Tag Archives: Prevenzione

Webinar: ‘una nuova crisi economica alle porte? Nessuno resti solo!

La Fondazione ‘Mons. Vito De Grisantis onlus’, comunica che oggi dalle ore 19.00 alle ore 20.00, sulla Fan Page Facebook della Fondazione De Grisantis e in diretta streaming sulla web tv: www.radiodelcapo.it, sarà possibile seguire il webinar dal tema: ‘Una nuova crisi economica alle porte? Nessuno resti solo!’

Simone Feder: essere accanto ai giovani

Il Centro studi per l’infanzia e l’adolescenza ‘Semi di melo’ nasce dalla pluriennale collaborazione tra Casa del Giovane di Pavia e Fondazione Exodus in campo di prevenzione, accoglienza e trattamento del disagio giovanile.

Gariwo celebra la memoria dei ‘Giusti’ dedicata al popolo ucraino

Oltre 70 cerimonie con migliaia di studenti, circa 200 articoli giornalistici: questi sono, in sintesi, i numeri della decima edizione della Giornata europea dei Giusti, dedicata al popolo ucraino e ai dissidenti russi, celebratasi domenica 6 marzo, celebrata in oltre 70 comuni italiani. L’attenzione è stata rivolta a quanto succede in Ucraina, al dramma umanitario successivo all’invasione, alla resistenza ucraina e all’impegno dei dissidenti russi scesi in piazza contro la guerra nonostante le censure e la repressione.

‘Un Padre, una famiglia’: un libro racconta l’impegno dei Salesiani contro il covid-19

Nella festa di don Bosco, era stato pubblicato in inglese ‘Un padre, una famiglia’ (a breve anche in italiano) dal Rettor maggiore dei salesiani, don Ángel Fernández Artime, libro che raccoglie fotografie e testi che raccontano il grande lavoro svolto dalla Famiglia Salesiana di tutto il mondo, in risposta alla pandemia di coronavirus: “Questo non è il momento di stare con le mani in mano e aspettare che la crisi passi; è il momento di rimboccarsi le maniche, uscire e fare tutto il possibile per aiutare chi ha bisogno. Dobbiamo prenderci cura di noi stessi, ma non chiuderci in noi stessi”.

Continuiamo l’intervista con don MC George Menamparampil, coordinatore dell’Emergency Response dei Salesiani, chiedendogli di spiegarci quale lavoro ha svolto in tempo di pandemia la famiglia salesiana:

“Il capitolo ‘Overview’ (Panoramica) fornisce una sintesi del lavoro svolto dalla Famiglia Salesiana durante la pandemia, e il capitolo ‘Strategia e priorità…’ descrive il percorso che abbiamo seguito. Siamo stati coinvolti in tutte le fasi: prevenzione, soccorso d’emergenza, soluzioni a medio e lungo termine e gestione della ‘nuova normalità’ dopo la pandemia.

Le azioni concrete sono state tutte risposte ai bisogni reali e sentiti delle persone intorno alle nostre comunità e, quindi, enormemente varie a causa delle enormi differenze nelle circostanze socio-economiche delle persone, nell’estensione dell’infezione e nella severità del lockdown e nella capacità dei governi di soddisfare i bisogni dei loro cittadini.

La ‘prevenzione’ ha comportato la sensibilizzazione su tutti gli aspetti della malattia e la realizzazione e distribuzione di maschere facciali e kit sanitari contenenti articoli sanitari. Le nostre università hanno anche progettato e fabbricato, usando anche la stampa 3D, dispositivi di protezione personale (PPE – DPI) per i lavoratori in prima linea, come il personale medico. La nostra università di Guwahati, in India, ha progettato e realizzato un ventilatore polmonare efficace ed economico.

Nella fase iniziale di emergenza della pandemia, il nostro obiettivo era quello di ‘salvare vite’; quindi la distribuzione di cibo, mascherine e articoli sanitari. Abbiamo anche fornito alloggio  alle persone che dovevano essere messe in quarantena; in alcuni luoghi le nostre istituzioni sono state utilizzate dal governo come centri di quarantena.

Abbiamo aiutato i lavoratori manuali migranti bloccati nelle città a tornare a casa e li abbiamo nutriti durante il viaggio. Abbiamo fornito una formazione a breve termine per trovare un’occupazione alternativa, abbiamo promosso l’imprenditorialità e generato lavoro”.

Allora, cosa significa prendersi cura?

“Il Covid è una malattia molto contagiosa. Ad oggi, non esiste una cura sicura, rapida, semplice e facile. Quando il Rettor Maggiore dei Salesiani ha detto queste parole, non c’erano nemmeno i vaccini. Abbiamo una grande fede in Dio. Quando Satana invitò Gesù a saltare giù dal pinnacolo del tempio perché la Bibbia dice: ‘Egli darà ordini ai suoi angeli ed essi ti porteranno sulle loro mani, perché tu non urti con il piede contro una pietra’, Gesù rispose: ‘Sta anche scritto: Non tenterai il Signore, tuo Dio’.

Abbiamo un carattere scientifico. Ci fidiamo di quello che ci dicono i medici e gli scienziati: questa malattia è molto contagiosa; indossate una mascherina; lavatevi spesso le mani con acqua e sapone; tenetevi a distanza. Il Covid è particolarmente pericoloso per le persone sopra una certa età. Una buona percentuale dei nostri confratelli si trova in quella fascia d’età.

Un modo molto sicuro per prenderci cura di noi stessi sarebbe stato quello di rinchiuderci nelle nostre stanze e nei nostri uffici e permettere solo ad una persona giovane e sana di uscire per sbrigare le faccende inevitabili come la spesa di cibo e medicine. Questo sarebbe stato un modo efficace di prenderci cura di noi stessi allo scopo di farli morire più presto e così distornare più facilmente il pericolo per sé e per gli altri”.

(Fine 2 parte. Foto: Ans)

Scuole chiuse: gli adulti ‘massacrano’ i figli

Qualunque sia il cambio di colore in Italia si ricorre ad una soluzione facilmente attuabile, chiudendo le scuole, con la conseguenza di ‘rovinare’ gli studenti e di non rendere applicabile le garanzie tutelate dalla Costituzione della Repubblica italiana, quasi che scuola e studenti fossero colpevoli di questa pandemia, come nuovi ‘monatti’ di manzoniana memoria, costretti in didattica a distanza attraverso incredibili insulti sui social media, che tradiscono l’egoismo di chi ha avuto tutto nella vita senza un minimo di sacrificio.

89.31.72.207