Tag Archives: terremoto

Haiti allo stremo dopo il sisma

La Presidenza della CEI ha invitato a pregare, domenica 22 agosto in tutte le parrocchie, per la pace in Afghanistan e per le vittime del terremoto di Haiti, dove il sisma di sabato scorso ha provocato numerosi morti, feriti e ingenti danni materiali. Caritas Italiana si trova nel Paese dal 2010, dopo che un altro grave sisma di magnitudo 7.0 colpì la capitale Port-au-Prince, causando più di 200.000 vittime.

Mons. Pompili invita ad una rapida ricostruzione

A 5 anni dal sisma che il 24 agosto del 2016 provocò 299 vittime ad Amatrice e Arquata del Tronto, sono tornati nel pensiero del vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili, i ricordi del dolore ma anche la speranza di una riedificazione esterna, individuale e come comunità: in quel giorno, alle ore 3.36, un terremoto di magnitudo 6.0 devastò Amatrice e Accumoli, nel Reatino, e Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno, in particolare la frazione di Pescara del Tronto che venne totalmente schiacciata sotto le macerie.

Papa Francesco spiega i motivi di san Paolo contro l’ipocrisia

“Saluto altresì i fedeli di Montegallo, che il 24 agosto di 5 anni fa sono stati colpiti dal terremoto. Cari fratelli e sorelle, la vostra presenza mi offre l’occasione per volgere il mio pensiero alle vittime e alle comunità dell’Italia centrale, tra cui Accumoli e Amatrice, che hanno subito le dure conseguenze di quell’evento sismico. Con il concreto aiuto delle Istituzioni, è necessario dare prova di ‘rinascita’ senza lasciarsi abbattere dalla sfiducia. Esorto tutti ad andare avanti con speranza. Coraggio!”

A Tolentino accesa la fiaccola di santa Rita

Per il 63° anno, dopo la pausa dello scorso anni dovuto alla pandemia, la fiaccola di Santa Rita da Cascia è stata accesa a Tolentino, nei giorni scorsi. Infatti le due Comunità hanno rinnovato i loro vincoli di amicizia e fraternità nel nome di san Nicola e di santa Rita, unendo, ancora una volta Tolentino e Cascia.

Roberta e Valentino (Comunità Papa Giovanni XXIII) ringraziano per la nuova casa

Durante le vacanze natalizie ha riaperto a Tolentino, dopo il sisma del 2016, la nuova Casa famiglia della comunità Papa Giovanni XXIII, ‘Nostra Signora della Pace’, dei coniugi Roberta Vitali e Valentino Nobili, in contrada Pianibianchi, a metà strada tra il Ponte del Diavolo e il lago delle Grazie, grazie anche alle offerte che sono arrivate da tutta Italia, pari a circa € 600.000.

Il card. Petrocchi ricorda che gli aquilani sono popolo

Ancora una volta L’Aquila, con i 56 comuni, si è ritrovata, a 12 anni dall’evento, a ricordare nel silenzio della notte i morti sotto le macerie, mentre ancora la completa ricostruzione è ancora lontana. Ed anche quest’anno nessuna fiaccolata per le misure anti-Covid in atto, ma 309 rintocchi di campane e l’accensione di un braciere nei pressi della chiesa, acceso da un vigile del fuoco, Francesca Di Nino.

Papa: la preghiera è riconoscere la Grazia

“Ieri un terremoto ha provocato vittime e danni ingenti in Croazia. Esprimo la mia vicinanza ai feriti e a chi è stato colpito dal sisma e prego in particolare per quanti hanno perso la vita e per i loro familiari. Auspico che le Autorità del Paese, aiutate dalla Comunità internazionale, possano presto alleviare le sofferenze della cara popolazione croata”.

Terremoto in Irpinia: non dimenticare dopo 40 anni

“Desidero inviare un pensiero speciale alle popolazioni della Campania e della Basilicata, a quarant’anni dal disastroso terremoto, che ebbe il suo epicentro in Irpinia e seminò morte e distruzione. Quarant’anni già! Quell’evento drammatico, le cui ferite anche materiali non sono ancora del tutto rimarginate, ha evidenziato la generosità e la solidarietà degli italiani. Ne sono testimonianza tanti gemellaggi tra i paesi terremotati e quelli del nord e del centro, i cui legami ancora sussistono. Queste iniziative hanno favorito il faticoso cammino della ricostruzione e, soprattutto, la fraternità tra le diverse comunità della Penisola”.

Il Centro Italia ricorda il terremoto del 2016

“Domani si compiono anche quattro anni dal terremoto che ha colpito l’Italia Centrale. Rinnovo la preghiera per le famiglie e le comunità che hanno subito maggiori danni, perché possano andare avanti con solidarietà e speranza; e mi auguro che si acceleri la ricostruzione, affinché la gente possa tornare a vivere serenamente in questi bellissimi territori dell’Appennino”: così nell’Angelus di ieri papa Francesco ha ricordato il terremoto che nel 2016 colpì l’Italia centrale.

Dall’Abbadia di Fiastra una sfida culturale contro il coronavirus

‘Ora et Labora’ e ‘Cruce et aratro’: queste sono le regole fondamentali di vita che hanno, da sempre, ispirato e guidato il lavoro dei Cistercensi dell’Abbazia di Chiaravalle di Fiastra, in provincia di Macerata, che dal sisma del 2016 non ci sono più; ma hanno lasciato un patrimonio inestimabile che ha impreziosito il valore fondamentale del territorio maceratese.

89.31.72.207