Tag Archives: scuola

Kaladich (presidente Fidae): si rinnovi il linguaggio nella scuola

“La Fidae guarda con interesse al Piano Scuola per l’estate varato dal Ministero dell’Istruzione dove c’è anche una linea di finanziamento per i progetti delle Scuole Paritarie. Certo, ci sarebbe piaciuto che anche le altre due linee di finanziamento fossero state accessibile alle scuole paritarie che, per legge, fanno parte del sistema integrato d’Istruzione, ma vogliamo guardare il bicchiere mezzo pieno e quindi da subito ci rimbocchiamo le maniche per presentare dei progetti utili agli studenti che vengono da due anni scolastici molto complicati”.

Allarme alcol per i giovanissimi al tempo del lockdown

“Il tema prevalente e trasversale che deve essere considerato nella Relazione al Parlamento di quest’anno, è il profondo impatto prodotto dall’epidemia COVID-19 sui mercati delle sostanze, sulle modalità e le tendenze del consumo, sulle attività di riduzione della domanda e dell’offerta, sugli assetti stessi dei servizi sociosanitari e socioeducativi. La produzione e il traffico di stupefacenti sembrano essersi rapidamente adattati alle restrizioni connesse alla pandemia.

A Rimini il meeting ritorna dal vivo: ‘Il coraggio di dire io’

Il Meeting di Rimini, giunto quest’anno alla sua quarantaduesima edizione, si terrà di nuovo in presenza presso la Fiera di Rimini, dal 20 al 25 agosto, con il titolo ‘Il coraggio di dire io’, citazione tratta da un testo del filosofo danese Kierkegaard, ricco di tavole rotonde, confronti e iniziative culturali verrà trasmessa anche in diretta su più canali digitali e in più lingue, proponendosi come momento di riflessione e di ripartenza globale nello scenario della faticosa uscita dalla pandemia, aperto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

A proposito del ddl Zan nel rispetto della Costituzione italiana

Nei giorni scorsi durante la riunione dei capigruppo di maggioranza sul ddl Zan non è stato trovato alcun accordo e quindi il Senato ha confermato la calendarizzazione della legge sull’omofobia oggi  alle ore 16,30 dopo mesi di dibattito senza approdare ad una sintesi.

Cittadinanzattiva offre la parola ai giovani sul coronavirus

“In Italia vivono quasi 10.000.000 di bambini e bambine, ragazze e ragazzi al di sotto di 18 anni. Definire un’età parlando di adolescenza non è facile. Nazioni Unite ed Unicef considerano adolescenti tutti coloro che hanno dai 10 ai 19 anni di età. In Italia convenzionalmente, e lo faremo anche nel caso di questa Survey, consideriamo adolescenti coloro che frequentano la scuola secondaria di II grado e che dunque vanno dai 14 ai 19 anni. Sono oltre 3.000.000”.

Il Sermit racconta il mondo al tempo del Covid 19

Il Sermit di Tolentino, da quasi 30 anni, si prende cura delle persone più fragili: dalle adozioni a distanza alla distribuzione di cibo e vestiario, un servizio che può contare su 38 volontari di cui 15 più attivi, che raccontano le storie di persone aiutate in India, in Medio Oriente, in Africa ed in Brasile. Ve ne raccontiamo due.

Parole O_Stili e Istituto Toniolo: nella dad gli studenti hanno chattato, guardato i social e cucinato

“Dopo un anno di didattica a distanza, oltre il 40% degli studenti ha percepito un peggioramento nelle proprie attività di studio e il 65% fatica a seguire le lezioni. Il 96% durante la Dad ha chattato con i compagni, l’89% è stato sui social media, l’88% ha consumato cibo e il 39% ha cucinato”: è quanto emerge da una ricerca di ‘Parole O_Stili’ e Istituto Toniolo, condotta con il supporto tecnico di Ipsos, su oltre 3.500 studenti della scuola secondaria di secondo grado e su circa 2.000 insegnanti della scuola primaria e secondaria.

Scuole chiuse: gli adulti ‘massacrano’ i figli

Qualunque sia il cambio di colore in Italia si ricorre ad una soluzione facilmente attuabile, chiudendo le scuole, con la conseguenza di ‘rovinare’ gli studenti e di non rendere applicabile le garanzie tutelate dalla Costituzione della Repubblica italiana, quasi che scuola e studenti fossero colpevoli di questa pandemia, come nuovi ‘monatti’ di manzoniana memoria, costretti in didattica a distanza attraverso incredibili insulti sui social media, che tradiscono l’egoismo di chi ha avuto tutto nella vita senza un minimo di sacrificio.

Aprite le scuole!

Le scuole forse riaprono a fine mese, oppure no. Forse saranno in presenza, oppure no. Forse i trasporti saranno sufficienti, oppure no. Mesi di discussione tra Stato e Regioni senza nessuna risoluzione; studenti ed insegnanti, giustamente, reclamano i loro diritti. Comunque tra domani ed il 1 febbraio in presenza al 50%, se i possibili ricorsi al TAR lo consentono.

Durante il coronavirus la preparazione scolastica è peggiorata

Le vacanze natalizie sono terminate, ma non tutti gli studenti sono potuti ritornare nelle aule, come emerge dall’indagine ‘I giovani ai tempi del Coronavirus’, condotta da IPSOS per ‘Save the Children’, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per difendere i bambini a rischio e garantire loro un futuro, su un campione di adolescenti tra i 14 e i 18 anni, che sono stati intervistati per comprendere le loro opinioni, stati d’animo e aspettative.

89.31.72.207