Il Papa: chiediamo ai martiri di insegnarci ad essere cristiani concreti

Condividi su...

Prima della recita della preghiera dell’ Angelus il Papa ha ricordato la beatificazione dei cinquecento martiri, uccisi per la loro fede durante la guerra civile spagnola degli anni Trenta del secolo scorso. “Lodiamo il Signore per questi suoi coraggiosi testimoni- ha detto -” e per loro intercessione supplichiamolo di liberare il mondo da ogni violenza.”

Per l’ occasione il Papa ha preparato un video messaggio in cui spiega chi sono i martiri: “ Sono cristiani conquistati da Cristo, discepoli che hanno imparato bene quel “amare fino all’estemo” che ha portato Gesù fino alla Croce.”  Perchè, spiega il Papa non esiste amore a porzioni, l’amore è totale. E ad ha aggiunto “Cristo ci precede nell’amore e i martiri lo hanno imitato nella croce”.

Poi aggiunge, dobbiamo sempre uscire da noi e aprirci a Cristo, non dobbiamo essere cristiani mediocri ede egosti, dobbiamo essere battezzati fedeli e chiedere la intercessione dei martiri per essere cristiani concreti di fatti e non di parole.

Il Papa prima dell’ Angelus ha salutato diversi gruppi presenti tra cui i giovani di Roma che nei giorni scorsi si sono impegnati nella missione “Gesù al centro”: siate sempre missionari del Vangelo, ogni giorno e in ogni luogo!

Poco prima Papa Francesco aveva letto la preghiera di affidamento a Maria davanti alla immagine della Vergine che viene conservata nel santuario di Fatima: “con rinnovata gratitudine per la tua presenza materna uniamo la nostra voce a quella di tutte le generazioni  che ti dicono beata (…) Insegnaci il tuo stesso amore di predilezione per i piccoli e i poveri, per gli esclusi e i sofferenti, per i peccatori e gli smarriti di cuore (…) Raduna tutti sotto la tua protezione  e tutti consegna al tuo diletto Figlio, il Signore nostro Gesù”.

151.11.48.50