14 aprile 1984–14 aprile 2024: 40 anni dal primo raduno dei giovani in Piazza San Pietro

Logo
Condividi su...

[Korazym.org/Blog dell’Editore, 09.04.2024 – Vik van Brantegem] – Per celebrare i 40 anni dal primo raduno dei giovani in Piazza San Pietro, convocato da San Giovanni Paolo II nell’Anno Santo della Redenzione, il Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo, con il patrocinio del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, e della Fondazione Giovanni Paolo II per la Gioventù, organizza due giornate dedicate al ricordo e all’attualità di quello che fu il seme delle Giornate Mondiali della Gioventù.

Sabato 13 aprile 2024 alle ore 18.00 partirà una processione con la Croce dei Giovani da Piazza San Pietro verso il Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo, presso la chiesa di San Lorenzo in Piscibus, in via Padre Pancrazio Pfeiffer 24 a Roma, dove alle ore 19.00 verrà celebrata una Santa Messa presieduta dal Prefetto del Dicastero per la Cultura e l’Educazione, il Cardinale José Tolentino de Mendonça. Seguirà “Rise up”, una veglia di preghiera e di adorazione della Croce, che concluderà la giornata.

Domenica 14 aprile 2024, nell’anniversario del primo raduno dei giovani, alle ore 18.15 verrà celebrata la Santa Messa presieduta dal Prefetto del Dicastero per il Clero, il Cardinale Lazarus You Heung-sik. Seguirà un momento di testimonianze a concludere la commemorazione.

La presenza dei Cardinali José Tolentino de Mendonça e Lazarus You Heung-sik vuole simbolicamente creare un ponte tra l’ultima GMG di Lisbona 2023 e la prossima GMG di Seoul 2027.

Infine, i giovani del Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo – in vista dell’Anno Santo 2025 – intendono incoraggiare i loro coetanei a ripartire, con la preghiera e la fraternità, dall’annuncio cristiano come speranza per tutti. Papa Francesco, nel Messaggio pubblicato lo scorso 25 marzo, nel V anniversario della Esortazione apostolica post-sinodale Christus Vivit, ricorda infatti che «nell’attuale contesto Internazionale (…) segnato da tanti conflitti, da tante sofferenze, posso immaginare che molti di voi si sentano scoraggiati. Perciò desidero ripartire insieme a voi dall’annuncio che sta a fondamento della speranza per noi e per l’intera umanità: “Cristo vive!”».

Tra il 1983 e il 1984, nel 1950° anniversario della Risurrezione di Gesù, si tenne a Roma l’Anno Santo della Redenzione. Nel programma fu inserito il Giubileo internazionale della gioventù in prossimità della Domenica delle Palme: era il 14 aprile 1984 e, in quell’occasione trecentomila giovani provenienti da tutto il mondo giunsero in città, ospitati da circa seimila famiglie romane per il primo raduno dei giovani.

Nell’occasione, Papa Giovanni Paolo II consegnò una croce di legno ai giovani per simboleggiare «l’amore del Signore Gesù per l’umanità e come annuncio che solo in Cristo morto e risorto c’è salvezza e redenzione». Da allora, la Croce dei Giovani è diventata simbolo delle successive Giornate Mondiali della Gioventù. Dal 2003, alla Croce si è unita l’Icona della Salus Populi Romani, ancora una volta donata da Papa Giovanni Paolo II.

I due simboli sono custoditi nel Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo e sono portati in pellegrinaggio nelle diocesi cattoliche di tutto il mondo in vista delle Giornate Mondiali della Gioventù internazionali, nelle quali sono sempre presenti.

Per ulteriori informazioni: Fabiola e Tiago, Responsabili del Centro Internazionale Giovanile San Lorenzo – email.

151.11.48.50