presentare l’immagine di un mosaico di Rupnik.

Ruffini ha difeso l’uso dell’immagine, dicendo che non era nella posizione di giudicare Rupnik e che nella storia della civiltà “rimuovere, cancellare o distruggere l’arte non è mai stata una buona scelta”.

Quando è stato sottolineato che non aveva menzionato l’impatto che avrebbe avuto sulle vittime la visione dell’opera d’arte di Rupnik promossa dalla Santa Sede, Ruffini ha osservato che le donne non erano minorenni e che, sebbene “la vicinanza alle vittime sia importante, questo (rimuovere l’opera d’arte) non è il modo di guarire”.

Quando la giornalista Paulina Guzik di Our Sunday Visitor News ha suggerito il contrario, Ruffini ha detto: “Penso che tu abbia torto. Penso che tu abbia torto. Penso davvero che tu abbia torto”.

I suoi commenti hanno scioccato le vittime e apparentemente hanno spinto il Cardinal O’Malley a inviare una lettera a tutti i Dicasteri della Curia Romana dicendo che sperava che “la prudenza pastorale eviti di esporre opere d’arte in un modo che possa implicare l’esonero o una difesa subdola” dei presunti autori di abusi.

“Dobbiamo evitare di inviare il messaggio che la Santa Sede sia ignara del disagio psicologico che così tante persone soffrono”, ha scritto O’Malley a nome della commissione il 26 giugno.

Le cinque donne hanno fatto eco al suo messaggio nella loro stessa lettera. “Sia chiaro: questa missiva non costituisce un giudizio sulle opere di padre Rupnik, ma semplicemente una riflessione sull’opportunità della loro presenza negli spazi consacrati, dedicati a Nostro Signore”, si legge nella lettera.

Hanno detto che non volevano pregiudicare l’esito del processo canonico del Vaticano né chiedere la distruzione dei mosaici. Hanno chiesto che siano allontanati dai luoghi di preghiera, in segno di rispetto per le vittime e per gli stessi spazi sacri, affinché “non gettino ombra sulla spiritualità dei fedeli”.

Per i difensori delle vittime, lo scandalo Rupnik e i commenti di Ruffini sono la prova continua che la Chiesa in generale, e la Santa Sede in particolare, liquidano continuamente gli abusi sulle donne adulte come meri comportamenti peccaminosi da parte dei sacerdoti, piuttosto che come abusi traumatici che le colpiscono per tutta la vita.

“L’uso continuato dell’arte di Rupnik è incredibilmente doloroso per molti sopravvissuti agli abusi, che vedono questo come emblematico di una continua mancanza di preoccupazione per i bisogni di tutti i sopravvissuti”, ha detto in un’e-mail Sara Larson, Direttore esecutivo di Awake, un’organizzazione di sostegno e difesa dei sopravvissuti.

La rimozione dei mosaici, tuttavia, non è cosa semplice poiché alcuni ricoprono intere facciate di basiliche (Lourdes, Francia); interi interni (la cappella Redemptoris Mater del Vaticano); o, nel caso del santuario di San Padre Pio nel sud Italia, l’intera chiesa più piccola dorata dal pavimento al soffitto.

Altre chiese hanno mosaici su scala più piccola ma sono comunque importanti. I mosaici progettati da Rupnik all’interno della basilica della Santissima Trinità a Fatima, in Portogallo, sono così parte integrante della sua importanza artistica e iconografica che il santuario sta cercando di diventare patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Ma altre chiese si stanno riconsiderando. Il Vescovo Jean-Marc Micas, la cui diocesi comprende il santuario di Lourdes, in Francia, ha annunciato lo scorso anno la creazione di un gruppo di studio per considerare cosa fare con i mosaici di Rupnik. Ha agito dopo che le vittime hanno inviato lettere chiedendo un “gesto” da Lourdes e descrivendo i mosaici di Rupnik come un’ulteriore fonte di dolore mentre cercano la guarigione dai loro abusi. Si attende presto una decisione.

Articolo precedente

Lo scandalo Rupnik. Il Prefetto del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede difendo l’uso dell’arte di Rupnik sui media vaticani – 28 giugno 2024 [QUI]

151.11.48.50