Tag Archives: Provvidenza

Card. Parolin ai croati: la luce di Cristo illumina la sinodalità

Quest’anno ricorre il 30° anniversario del riconoscimento della Croazia da parte della Santa Sede (13 gennaio 1992, due giorni prima degli altri paesi dell’UE) ed il 25° anniversario della ratifica di tre Trattati tra la Santa Sede e la Repubblica di Croazia (9 aprile 1997). Nello scorso agosto, in vista di questi due importanti atti storici, è stato fatto un invito alla Segreteria di Stato a visitare la Croazia e così fino al 12 maggio il segretario di stato della Santa Sede, card. Pietro Parolin, ha visitato la Croazia, salutato dall’arcivescovo di Zara, mons. Želimir Puljić:

I santi della porta accanto raccontati da Cecilia Galatolo: Nella Zulian Mariani

Spesso diventare genitori significa trovare il coraggio di rispondere alle domande più scomode: è quello che scopre Alessandro, il protagonista del nuovo romanzo, ‘Cara Nella, i tuoi figli sono dodici’ di Cecilia Galatolo, quando, sul punto di mettere a letto i propri figli in una sera come tante, si troverà a dover rispondere a una domanda che rievoca in lui ricordi spiacevoli: ‘Anche chi ha commesso un crimine finisce in paradiso?’

Papa Francesco ai migranti: siate segno di umanità

Ultimo incontro di papa Francesco a Malta nel Centro migranti intitolato a san Giovanni XXIII, conosciuto anche come ‘Peace Lab’, fondato dal 1971 dal francescano p. Dionysus Mintoff, oggi è gestito da una organizzazione di volontari e può ospitare una cinquantina di migranti, che arrivano da Somalia, Eritrea e Sudan attraverso la Libia.

La solidarietà degli Orionini agli ucraini

“La Provvidenza ci ha dato subito la possibilità di vivere, in pratica, quello che predichiamo a parole. Mi riferisco al fatto che l’emergenza Ucraina sta avendo una risposta generosa e impressionante da parte di tutti. Per prima cosa, voglio rimarcare l’eroico lavoro che i nostri confratelli e sorelle, rimasti sul luogo di guerra, stanno svolgendo. Mi piacerebbe pensare che don Orione sarebbe subito corso in aiuto a quelle popolazioni come fece in occasione dei due terremoti: don Egidio Montanari, don Moreno Cattelan e il ch. Mykhailo Kostiv sono diventati, oggi, le sue mani”.

Papa Francesco invita ad essere coraggiosi come san Giuseppe

Nell’ultima udienza generale dell’anno nell’aula Paolo VI papa Francesco ha presentato la figura di san Giuseppe, soffermandosi sulle vicende della fuga in Egitto della Sacra Famiglia e riaffermando che il coraggio è virtù da esercitare tutti i giorni:

La Chiesa di Grosseto e di Pitigliano-Sovana-Orbetello affidata a mons. Roncari

Il nuovo vescovo della diocesi di Grosseto è mons. Gianni Roncari, che già guida la diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello, che così sono unite ‘in persona episcopi’, secondo un piano di accorpamento delle diocesi italiane.

Fratel Biagio: il 50% degli accolti della missione è stato vaccinato

Tutta la missione ‘Speranza e Carità’ ringrazia di cuore il prezioso operato delle istituzioni, della sanità e per la sensibilità dei ricchi, per avere attenzionato, accolto e vaccinato i senza tetto, i poveri, gli immigrati, come ha sottolineato fratel Biagio Conte, che ha invitato tutti a vaccinarsi:

Fra Manuel Valenzisi racconta la teologia del card. Biffi

“Unico e straordinario è il disegno di Dio: prima Cristo e poi Adamo! Come a dire: ‘la soluzione precede il problema’. Non esistono due progetti, come se il peccato avesse costretto Dio a cambiare piano, esiste un unico e straordinario disegno. Infatti, il peccato di Adamo può aver sorpreso Dio fino al punto da sconvolgere il suo disegno originario d’amore? La Scrittura rivela che Cristo è prima di tutte le cose, tutte sono state create per mezzo di lui (cfr. Col 1,16). Siamo stati pensati e voluti nel Redentore. All’inizio di tutto c’è Cristo morto e risorto e solo in Lui si rivela il mistero dell’uomo e della Chiesa. Il testo conduce il lettore alla scoperta di questa visione cristocentrica che Giacomo Biffi ha meditato e proclamato per tutta la sua vita”. Così viene riportato nella quarta di copertina.

Pro Orantibus: santa Rita e la strada della comunione

Il 21 novembre, nella memoria della presentazione della Beata Vergine Maria al tempio, è ricorsa la Giornata Pro orantibus, o Giornata di preghiera per le Claustrali, istituita da Pio  XII  nel  1953. Qualche anno dopo la giornata fu fissata al 21 novembre, perché nell’offerta totale di Maria a Dio si riconosce l’ideale della vita consacrata e contemplativa. 

Fratel Perry: Dio salva dentro la storia

Ha appena 12 anni Chiara, nata nel 1194 dalla nobile e ricca famiglia degli Offreducci, quando Francesco d’Assisi compie il gesto di spogliarsi di tutti i vestiti per restituirli al padre Bernardone. Conquistata dall’esempio di Francesco, la giovane Chiara sette anni dopo fugge da casa per raggiungerlo alla Porziuncola. Si rifugia nella chiesa di san Damiano, in cui fonda l’Ordine femminile delle ‘povere recluse’ (chiamate in seguito Clarisse) di cui è nominata badessa e dove Francesco detta una prima Regola. Chiara scrive successivamente la Regola definitiva chiedendo ed ottenendo da Gregorio IX il ‘privilegio della povertà’.

89.31.72.207